WP_Post Object ( [ID] => 673377 [post_author] => 70 [post_date] => 2019-11-11 14:42:03 [post_date_gmt] => 2019-11-11 13:42:03 [post_content] => La guida assistita fa sempre più parte delle auto moderne, come avvicinamento alla guida autonoma. Per crescere e sviluppare sempre più questo settore, è fondamentale arrivare alla connessione tra loro dei veicoli e le infrastrutture in tempo reale. L’avvento del 5G è un elemento chiave e Vodafone sta lavorando su questo campo, con quattro progetti legati all’automotive.

I progetti Vodafone per l’automotive

Entrando nel dettaglio, il primo è denominato Urban Cross Traffic cooperativo e sfrutta la comunicazione V2V (Veichle-to-Veichle) per ampliare il raggio visivo degli attuali sistemi di sicurezza, in particolare in prossimità di un incrocio. Il secondo progetto si chiama See Through e permette di estendere il raggio visivo del guidatore, in particolare in fase di sorpasso. L’Highway Chaffeur permette lo scambio in tempo reale di informazioni su posizione e veicoli circolanti su una corsa per mantenere la corretta distanza di sicurezza, ridurre gli ingorghi ed il consumo di carburante. Infine, l’Intelligent Speed Adaption and Control sfrutta la comunicazione tra veicoli per monitorare le condizioni stradali: dai limiti di velocità ai lavori, dalle curve pericolose ai semafori. Con l’obiettivo di aumentare la sicurezza ed il comfort di guida.

Il futuro dell’assistenza alla guida

L’obiettivo è introdurre questi sistemi nei prossimi anni: “Sarà un’evoluzione progressiva - le parole di Aldo Bisio, amministratore delegato di Vodafone Italia, riportate dal Corriere della Sera - Le macchine avranno sempre più livelli assistenza poi evolveremo verso macchine guida autonoma. Tutto questo secondo me si vedrà concretamente nelle città nei prossimi 5 -15 anni”. [post_title] => Guida assistita: la tecnologia 5G e le auto connesse [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => guida-assistita-5g-auto-connesse-vodafone [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-11-11 14:49:10 [post_modified_gmt] => 2019-11-11 13:49:10 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=673377 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Guida assistita: la tecnologia 5G e le auto connesse

I quattro progetti Vodafone per l'automotive

La guida assistita sarà sempre più presente sulle auto del futuro, in attesa di arrivare alla vera e propria guida autonoma. Vodafone ha presentato quattro progetti per l'automotive, sfruttando l'arrivo della tecnologia 5G.
Guida assistita: la tecnologia 5G e le auto connesse

La guida assistita fa sempre più parte delle auto moderne, come avvicinamento alla guida autonoma. Per crescere e sviluppare sempre più questo settore, è fondamentale arrivare alla connessione tra loro dei veicoli e le infrastrutture in tempo reale. L’avvento del 5G è un elemento chiave e Vodafone sta lavorando su questo campo, con quattro progetti legati all’automotive.

I progetti Vodafone per l’automotive

Entrando nel dettaglio, il primo è denominato Urban Cross Traffic cooperativo e sfrutta la comunicazione V2V (Veichle-to-Veichle) per ampliare il raggio visivo degli attuali sistemi di sicurezza, in particolare in prossimità di un incrocio. Il secondo progetto si chiama See Through e permette di estendere il raggio visivo del guidatore, in particolare in fase di sorpasso.

L’Highway Chaffeur permette lo scambio in tempo reale di informazioni su posizione e veicoli circolanti su una corsa per mantenere la corretta distanza di sicurezza, ridurre gli ingorghi ed il consumo di carburante. Infine, l’Intelligent Speed Adaption and Control sfrutta la comunicazione tra veicoli per monitorare le condizioni stradali: dai limiti di velocità ai lavori, dalle curve pericolose ai semafori. Con l’obiettivo di aumentare la sicurezza ed il comfort di guida.

Il futuro dell’assistenza alla guida

L’obiettivo è introdurre questi sistemi nei prossimi anni: “Sarà un’evoluzione progressiva – le parole di Aldo Bisio, amministratore delegato di Vodafone Italia, riportate dal Corriere della Sera – Le macchine avranno sempre più livelli assistenza poi evolveremo verso macchine guida autonoma. Tutto questo secondo me si vedrà concretamente nelle città nei prossimi 5 -15 anni”.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati