WP_Post Object ( [ID] => 676905 [post_author] => 70 [post_date] => 2019-11-27 09:59:19 [post_date_gmt] => 2019-11-27 08:59:19 [post_content] => La guida autonoma è il futuro del mondo dell’automotive e, in varie parti del mondo, si susseguono i test su queste tecnologie. Uno di questi è in atto a Merano: un bus shuttle elettrico ed autonomo, in grado di trasportare fino a quindici passeggeri, sta circolando nella città dell’Alto Adige. L’esperimento è partito due giorni fa e terminerà il 1° dicembre: è il primo su territorio italiano.

Il bus a guida autonoma a Merano

La novità è la sperimentazione aperta al pubblico su percorso urbano, già avvenuta in altre città europee e nel resto del mondo: “Con questo veicolo, nell’ultimo anno, sono stati percorsi un milione e mezzo di chilometri – le parole di Roberto Maldacea, amministratore delegato dell’azienda importatrice del bus – e sono state trasportate cinquecentomila persone”. Questo bus è fornito dall’azienda francese Navya ed è equipaggiato da un sistema di diciassette satelliti, sensori e telecamere per rilevare gli ostacoli ed i pericoli. Nel test di Merano, il bus, con undici posti a sedere e quattro in piedi, non può superare i 25 chilometri orari e sono comunque presenti due tecnici, pronti ad intervenire in caso di necessità. L’autonomia è di circa nove ore con un tempo di ricarica di quattro ore, nel corso della notte.

Un milione e mezzo di euro

La sperimentazione meranese è nata dal progetto Mentor, finanziato con 1,5 milioni di euro dal programma di cooperazione europea Interreg V/A Italia-Svizzera, con capofila i comuni di Merano e Briga-Glis, in Svizzera. Partecipano al progetto Noi Techpark, Sasa e PostAuto, l'assessorato alla mobilità della Provincia di Bolzano e Sta spa. [post_title] => Guida autonoma: a Merano il primo bus senza autista [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => guida-autonoma-bus-senza-autista-merano [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-11-27 09:59:19 [post_modified_gmt] => 2019-11-27 08:59:19 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=676905 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Guida autonoma: a Merano il primo bus senza autista

È la prima sperimentazione pubblica in Italia

Merano sta sperimentando il primo bus senza autista nel nostro Paese: trasporta fino a 15 persone ed ha un'autonomia di circa nove ore. Sarà attivo nella città dell'Alto Adige fino a domenica 1° dicembre
Guida autonoma: a Merano il primo bus senza autista

La guida autonoma è il futuro del mondo dell’automotive e, in varie parti del mondo, si susseguono i test su queste tecnologie. Uno di questi è in atto a Merano: un bus shuttle elettrico ed autonomo, in grado di trasportare fino a quindici passeggeri, sta circolando nella città dell’Alto Adige. L’esperimento è partito due giorni fa e terminerà il 1° dicembre: è il primo su territorio italiano.

Il bus a guida autonoma a Merano

La novità è la sperimentazione aperta al pubblico su percorso urbano, già avvenuta in altre città europee e nel resto del mondo: “Con questo veicolo, nell’ultimo anno, sono stati percorsi un milione e mezzo di chilometri – le parole di Roberto Maldacea, amministratore delegato dell’azienda importatrice del bus – e sono state trasportate cinquecentomila persone”.

Questo bus è fornito dall’azienda francese Navya ed è equipaggiato da un sistema di diciassette satelliti, sensori e telecamere per rilevare gli ostacoli ed i pericoli. Nel test di Merano, il bus, con undici posti a sedere e quattro in piedi, non può superare i 25 chilometri orari e sono comunque presenti due tecnici, pronti ad intervenire in caso di necessità. L’autonomia è di circa nove ore con un tempo di ricarica di quattro ore, nel corso della notte.

Un milione e mezzo di euro

La sperimentazione meranese è nata dal progetto Mentor, finanziato con 1,5 milioni di euro dal programma di cooperazione europea Interreg V/A Italia-Svizzera, con capofila i comuni di Merano e Briga-Glis, in Svizzera. Partecipano al progetto Noi Techpark, Sasa e PostAuto, l’assessorato alla mobilità della Provincia di Bolzano e Sta spa.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati