WP_Post Object ( [ID] => 677590 [post_author] => 70 [post_date] => 2019-12-02 12:02:31 [post_date_gmt] => 2019-12-02 11:02:31 [post_content] => Prosegue la battaglia su Autostrade per l’Italia. Da una parte c’è il governo e, in particolare, Luigi Di Maio e dall’altra c’è Luciano Benetton, con una lettera sulla gestione della società Atlantia. Il Ministro degli Esteri prosegue sulla sua strada, già nota dai tragici fatti di Genova: “Sulla revoca delle concessione tireremo dritti”. La replica: “Come famiglia ci sentiamo parte lesa”.

La lettera di Luciano Benetton su Autostrade

L’imprenditore trevigiano ha scritto una lettera sulla situazione in corso: “Nessun componente della famiglia Benetton ha mai gestito Autostrade – le sue parole – Ci sentiamo feriti come cittadini, imprenditori e azionisti. Come famiglia Benetton ci riteniamo parte lesa e chiediamo serietà alle istituzioni”. La situazione di Autostrade: “Ci assumiamo la responsabilità di aver contribuito ad avvallare la definizione di un management che si è dimostrato non idoneo”. Arriva anche una stoccata al governo e, in particolare, a Di Maio: “Chi ha sbagliato deve pagare, ma trovo inaccettabile la campagna di odio scatenata contro la nostra famiglia, con accuse arrivate da subito e che continuano. Di Maio addita la famiglia come fosse collusa nell’aver deciso scientemente di risparmiare sugli investimenti in manutenzioni. In pratica come fosse malavitosa".

Di Maio: “Benetton è ridicolo"

L’esponente del Movimento 5 Stelle replica: “È una lettera surreale. Ma vi pare possibile? È ridicolo. Non c'è niente da fare, davanti ai morti (della tragedia del Ponte Morandi, ndr) si girano dall'altra parte, ma appena gli tocchi il portafogli impazziscono. Per noi la strada è tracciata”. [post_title] => Autostrade: verso revoca concessione, Benetton replica "Siamo parte lesa" [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => autostrade-revoca-luciano-benetton-luigi-di-maio [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-12-02 12:08:54 [post_modified_gmt] => 2019-12-02 11:08:54 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=677590 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Autostrade: verso revoca concessione, Benetton replica “Siamo parte lesa”

Prosegue la battaglia tra il Governo e l'imprenditore trevigiano

Le polemiche non si placano su Autostrade per l'Italia: la lettera di Luciano Benetton ha scatenato una nuova reazione da parte di Luigi Di Maio. Con la revoca delle concessioni sempre come tema in primo piano.
Autostrade: verso revoca concessione, Benetton replica “Siamo parte lesa”

Prosegue la battaglia su Autostrade per l’Italia. Da una parte c’è il governo e, in particolare, Luigi Di Maio e dall’altra c’è Luciano Benetton, con una lettera sulla gestione della società Atlantia. Il Ministro degli Esteri prosegue sulla sua strada, già nota dai tragici fatti di Genova: “Sulla revoca delle concessione tireremo dritti”. La replica: “Come famiglia ci sentiamo parte lesa”.

La lettera di Luciano Benetton su Autostrade

L’imprenditore trevigiano ha scritto una lettera sulla situazione in corso: “Nessun componente della famiglia Benetton ha mai gestito Autostrade – le sue parole – Ci sentiamo feriti come cittadini, imprenditori e azionisti. Come famiglia Benetton ci riteniamo parte lesa e chiediamo serietà alle istituzioni”. La situazione di Autostrade: “Ci assumiamo la responsabilità di aver contribuito ad avvallare la definizione di un management che si è dimostrato non idoneo”.

Arriva anche una stoccata al governo e, in particolare, a Di Maio: “Chi ha sbagliato deve pagare, ma trovo inaccettabile la campagna di odio scatenata contro la nostra famiglia, con accuse arrivate da subito e che continuano. Di Maio addita la famiglia come fosse collusa nell’aver deciso scientemente di risparmiare sugli investimenti in manutenzioni. In pratica come fosse malavitosa”.

Di Maio: “Benetton è ridicolo”

L’esponente del Movimento 5 Stelle replica: “È una lettera surreale. Ma vi pare possibile? È ridicolo. Non c’è niente da fare, davanti ai morti (della tragedia del Ponte Morandi, ndr) si girano dall’altra parte, ma appena gli tocchi il portafogli impazziscono. Per noi la strada è tracciata”.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati