WP_Post Object ( [ID] => 677611 [post_author] => 70 [post_date] => 2019-12-02 13:04:15 [post_date_gmt] => 2019-12-02 12:04:15 [post_content] => L’auto e la mobilità del futuro. Questi sono stati i temi dei Visionary Days di FCA; in cui 120 giovani, tra i 25 ed i 30 anni e provenienti da tutta Italia, hanno riflettuto sul ruolo dell’automobile nel futuro e sulle auto elettriche. L’evento è stato ospitato nell’Heritage Hub di FCA ed è già stata programmata una nuova edizione, prevista per il 21 novembre 2020.

I Visionary Days e l’e-Mobility Hack Day

Questo appuntamento si è concluso con l’e-Mobility Hack Day, in cui i partecipanti sono stati divisi in 15 team. Dopo una full immersion lunga quasi cinque ore, i gruppi hanno presentato i loro progetti a una giuria composta da rappresentanti della divisione e-Mobility di FCA, coordinati dal responsabile dell’ente Roberto Di Stefano. Al termine della giornata la giuria ha scelto come vincitore il team “e-Carflix” (composto da Ilaria Caroli, Lisa Cattoli, Riccardo Cravero, Gabriele Greco, Marco Landrini e Simone Repetto) il cui progetto omonimo prevede l’utilizzo di un’innovativa e semplice app grazie alla quale è possibile gestire l’uso delle vetture in sharing direttamente dallo smartphone del cliente.

Il futuro dell'auto per i giovani

Come dicevamo, i team hanno riflettuto sul ruolo dell’auto nel futuro. E, secondo i giovani, il veicolo dovrà essere un collettore di servizi, più che un semplice prodotto. Le auto elettriche non dovranno essere di proprietà, ma potranno essere utilizzati tramite progetti di car sharing innovativo. Come la condivisione via community, per ridurre le spese sull’energia elettrica. Per i giovani, nei prossimi anni gli automobilisti potranno scegliere di usare auto differenti in funzione delle loro necessità: i clienti guideranno un’utilitaria durante la settimana, quando ci si sposta in città in funzione del lavoro, dello studio e, soprattutto, del traffico. Nei week end, però, gli automobilisti dovranno avere la possibilità di cambiare vettura, sostituendola con una berlina sportiva o un SUV spazioso, ideali per una guida più divertente o un viaggio in famiglia. [post_title] => FCA Visionary Days: i giovani ed il futuro dell’automobile [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => visionary-days-fca-giovani-auto-futuro [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-12-02 13:04:15 [post_modified_gmt] => 2019-12-02 12:04:15 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=677611 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

FCA Visionary Days: i giovani ed il futuro dell’automobile

Già previsto un nuovo appuntamento a novembre 2020

I Visionary Days di FCA hanno visto oltre 100 giovani confrontarsi sul futuro della mobilità e dell'automobile. Il veicolo dovrà essere un collettore di servizi e con la possibilità di scegliere quale usare in base alla necessità
FCA Visionary Days: i giovani ed il futuro dell’automobile

L’auto e la mobilità del futuro. Questi sono stati i temi dei Visionary Days di FCA; in cui 120 giovani, tra i 25 ed i 30 anni e provenienti da tutta Italia, hanno riflettuto sul ruolo dell’automobile nel futuro e sulle auto elettriche. L’evento è stato ospitato nell’Heritage Hub di FCA ed è già stata programmata una nuova edizione, prevista per il 21 novembre 2020.

I Visionary Days e l’e-Mobility Hack Day

Questo appuntamento si è concluso con l’e-Mobility Hack Day, in cui i partecipanti sono stati divisi in 15 team. Dopo una full immersion lunga quasi cinque ore, i gruppi hanno presentato i loro progetti a una giuria composta da rappresentanti della divisione e-Mobility di FCA, coordinati dal responsabile dell’ente Roberto Di Stefano.

Al termine della giornata la giuria ha scelto come vincitore il team “e-Carflix” (composto da Ilaria Caroli, Lisa Cattoli, Riccardo Cravero, Gabriele Greco, Marco Landrini e Simone Repetto) il cui progetto omonimo prevede l’utilizzo di un’innovativa e semplice app grazie alla quale è possibile gestire l’uso delle vetture in sharing direttamente dallo smartphone del cliente.

Il futuro dell’auto per i giovani

Come dicevamo, i team hanno riflettuto sul ruolo dell’auto nel futuro. E, secondo i giovani, il veicolo dovrà essere un collettore di servizi, più che un semplice prodotto. Le auto elettriche non dovranno essere di proprietà, ma potranno essere utilizzati tramite progetti di car sharing innovativo. Come la condivisione via community, per ridurre le spese sull’energia elettrica.

Per i giovani, nei prossimi anni gli automobilisti potranno scegliere di usare auto differenti in funzione delle loro necessità: i clienti guideranno un’utilitaria durante la settimana, quando ci si sposta in città in funzione del lavoro, dello studio e, soprattutto, del traffico. Nei week end, però, gli automobilisti dovranno avere la possibilità di cambiare vettura, sostituendola con una berlina sportiva o un SUV spazioso, ideali per una guida più divertente o un viaggio in famiglia.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati