WP_Post Object ( [ID] => 637368 [post_author] => 8 [post_date] => 2019-12-06 18:45:24 [post_date_gmt] => 2019-12-06 17:45:24 [post_content] => Con la nuova Peugeot 2008 2020 continua il processo di rinnovamento della casa del Leone, iniziato con la nuova 508 e poi continuato su altre vetture della casa seguendo non solo il medesimo stile, ma anche molte delle innovazioni tecnologiche. In particolare ci riferiamo alla possibilità di sviluppare le versioni elettrificate, sia ibride che al 100% elettriche, una strada resa percorribile dalla piattaforma CMP, la stessa della nuova Peugeot 208, della Opel Corsa e della DS 3 Crossback.

Nuova Peugeot 2008 MY 2020: design più aggressivo e abitacolo super tecnologico

Rispetto alla precedente generazione, la nuova Peugeot 2008 2020 ha cambiato significativamente il suo design, riprendendo la filosofia che ha già caratterizzato le ultime gamme del Leone. Ecco quindi che i fari, sia davanti che dietro, presentano il riconoscibile stile del triplo artiglio, con le luci che sugli allestimenti più ricchi possono anche essere Full LED. Sotto di essi ecco le luci di posizione a sviluppo verticale, che completano la sempre più familiare firma luminosa della casa francese. In generale la vettura ha un aspetto molto più netto e dinamico, con linee dure e aggressive che la separano in modo ancora più evidente dalla precedente incarnazione, avvicinandola invece alla sorella più grande 3008. Contrariamente al SUV, però, questo crossover di segmento B (o B-SUV come ormai abbiamo imparato a conoscerli) riesce a contenere le sue forme entro i 4,3 metri, mettendola così in competizione con avversari impegnativi quali la Fiat 500X e la Volkswagen T-Roc. Compattezza e modernità sono quindi le parole d’ordine, con il parabrezza in posizione piuttosto inclinata così da favorire la linea del cofano, decisamente più alto rispetto al passato. Una scelta che promette di aumentare la percezione delle dimensioni dell’auto anche dal sedile del guidatore, consentendo però allo stesso tempo di avere una visione molto precisa degli ingombri, particolarmente importante in ambiente urbano. Da notare, in esclusiva sugli allestimenti più ricchi, la possibilità di avere la carrozzeria bicromatica e la decorazione a listelli orizzontali del terzo cristallo, una soluzione che tradisce l’ispirazione di alcuni modelli di Citroën come la C3 Aircross.

Nuova Peugeot 2008 2020: abitacolo da fantascienza

La particolarità che più colpisce dell’abitacolo della nuova Peugeot 2008 2020 è naturalmente il debutto della nuova generazione dell’i-Cockpit di Peugeot, ereditato direttamente dalla 208 appena uscita. Questo significa prima di tutto l’arrivo del nuovo quadro comandi completamente digitale tridimensionale, con un effetto ottico molto affascinante che forse nemmeno con le nostre foto siamo riusciti a rendere alla perfezione. Il quadro comandi è rimasto comunque in posizione “head-up”, ovvero si pone in alto rispetto al volante piuttosto che dietro di esso. Si tratta di una delle particolarità più discusse dell’i-Cockpit, in quanto è possibile che alcuni guidatori possano trovare poco visibili gli strumenti. In realtà una volta trovata la posizione giusta ci si abitua immediatamente, anche perché la possibilità di regolare i sedili è molto ampia. Questi sono molto comodi e curati, con la possibilità su alcuni allestimenti di alzare molto la qualità dei materiali attraverso optional come l’Alcantara. In generale il cruscotto è ricoperto prevalentemente di gomme piuttosto morbide al tatto, ma al tempo stesso anche piacevoli da vedere e capaci di alcuni giochi visivi come il carbon look. Buona la dotazione di scompartimenti per svuotare le tasche prima della guida (si arriva ad una capienza complessiva di 30 litri), compreso un vano molto interessante al di sopra del cambio con lo spazio sia per la ricarica a induzione dello smartphone, sia per posizionare quest’ultimo in modo da renderlo visibile ai passeggeri. Una soluzione che sarebbe ideale per usare eventuali navigatori, ma questa necessità è già soddisfatta dal sistema di infotainment, disponibile in due misure da 7 e da 10 pollici, rispettivamente con o senza navigatore satellitare (ma entrambi comunque compatibili con Apple CarPlay e Android Auto). Si hanno a disposizione tre prese USB (una davanti e due dietro) più una USB-C per i dispositivi più recenti. Concludiamo con il bagagliaio, che con i sedili posteriori in posizione parte da una capienza di 405 litri, che con il vano sottostante ne aggiunge altri 29 e arriva a 434 litri di capienza. Un risultato in linea con le medie di segmento. In generale lo spazio è di buon livello, a cominciare dai sedili anteriori, comodi e ben regolabili, per poi arrivare a quelli posteriori. In quattro si viaggia molto bene, mentre in cinque ci si stringe già un po' di più. Nessun problema, in compenso, con l'altezza del cielo. Tra i tocchi “extra” che contribuiscono ad aumentare la qualità percepita di questa vettura si segnalano senza dubbio il sistema audio curato dalla francese Focal, dotato di 10 altoparlanti, e il tetto panoramico in vetro.

Alla guida della nuova Peugeot 2008 2020

Le meccaniche sono un altro aspetto della Peugeot 2008 2020 che ha subito le maggiori rivoluzioni. Non tanto per quanto riguarda i motori “tradizionali”, dove troviamo i ben conosciuti benzina PureTech e i diesel BlueHDi, ma per ciò che concerne la mobilità alternativa. Essendo stata sviluppata sulla piattaforma CMP, come anticipato, anche la Peugeot 2008 avrà una versione completamente elettrica e in futuro forse anche ibrida. L’elettrica, però, sarà la prima arrivare e avrà delle caratteristiche piuttosto interessanti. La e-2008 avrà un motore con una potenza da 100 kW e una coppia da 260 Nm, associati ad una batteria da 50 kWh. Secondo i dati ufficiali della casa, la sua autonomia massima dovrebbe arrivare fino a 320 km, in accordo con le rilevazioni europee WLTP. In questo nostro primo contatto abbiamo potuto portare per qualche chilometro la versione elettrica, comunque con modelli di pre-produzione, e tenendo conto della natura dell’auto e delle caratteristiche del motore, possiamo dire che la e-2008 promette di essere un modello piuttosto interessante. Essendo una vettura concepita principalmente per il comfort e la piacevolezza di guida, ma al tempo stesso con una carrozzeria compatta che possa muoversi bene in città, la e-2008 sfrutta molto bene le potenzialità del motore elettrico, con accelerazioni veloci, ma non per questo brusche. Il volante è sufficientemente preciso e occorre solamente abituarsi alle sue dimensioni compatte, a meno che non si arrivi da un’altra vettura dotata dell’i-Cockpit. Non ci possiamo pronunciare per quanto riguarda l’effettiva autonomia reale, in quanto per quella dovremo attendere il nostro long test drive. Per quello che concerne la ricarica, i dati dichiarati dalla casa francese parlano di 17 ore di ricarica utilizzando una normale presa casalinga, mentre con il wallbox si scende a 7 ore e mezza. Sull’elettrica, così come sulle altre motorizzazioni, è presente il pulsante di selezione della modalità di guida (Normale, Eco e Sport), mentre sulla sola e-2008 è attivabile la funzione “Brake” con la manopola del cambio, il cui compito è quello di rigenerare l’energia frenante per ricaricare la batteria. Il freno si fa sensibilmente più duro, ma la nostra prima sensazione è che ne possa valere la pena. Concentriamoci ora, però, sulle motorizzazioni più tradizionali. In particolare abbiamo avuto la possibilità di fare un primo contatto con il benzina PureTech da 155 Cv dotato di cambio automatico EAT8 a otto rapporti. Questo è ovviamente il più frizzante di tutti i motori a disposizione, sia come potenza effettiva che come comportamento su strada. Premettendo che anche quando abbiamo a che fare con diesel e benzina la nuova Peugeot 2008 2020 si dimostra un’auto pensata soprattutto per l’utilizzo quotidiano e il comfort, questo benzina da 155 Cv sa comunque essere frizzante al punto giusto. Soprattutto inserendo la modalità di guida sportiva, che può anche contare sull’amplificazione del sound del motore. Si tratta quindi di un’unità pensata per chi comunque desidera una guida emozionante e più aggressiva, anche quando si sta semplicemente compiendo il percorso casa-lavoro. I due diesel che abbiamo provato, ovvero quello da 100 e quello da 130 Cv, sono invece molto più equilibrati nella distribuzione della potenza e garantiscono dei viaggi in pieno relax. Ci ha destato un’ottima impressione anche il cambio automatico EAT8, decisamente morbido e graduale tra un rapporto e l’altro. A nostro giudizio adatto per il tipo di pubblico al quale si rivolge la nuova Peugeot 2008. Sui modelli da 100 Cv, sia a benzina che diesel, si può avere unicamente il cambio manuale a sei marce, facile e perfettamente in linea con le richieste di segmento per quanto riguarda corsa e durezza. È possibile ovviamente equipaggiare l’auto con il sempre apprezzato Grip Control del Gruppo PSA, molto utile nel caso vi troviate a che fare spesso con fondi stradali a bassa aderenza. Il tutto è completato dai sistemi ADAS per la guida semi-autonoma di secondo livello.

Quanto costa la nuova Peugeot 2008 2020?

L’arrivo della nuova Peugeot 2008 nei concessionari è previsto per il prossimo febbraio e la versione di ingresso partirà da un prezzo di 21.050 €, con a disposizione quattro diversi allestimenti: Active, Allure, GT Line e GT, in rigoroso ordine di ricchezza di optional. Per quanto riguarda la versione elettrica Peugeot e-2008, invece si partirà da un prezzo più alto di 38.050 €, ai quali però occorrerà togliere i contributi statali, che possono essere diversi di regione in regione. [post_title] => Nuova Peugeot 2008 2020, PROVA SU STRADA delle versioni benzina, diesel ed elettrica [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => nuova-peugeot-2008-caratteristiche-allestimenti-motori-uscita-elettrica-autonomia-prezzi-prova [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-12-06 19:18:44 [post_modified_gmt] => 2019-12-06 18:18:44 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=637368 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 3 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Nuova Peugeot 2008 2020, PROVA SU STRADA delle versioni benzina, diesel ed elettrica

Caratteristiche, scheda tecnica, interni, sensazioni di guida e prezzo

Dopo la 508 e la 208, è ora il turno della nuova Peugeot 2008 2020 aggiornarsi secondo i rinnovati canoni stilistici del Leone, che aggiorna anche l’allestimento degli interni e, soprattutto, fa debuttare diverse motorizzazioni molto interessanti, tra cui anche l’attesissimo elettrico

Con la nuova Peugeot 2008 2020 continua il processo di rinnovamento della casa del Leone, iniziato con la nuova 508 e poi continuato su altre vetture della casa seguendo non solo il medesimo stile, ma anche molte delle innovazioni tecnologiche. In particolare ci riferiamo alla possibilità di sviluppare le versioni elettrificate, sia ibride che al 100% elettriche, una strada resa percorribile dalla piattaforma CMP, la stessa della nuova Peugeot 208, della Opel Corsa e della DS 3 Crossback.

Nuova Peugeot 2008 MY 2020: design più aggressivo e abitacolo super tecnologico

Rispetto alla precedente generazione, la nuova Peugeot 2008 2020 ha cambiato significativamente il suo design, riprendendo la filosofia che ha già caratterizzato le ultime gamme del Leone. Ecco quindi che i fari, sia davanti che dietro, presentano il riconoscibile stile del triplo artiglio, con le luci che sugli allestimenti più ricchi possono anche essere Full LED. Sotto di essi ecco le luci di posizione a sviluppo verticale, che completano la sempre più familiare firma luminosa della casa francese. In generale la vettura ha un aspetto molto più netto e dinamico, con linee dure e aggressive che la separano in modo ancora più evidente dalla precedente incarnazione, avvicinandola invece alla sorella più grande 3008. Contrariamente al SUV, però, questo crossover di segmento B (o B-SUV come ormai abbiamo imparato a conoscerli) riesce a contenere le sue forme entro i 4,3 metri, mettendola così in competizione con avversari impegnativi quali la Fiat 500X e la Volkswagen T-Roc. Compattezza e modernità sono quindi le parole d’ordine, con il parabrezza in posizione piuttosto inclinata così da favorire la linea del cofano, decisamente più alto rispetto al passato. Una scelta che promette di aumentare la percezione delle dimensioni dell’auto anche dal sedile del guidatore, consentendo però allo stesso tempo di avere una visione molto precisa degli ingombri, particolarmente importante in ambiente urbano. Da notare, in esclusiva sugli allestimenti più ricchi, la possibilità di avere la carrozzeria bicromatica e la decorazione a listelli orizzontali del terzo cristallo, una soluzione che tradisce l’ispirazione di alcuni modelli di Citroën come la C3 Aircross.

Nuova Peugeot 2008 2020: abitacolo da fantascienza

La particolarità che più colpisce dell’abitacolo della nuova Peugeot 2008 2020 è naturalmente il debutto della nuova generazione dell’i-Cockpit di Peugeot, ereditato direttamente dalla 208 appena uscita. Questo significa prima di tutto l’arrivo del nuovo quadro comandi completamente digitale tridimensionale, con un effetto ottico molto affascinante che forse nemmeno con le nostre foto siamo riusciti a rendere alla perfezione. Il quadro comandi è rimasto comunque in posizione “head-up”, ovvero si pone in alto rispetto al volante piuttosto che dietro di esso. Si tratta di una delle particolarità più discusse dell’i-Cockpit, in quanto è possibile che alcuni guidatori possano trovare poco visibili gli strumenti. In realtà una volta trovata la posizione giusta ci si abitua immediatamente, anche perché la possibilità di regolare i sedili è molto ampia. Questi sono molto comodi e curati, con la possibilità su alcuni allestimenti di alzare molto la qualità dei materiali attraverso optional come l’Alcantara. In generale il cruscotto è ricoperto prevalentemente di gomme piuttosto morbide al tatto, ma al tempo stesso anche piacevoli da vedere e capaci di alcuni giochi visivi come il carbon look. Buona la dotazione di scompartimenti per svuotare le tasche prima della guida (si arriva ad una capienza complessiva di 30 litri), compreso un vano molto interessante al di sopra del cambio con lo spazio sia per la ricarica a induzione dello smartphone, sia per posizionare quest’ultimo in modo da renderlo visibile ai passeggeri. Una soluzione che sarebbe ideale per usare eventuali navigatori, ma questa necessità è già soddisfatta dal sistema di infotainment, disponibile in due misure da 7 e da 10 pollici, rispettivamente con o senza navigatore satellitare (ma entrambi comunque compatibili con Apple CarPlay e Android Auto). Si hanno a disposizione tre prese USB (una davanti e due dietro) più una USB-C per i dispositivi più recenti. Concludiamo con il bagagliaio, che con i sedili posteriori in posizione parte da una capienza di 405 litri, che con il vano sottostante ne aggiunge altri 29 e arriva a 434 litri di capienza. Un risultato in linea con le medie di segmento. In generale lo spazio è di buon livello, a cominciare dai sedili anteriori, comodi e ben regolabili, per poi arrivare a quelli posteriori. In quattro si viaggia molto bene, mentre in cinque ci si stringe già un po’ di più. Nessun problema, in compenso, con l’altezza del cielo. Tra i tocchi “extra” che contribuiscono ad aumentare la qualità percepita di questa vettura si segnalano senza dubbio il sistema audio curato dalla francese Focal, dotato di 10 altoparlanti, e il tetto panoramico in vetro.

Alla guida della nuova Peugeot 2008 2020

Le meccaniche sono un altro aspetto della Peugeot 2008 2020 che ha subito le maggiori rivoluzioni. Non tanto per quanto riguarda i motori “tradizionali”, dove troviamo i ben conosciuti benzina PureTech e i diesel BlueHDi, ma per ciò che concerne la mobilità alternativa. Essendo stata sviluppata sulla piattaforma CMP, come anticipato, anche la Peugeot 2008 avrà una versione completamente elettrica e in futuro forse anche ibrida. L’elettrica, però, sarà la prima arrivare e avrà delle caratteristiche piuttosto interessanti. La e-2008 avrà un motore con una potenza da 100 kW e una coppia da 260 Nm, associati ad una batteria da 50 kWh. Secondo i dati ufficiali della casa, la sua autonomia massima dovrebbe arrivare fino a 320 km, in accordo con le rilevazioni europee WLTP. In questo nostro primo contatto abbiamo potuto portare per qualche chilometro la versione elettrica, comunque con modelli di pre-produzione, e tenendo conto della natura dell’auto e delle caratteristiche del motore, possiamo dire che la e-2008 promette di essere un modello piuttosto interessante. Essendo una vettura concepita principalmente per il comfort e la piacevolezza di guida, ma al tempo stesso con una carrozzeria compatta che possa muoversi bene in città, la e-2008 sfrutta molto bene le potenzialità del motore elettrico, con accelerazioni veloci, ma non per questo brusche. Il volante è sufficientemente preciso e occorre solamente abituarsi alle sue dimensioni compatte, a meno che non si arrivi da un’altra vettura dotata dell’i-Cockpit. Non ci possiamo pronunciare per quanto riguarda l’effettiva autonomia reale, in quanto per quella dovremo attendere il nostro long test drive. Per quello che concerne la ricarica, i dati dichiarati dalla casa francese parlano di 17 ore di ricarica utilizzando una normale presa casalinga, mentre con il wallbox si scende a 7 ore e mezza. Sull’elettrica, così come sulle altre motorizzazioni, è presente il pulsante di selezione della modalità di guida (Normale, Eco e Sport), mentre sulla sola e-2008 è attivabile la funzione “Brake” con la manopola del cambio, il cui compito è quello di rigenerare l’energia frenante per ricaricare la batteria. Il freno si fa sensibilmente più duro, ma la nostra prima sensazione è che ne possa valere la pena.

Concentriamoci ora, però, sulle motorizzazioni più tradizionali. In particolare abbiamo avuto la possibilità di fare un primo contatto con il benzina PureTech da 155 Cv dotato di cambio automatico EAT8 a otto rapporti. Questo è ovviamente il più frizzante di tutti i motori a disposizione, sia come potenza effettiva che come comportamento su strada. Premettendo che anche quando abbiamo a che fare con diesel e benzina la nuova Peugeot 2008 2020 si dimostra un’auto pensata soprattutto per l’utilizzo quotidiano e il comfort, questo benzina da 155 Cv sa comunque essere frizzante al punto giusto. Soprattutto inserendo la modalità di guida sportiva, che può anche contare sull’amplificazione del sound del motore. Si tratta quindi di un’unità pensata per chi comunque desidera una guida emozionante e più aggressiva, anche quando si sta semplicemente compiendo il percorso casa-lavoro. I due diesel che abbiamo provato, ovvero quello da 100 e quello da 130 Cv, sono invece molto più equilibrati nella distribuzione della potenza e garantiscono dei viaggi in pieno relax. Ci ha destato un’ottima impressione anche il cambio automatico EAT8, decisamente morbido e graduale tra un rapporto e l’altro. A nostro giudizio adatto per il tipo di pubblico al quale si rivolge la nuova Peugeot 2008. Sui modelli da 100 Cv, sia a benzina che diesel, si può avere unicamente il cambio manuale a sei marce, facile e perfettamente in linea con le richieste di segmento per quanto riguarda corsa e durezza. È possibile ovviamente equipaggiare l’auto con il sempre apprezzato Grip Control del Gruppo PSA, molto utile nel caso vi troviate a che fare spesso con fondi stradali a bassa aderenza. Il tutto è completato dai sistemi ADAS per la guida semi-autonoma di secondo livello.

Quanto costa la nuova Peugeot 2008 2020?

L’arrivo della nuova Peugeot 2008 nei concessionari è previsto per il prossimo febbraio e la versione di ingresso partirà da un prezzo di 21.050 €, con a disposizione quattro diversi allestimenti: Active, Allure, GT Line e GT, in rigoroso ordine di ricchezza di optional. Per quanto riguarda la versione elettrica Peugeot e-2008, invece si partirà da un prezzo più alto di 38.050 €, ai quali però occorrerà togliere i contributi statali, che possono essere diversi di regione in regione.

Nuova Peugeot 2008 2020, PROVA SU STRADA delle versioni benzina, diesel ed elettrica
4.2 (83.33%) 6 votes
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

3 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Ovidio Monti

    7 Dicembre 2019 at 21:52

    Perche’ non si parla più del sistema all grip ?

  2. Lorenzo V. E. Bellini

    7 Dicembre 2019 at 22:38

    Buonasera Ovidio,
    il sistema All Grip è di Suzuki, non di Peugeot. Quello del Gruppo PSA si chiama Grip Control ed è presente anche sulla nuova 2008 (i due sistemi tra l’altro sono differenti anche dal punto di vista tecnico nonostante il nome somigliante).

  3. Fabrizio

    8 Dicembre 2019 at 14:05

    Bella, versatile e comoda
    In armonia con il tempo dei SUV
    I francesi per le automobili medio piccole sono Forti!!!

Articoli correlati