Maltempo, si apre voragine sull’autostrada A21 Torino-Piacenza: un’auto la evita per un soffio

Maltempo, si apre voragine sull’autostrada A21 Torino-Piacenza: un’auto la evita per un soffio

Il cedimento improvviso provocato della pioggia incessante

Sull'A21 Torino-Piacenza si è aperta un voragine di circa dieci metri, nel tratto fra Asti e Villanova, con il terreno che è sprofondato a causa della pioggia incessante che ha colpito il Piemonte negli ultimi giorni.
Maltempo, si apre voragine sull’autostrada A21 Torino-Piacenza: un’auto la evita per un soffio

Un’altra strada che si sbriciola a causa del maltempo, un’altra tragedia sfiorata. Dopo il crollo del viadotto sulla A6 Torino-Savona, questa volta il cedimento ha riguardato l’autostrada A21 Torino-Piacenza, dove nella serata di domenica 24 si è aperta una grande voragine di una decina di metri nel tratto tra Asti e Villanova. 

Un’auto ha rischiato di precipitarci dentro

In quel momento transitava un’auto molto vicina alla parte di manto stradale che ha ceduto e che fortunatamente è riuscita ad evitare la voragine per un soffio. Poco prima del cedimento altre due vetture erano transitate sul viadotto. Subito la polizia stradale è intervenuta per bloccare il traffico. La pioggia incessante che da giorni si sta abbattendo su tutto il Piemonte ha portato al collasso il terreno che è sprofondato, probabilmente anche a causa della corrosione provocata dalla presenza di un torrente attiguo.

Autostrada chiusa in entrambe le direzione

A causa della voragine l’autostrada è stata chiusa in entrambe le direzioni: verso Torino il traffico è stato deviato in uscita ad Asti Ovest, mentre verso Piacenza sono stati effettuati controlli statici precauzionali. La chiusura del tratto ha creato lunghe code e traffico elevato nelle vie secondarie.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati