WP_Post Object ( [ID] => 673131 [post_author] => 24 [post_date] => 2019-11-08 10:10:41 [post_date_gmt] => 2019-11-08 09:10:41 [post_content] => In casa Hyundai la realtà virtuale assume un ruolo sempre più importante nel processo di sviluppo dei veicoli. In linea con i cambiamenti che stanno interessando il settore automobilistico, con le vetture che da semplici mezzi di trasporto sono sempre più delle estensioni degli spazi in cui viviamo, i designer della Casa sudcoreana stanno integrando la tecnologia della realtà virtuale nelle diverse fasi preliminari alla costruzione di un'auto.

Realtà virtuale velocizza i processi e contiene i costi

Disegnare un'auto prevede tradizionalmente un processo in numerosi passaggi, tra cui anche la costruzione di modelli fisici in argilla, attività quest'ultima che richiede tempistiche molto lunghe e che fa dunque aumentare i costi. Un'alternativa molto più rapida ed economica è rappresentata proprio dalla realtà virtuale, che consente ai designer di comprendere e percepire le forme interne ed esterne dei prodotti ancor prima che vengano realizzati materialmente i modelli.

Virtual Seat Buck adattabile e versatile

Ad una decina d'anni dalla prima idea di Virtual Seat Buck, oggi la tecnologia Hyundai ha raggiunto un evoluzione che permette ai designer di sviluppare vetture in modo più efficiente e adattabile alle esigenze. "Il nostro Virtual Seat Buck è un esempio di come Hyundai stia implementando innovative tecnologie nei processi di lavoro, affiancandosi alla creazione di modelli fisici in argilla delle auto – ha dichiarato Thomas Burkle, Chief Designer dello Hyundai Design Center Europe. - La realtà virtuale non solo facilita e accelera il nostro processo di design, ma ci permette anche di andare ancor più incontro alle esigenze dei nostri clienti".

Si lavora in maniera condivisa sul cloud

Grazie al Virtual Seat Buck Hyundai ha una rapida visualizzazione dei dati design, così come delle varianti di colori e allestimenti, già dalle prime fasi di sviluppo. Questi dati vengono condivisi in tempo reale con gli ingegneri, consentendo un lavoro continuativo e a più mani dei diversi dipartimenti con i progressi che di volta in volta vengono salvati sul cloud. Oltre alle infinite possibilità di visualizzazione delle componenti estetiche di una vettura, la tecnologia permette anche di provare la funzionalità dinamica delle parti mobili. [post_title] => Hyundai sfrutta il Virtual Seat Buck per il design dei nuovi modelli [FOTO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => hyundai-virtual-seat-buck-design [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-11-08 10:10:41 [post_modified_gmt] => 2019-11-08 09:10:41 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=673131 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Hyundai sfrutta il Virtual Seat Buck per il design dei nuovi modelli [FOTO]

Processo più snello, efficace ed economico

Nella realizzazione del design di una vettura Hyundai integra sempre di più il suo Virtual Seat Buck, tecnologia di realtà virtuale che velocizza e snellisce le fasi di sviluppo.

In casa Hyundai la realtà virtuale assume un ruolo sempre più importante nel processo di sviluppo dei veicoli. In linea con i cambiamenti che stanno interessando il settore automobilistico, con le vetture che da semplici mezzi di trasporto sono sempre più delle estensioni degli spazi in cui viviamo, i designer della Casa sudcoreana stanno integrando la tecnologia della realtà virtuale nelle diverse fasi preliminari alla costruzione di un’auto.

Realtà virtuale velocizza i processi e contiene i costi

Disegnare un’auto prevede tradizionalmente un processo in numerosi passaggi, tra cui anche la costruzione di modelli fisici in argilla, attività quest’ultima che richiede tempistiche molto lunghe e che fa dunque aumentare i costi. Un’alternativa molto più rapida ed economica è rappresentata proprio dalla realtà virtuale, che consente ai designer di comprendere e percepire le forme interne ed esterne dei prodotti ancor prima che vengano realizzati materialmente i modelli.

Virtual Seat Buck adattabile e versatile

Ad una decina d’anni dalla prima idea di Virtual Seat Buck, oggi la tecnologia Hyundai ha raggiunto un evoluzione che permette ai designer di sviluppare vetture in modo più efficiente e adattabile alle esigenze. “Il nostro Virtual Seat Buck è un esempio di come Hyundai stia implementando innovative tecnologie nei processi di lavoro, affiancandosi alla creazione di modelli fisici in argilla delle auto – ha dichiarato Thomas Burkle, Chief Designer dello Hyundai Design Center Europe. – La realtà virtuale non solo facilita e accelera il nostro processo di design, ma ci permette anche di andare ancor più incontro alle esigenze dei nostri clienti”.

Si lavora in maniera condivisa sul cloud

Grazie al Virtual Seat Buck Hyundai ha una rapida visualizzazione dei dati design, così come delle varianti di colori e allestimenti, già dalle prime fasi di sviluppo. Questi dati vengono condivisi in tempo reale con gli ingegneri, consentendo un lavoro continuativo e a più mani dei diversi dipartimenti con i progressi che di volta in volta vengono salvati sul cloud. Oltre alle infinite possibilità di visualizzazione delle componenti estetiche di una vettura, la tecnologia permette anche di provare la funzionalità dinamica delle parti mobili.

Hyundai sfrutta il Virtual Seat Buck per il design dei nuovi modelli [FOTO]
5 (100%) 2 votes
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati