WP_Post Object ( [ID] => 673295 [post_author] => 58 [post_date] => 2019-11-13 09:00:49 [post_date_gmt] => 2019-11-13 08:00:49 [post_content] => La nuova Hyundai i30 N-Line porta un po’ di freschezza in una realtà sempre più popolata da SUV e Crossover, facendoci riassaporare il gusto di guidare un veicolo con il baricentro più spostato verso il basso. Le auto sportive e potenti fanno sicuramente sognare, ma il costo per potersele permettere spesso è inarrivabile. Sono nate così le Hothatch, piccole vetture da città potenziate e messe a punto per regalare il massimo del divertimento. Causa superbollo e costi di gestione, anche queste piccole bombette spesso rappresentano un bell’impegno di cui farsi carico. A tal proposito sono quindi nate delle vetture come questa Hyundai i30 N-Line, dal design più sportivo che ci rimandano alla linea della Hothatch di gamma.

Hyundai i30 N-Line, come cambia il design?

Basta un’occhiata veloce per capire che questa Hyundai i30 ha subito un piccolo trattamento dall’estetista. Paraurti dedicati, prese d’aria maggiorate e splitter anteriore per rimandarci con la mente alla sorellona più ribelle, l’i30 N, da 250 o 275 CV nel caso della versione Performance. E’ acquattata verso il basso, sembra voler scattare in avanti. Il colpo d’occhio sul frontale è assicurato. Lateralmente poco cambia, se non per dei cerchi da 17” dal design dedicato (di serie), anche se avremmo preferito i 18” optional che si possono selezionare su questa versione, che sicuramente rendono più omaggio all’abito sportiveggiante della vettura. Nel retro riappaiono linee familiari con l’i30 N, come le alette laterali, lo spoiler e il piccolo estrattore centrale. Troviamo anche qui due terminali di scarico cromati, ma gemellati e posti sulla destra. Spunta anche il badge N-Line vicino al passaruota anteriore. Complessivamente un intervento estetico molto soft, che la fa comunque apparire più i30 che i30 N, ma di certo, male non le fa.

Interni, pratici e funzionali, strizzano l’occhio alla N, ma alcuni materiali sono migliorabili

All’interno le modifiche sono più profonde, con sedili sportivi a guscio, interamente rivestiti in tessuto, ma ben realizzati, con sponde pronunciate e ben contenitivi quando si cerca la guida vivace. Anche il volante è pressoché identico a quello della I30 N, rifinito in pelle traforata e dal design dedicato, ma ovviamente mancano i tasti per le modalità di guida tipici dell’i30 N. Impugnatura ergonomica e buon feeling dei materiali. Dell’i30 N ritroviamo anche il pomello del cambio, piccolo, realizzato in pelle traforata e con il logo N bene in vista. Per il resto la plancia rimane invariata, con un design un po’ anonimo e una buona prevalenza di plastiche rigide, ma ugualmente funzionale e ben strutturata. Al centro di essa spunta il sistema di infotainement da 8”, pratico, funzionale e abbastanza rapido, nonostante non sia propriamente all’ultimo grido. E’ ovviamente dotato di Apple CarPlay e Android Auto, incluso nel Plus pack. L’abitabilità è buona, si viaggia comodamente anche in 5, a patto che non siate più alti di 1 metro e 85, ma nel retro mancano sia le bocchette d’aerazione che le prese USB. Il bagagliaio si posiziona nella media, con una buona capienza di 390 litri, che diventano 1300 abbattendo i sedili posteriori.

Dinamica di guida grintosa, un po’ rigida sulle sconnessioni

Gli interventi per questa N-Line non sono solo estetici. La compatta coreana piò infatti vantare dei freni più potenti e delle sospensioni dedicate, più rigide, che sostengono meglio in curva e nei veloci cambi di direzione. Questo settaggio però la rende sicuramene più nervosa sulle asperità dell’asfalto, che si percepiscono tutte all’interno dell’abitacolo. Sia a livello di vibrazione che come rumore, le sospensioni non sembrano proprio a loro agio su pavé e asfalto leggermente dissestato, compromettendo quello che in realtà potrebbe essere un buon livello di comfort in tutte le altre situazioni. La tenuta di strada è buona, viene rilasciata con delle ottime Michelin Pilot Sport 4 che fanno la differenza e assicurano un bel grip in più soprattutto sull’anteriore, rendendola sicuramente più composta e ancorata all’asfalto. Il rovescio della medaglia però è rappresentato dalla rumorosità, soprattutto alle alte andature autostradali, dove il rotolamento dei pneumatici si fa più pronunciato rispetto ad altre competitor. L’indole sportiva però si percepisce dai comandi della vettura, con uno sterzo solido e corposo, che comunica bene ciò che succede alle ruote anteriori e gode di una buona direzionalità. I pedali sono più resistenti del normale, buono il feeling soprattutto con quello del freno, robusto e tarato alla perfezione.

L’1.0 T-GDI è grintoso e spinge bene, ma ai bassi…

Al contrario di quanto si possa pensare, unità così piccole e compatte ormai sono largamente impiegate anche su vetture di questo tipo, lunghe 4,34 e con un peso che si aggira sui 1270 kg. I 3 cilindri turbo sono un buon compromesso, che assicurano prestazioni di tutto rispetto a fronte di consumi ridotti. Non fa eccezione questo in dote alla Hyundai i30 N-Line, che fa sentire tutta la sua grinta soprattutto nella parte alta del contagiri, godendo di una grande schiena e capace di assicurare un allungo notevole. Ai bassi però abbiamo riscontrato un po’ di incertezza, sotto ai 2500 giri, dove la meccanica fatica a spostare in scioltezza la vettura. Probabilmente è colpa del cambio manuale 6 marce in nostra dotazione, dagli innesti secchi e precisi ma con una rapportata delle marce che non rende omaggio ai 172 Nm di coppia massima dichiarati a 1500 giri/min. A tal proposito infatti, la guida in città appare un tantino nervosa, costringendoci ad un uso frequente del cambio, per “pescare” il picco di coppia. Ovviamente le prestazioni sono pacate e da vettura tradizionale, con uno 0-100 km/h coperto in 11,1 secondi e una velocità massima di 190 km/h.

Hyundai i30 1.0 T-GDI 120 CV, consumi e prezzi

La Hyundai i30 N-Line dotata dell’1.0 tre cilindri da 120 CV ha fatto registrare un consumo più che dignitoso di 14 km al litro, pressapoco in linea con le principali rivali, in un ciclo misto, scendendo a 12/13 km al litro in ambiente urbano. Percorrendo strade statali o a lungo scorrimento si sale ad oltre 16 km al litro. Facendosi prendere un po’ la mano però, i consumi salgono notevolmente. Se avete una guida dinamica e un piede tendenzialmente “pesante”, ci si può avvicinare ai 10 km al litro. Il listino della gamma N-Line parte da 25.300 euro, escluse campagne promozionali, considerando un allestimento decisamente completo e ricco. Gli optional infatti sono decisamente pochi, che includono la tipologia di vernice e il Pack Plus, da 750 euro comprensivo di clima automatico bizona, vetri posteriori oscurati, sistema infotainment da 8” e retrocamera. Da ricordare anche gli iconici 5 anni di garanzia di Hyundai, da non sottovalutare in fase di acquisto.

Hyundai i30 1.0 T-GDI 120 CV N-Line: la Pagella di Motorionline

[xrrgroup][xrr label="Motore:" rating="3/5" group="s1" ] [xrr label="Ripresa:" rating="2.5/5" group="s1"] [xrr label="Cambio:" rating="4.5/5" group="s1"] [xrr label="Frenata:" rating="4.5/5" group="s1"] [xrr label="Sterzo:" rating="5/5" group="s1"] [xrr label="Tenuta di Strada:" rating="4/5" group="s1" ] [xrr label="Comfort:" rating="3.5/5" group="s1" ] [xrr label="Posizione di guida:" rating="4.5/5" group="s1" ] [xrr label="Dotazione:" rating="4/5" group="s1" ] [xrr label="Qualità/Prezzo:" rating="3.5/5" group="s1" ] [xrr label="Design:" rating="3/5" group="s1" ] [xrr label="Consumi:" rating="3.5/5" group="s1" ] [/xrrgroup] [post_title] => Nuova Hyundai i30 1.0 T-GDI 120 CV N-Line, la prova su strada della compatta coreana dall’indole vivace [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => nuova-hyundai-i30-1-0-t-gdi-120-cv-n-line-la-prova-su-strada-della-compatta-coreana-dallindole-vivace [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-11-13 23:43:07 [post_modified_gmt] => 2019-11-13 22:43:07 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=673295 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Nuova Hyundai i30 1.0 T-GDI 120 CV N-Line, la prova su strada della compatta coreana dall’indole vivace

Design impreziosito dal pacchetto N-Line, propulsore pacato e prezzi a partire da 25.300 euro

La nuova Hyundai i30 N-Line mostra i muscoli grazie ad un allestimento dedicato, che si ispira alla più sportiva i30 N Performance, ma con un più pacato 1.0 3 cilindri da 120 CV.

La nuova Hyundai i30 N-Line porta un po’ di freschezza in una realtà sempre più popolata da SUV e Crossover, facendoci riassaporare il gusto di guidare un veicolo con il baricentro più spostato verso il basso. Le auto sportive e potenti fanno sicuramente sognare, ma il costo per potersele permettere spesso è inarrivabile. Sono nate così le Hothatch, piccole vetture da città potenziate e messe a punto per regalare il massimo del divertimento. Causa superbollo e costi di gestione, anche queste piccole bombette spesso rappresentano un bell’impegno di cui farsi carico. A tal proposito sono quindi nate delle vetture come questa Hyundai i30 N-Line, dal design più sportivo che ci rimandano alla linea della Hothatch di gamma.

Hyundai i30 N-Line, come cambia il design?

Basta un’occhiata veloce per capire che questa Hyundai i30 ha subito un piccolo trattamento dall’estetista. Paraurti dedicati, prese d’aria maggiorate e splitter anteriore per rimandarci con la mente alla sorellona più ribelle, l’i30 N, da 250 o 275 CV nel caso della versione Performance. E’ acquattata verso il basso, sembra voler scattare in avanti. Il colpo d’occhio sul frontale è assicurato. Lateralmente poco cambia, se non per dei cerchi da 17” dal design dedicato (di serie), anche se avremmo preferito i 18” optional che si possono selezionare su questa versione, che sicuramente rendono più omaggio all’abito sportiveggiante della vettura. Nel retro riappaiono linee familiari con l’i30 N, come le alette laterali, lo spoiler e il piccolo estrattore centrale. Troviamo anche qui due terminali di scarico cromati, ma gemellati e posti sulla destra. Spunta anche il badge N-Line vicino al passaruota anteriore. Complessivamente un intervento estetico molto soft, che la fa comunque apparire più i30 che i30 N, ma di certo, male non le fa.

Interni, pratici e funzionali, strizzano l’occhio alla N, ma alcuni materiali sono migliorabili

All’interno le modifiche sono più profonde, con sedili sportivi a guscio, interamente rivestiti in tessuto, ma ben realizzati, con sponde pronunciate e ben contenitivi quando si cerca la guida vivace. Anche il volante è pressoché identico a quello della I30 N, rifinito in pelle traforata e dal design dedicato, ma ovviamente mancano i tasti per le modalità di guida tipici dell’i30 N. Impugnatura ergonomica e buon feeling dei materiali. Dell’i30 N ritroviamo anche il pomello del cambio, piccolo, realizzato in pelle traforata e con il logo N bene in vista. Per il resto la plancia rimane invariata, con un design un po’ anonimo e una buona prevalenza di plastiche rigide, ma ugualmente funzionale e ben strutturata. Al centro di essa spunta il sistema di infotainement da 8”, pratico, funzionale e abbastanza rapido, nonostante non sia propriamente all’ultimo grido. E’ ovviamente dotato di Apple CarPlay e Android Auto, incluso nel Plus pack. L’abitabilità è buona, si viaggia comodamente anche in 5, a patto che non siate più alti di 1 metro e 85, ma nel retro mancano sia le bocchette d’aerazione che le prese USB. Il bagagliaio si posiziona nella media, con una buona capienza di 390 litri, che diventano 1300 abbattendo i sedili posteriori.

Dinamica di guida grintosa, un po’ rigida sulle sconnessioni

Gli interventi per questa N-Line non sono solo estetici. La compatta coreana piò infatti vantare dei freni più potenti e delle sospensioni dedicate, più rigide, che sostengono meglio in curva e nei veloci cambi di direzione. Questo settaggio però la rende sicuramene più nervosa sulle asperità dell’asfalto, che si percepiscono tutte all’interno dell’abitacolo. Sia a livello di vibrazione che come rumore, le sospensioni non sembrano proprio a loro agio su pavé e asfalto leggermente dissestato, compromettendo quello che in realtà potrebbe essere un buon livello di comfort in tutte le altre situazioni. La tenuta di strada è buona, viene rilasciata con delle ottime Michelin Pilot Sport 4 che fanno la differenza e assicurano un bel grip in più soprattutto sull’anteriore, rendendola sicuramente più composta e ancorata all’asfalto. Il rovescio della medaglia però è rappresentato dalla rumorosità, soprattutto alle alte andature autostradali, dove il rotolamento dei pneumatici si fa più pronunciato rispetto ad altre competitor. L’indole sportiva però si percepisce dai comandi della vettura, con uno sterzo solido e corposo, che comunica bene ciò che succede alle ruote anteriori e gode di una buona direzionalità. I pedali sono più resistenti del normale, buono il feeling soprattutto con quello del freno, robusto e tarato alla perfezione.

L’1.0 T-GDI è grintoso e spinge bene, ma ai bassi…

Al contrario di quanto si possa pensare, unità così piccole e compatte ormai sono largamente impiegate anche su vetture di questo tipo, lunghe 4,34 e con un peso che si aggira sui 1270 kg. I 3 cilindri turbo sono un buon compromesso, che assicurano prestazioni di tutto rispetto a fronte di consumi ridotti. Non fa eccezione questo in dote alla Hyundai i30 N-Line, che fa sentire tutta la sua grinta soprattutto nella parte alta del contagiri, godendo di una grande schiena e capace di assicurare un allungo notevole. Ai bassi però abbiamo riscontrato un po’ di incertezza, sotto ai 2500 giri, dove la meccanica fatica a spostare in scioltezza la vettura. Probabilmente è colpa del cambio manuale 6 marce in nostra dotazione, dagli innesti secchi e precisi ma con una rapportata delle marce che non rende omaggio ai 172 Nm di coppia massima dichiarati a 1500 giri/min. A tal proposito infatti, la guida in città appare un tantino nervosa, costringendoci ad un uso frequente del cambio, per “pescare” il picco di coppia. Ovviamente le prestazioni sono pacate e da vettura tradizionale, con uno 0-100 km/h coperto in 11,1 secondi e una velocità massima di 190 km/h.

Hyundai i30 1.0 T-GDI 120 CV, consumi e prezzi

La Hyundai i30 N-Line dotata dell’1.0 tre cilindri da 120 CV ha fatto registrare un consumo più che dignitoso di 14 km al litro, pressapoco in linea con le principali rivali, in un ciclo misto, scendendo a 12/13 km al litro in ambiente urbano. Percorrendo strade statali o a lungo scorrimento si sale ad oltre 16 km al litro. Facendosi prendere un po’ la mano però, i consumi salgono notevolmente. Se avete una guida dinamica e un piede tendenzialmente “pesante”, ci si può avvicinare ai 10 km al litro.
Il listino della gamma N-Line parte da 25.300 euro, escluse campagne promozionali, considerando un allestimento decisamente completo e ricco. Gli optional infatti sono decisamente pochi, che includono la tipologia di vernice e il Pack Plus, da 750 euro comprensivo di clima automatico bizona, vetri posteriori oscurati, sistema infotainment da 8” e retrocamera. Da ricordare anche gli iconici 5 anni di garanzia di Hyundai, da non sottovalutare in fase di acquisto.

Hyundai i30 1.0 T-GDI 120 CV N-Line: la Pagella di Motorionline

Motore:★★★☆☆ 
Ripresa:★★½☆☆ 
Cambio:★★★★½ 
Frenata:★★★★½ 
Sterzo:★★★★★ 
Tenuta di Strada:★★★★☆ 
Comfort:★★★½☆ 
Posizione di guida:★★★★½ 
Dotazione:★★★★☆ 
Qualità/Prezzo:★★★½☆ 
Design:★★★☆☆ 
Consumi:★★★½☆ 

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati