WP_Post Object ( [ID] => 675453 [post_author] => 24 [post_date] => 2019-11-20 15:34:48 [post_date_gmt] => 2019-11-20 14:34:48 [post_content] => In un gruppo WhatsApp, che avevano chiamato "Uomini immiezzu a via" (uomini in mezzo alla strada), avvisavano della presenza di autovelox e posti di blocco delle forze dell'ordine. I 62 componenti della chat, quasi tutti residenti a Canicattì (Agrigento) con età compresa tra i 30 e i 40 anni, hanno ricevuto la notifica di avviso di conclusione dell'inchiesta da parte del pm di Agrigento, Paola Vetro.

Denunciati per interruzione di pubblico servizio in concorso

Tutti i 62 membri del gruppo WhatsApp nel quale venivano segnalate le postazioni di controllo stradale erano stati precedente denunciati dagli agenti del commissariato di Canicattì per interruzione di pubblico servizio in concorso. A far partire l'indagine era stato il ritrovamento casuale dello smartphone di uno degli iscritti alla chat di gruppo.

Tra i componenti della chat anche autisti di ambulanze

Per i componenti della gruppo WhatsApp, tra cui ci sono anche autisti di ambulanze, di mezzi di soccorso e camionisti, si delinea ora la richiesta di rinvio a giudizio o la citazione diretta. Tuttavia, l'avviso di conclusione delle indagini, consentirà agli avvocati difensori di provare ad evitare il processo attraverso la richiesta di un interrogatorio dei propri assistiti o la produzione di memorie difensive. [post_title] => Agrigento, segnalavano autovelox e posti di blocco su gruppo WhatsApp: 62 indagati [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => agrigento-segnalavano-autovelox-su-gruppo-whatsapp [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-11-20 15:34:48 [post_modified_gmt] => 2019-11-20 14:34:48 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=675453 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Agrigento, segnalavano autovelox e posti di blocco su gruppo WhatsApp: 62 indagati

Tra i componenti della chat anche autisti di ambulanze

Il pm di Agrigento ha notificato l'avviso di conclusione delle indagini ai 62 componenti del gruppo WhatsApp dove venivano segnalati autovelox e posti di blocco.
Agrigento, segnalavano autovelox e posti di blocco su gruppo WhatsApp: 62 indagati

In un gruppo WhatsApp, che avevano chiamato “Uomini immiezzu a via” (uomini in mezzo alla strada), avvisavano della presenza di autovelox e posti di blocco delle forze dell’ordine.

I 62 componenti della chat, quasi tutti residenti a Canicattì (Agrigento) con età compresa tra i 30 e i 40 anni, hanno ricevuto la notifica di avviso di conclusione dell’inchiesta da parte del pm di Agrigento, Paola Vetro.

Denunciati per interruzione di pubblico servizio in concorso

Tutti i 62 membri del gruppo WhatsApp nel quale venivano segnalate le postazioni di controllo stradale erano stati precedente denunciati dagli agenti del commissariato di Canicattì per interruzione di pubblico servizio in concorso. A far partire l’indagine era stato il ritrovamento casuale dello smartphone di uno degli iscritti alla chat di gruppo.

Tra i componenti della chat anche autisti di ambulanze

Per i componenti della gruppo WhatsApp, tra cui ci sono anche autisti di ambulanze, di mezzi di soccorso e camionisti, si delinea ora la richiesta di rinvio a giudizio o la citazione diretta. Tuttavia, l’avviso di conclusione delle indagini, consentirà agli avvocati difensori di provare ad evitare il processo attraverso la richiesta di un interrogatorio dei propri assistiti o la produzione di memorie difensive.

Agrigento, segnalavano autovelox e posti di blocco su gruppo WhatsApp: 62 indagati
5 (100%) 1 vote
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati