Volkswagen Golf 8: la PROVA SU STRADA del 2.0 TDI da 150 CV [VIDEO]

Come va l'attesissima best seller di Wolfsburg

Abbiamo provato la nuova Volkswagen Golf 8 sulle strade portoghese nei dintorni di Oporto, per raccogliere le prime nostre sensazioni di guida. Come va, gli interni, i motori, i consumi ed i prezzi della best seller.

La Volkswagen Golf è arrivata alla sua ottava generazione. Un modello di continuo successo, dall’ormai lontana prima serie datata 1974 e con oltre 35 milioni di esemplari venduti nel mondo. L’edizione 2020 si presenta con novità soprattutto dal punto di vista tecnologico e con l’introduzione dei nuovi motori mild-hybrid, in attesa dell’arrivo della plug-in per l’anno prossimo.

Presentata qualche mese fa, con gli ordini aperti a dicembre e l’arrivo nelle concessionarie italiane nel prossimo mese di marzo, abbiamo avuto l’occasione di guidarla in anteprima. Le strade portoghesi nei dintorni di Oporto sono state il teatro di questa prima prova, in un percorso di circa una settantina di chilometri. Dunque, solamente un assaggio, ma sufficiente per poter avere le prime impressioni di guida. In attesa di poter fare prossimamente un test completo.

Le caratteristiche estetiche della Volkswagen Golf 8

Prima di parlare di guida, però, diamo uno sguardo alle novità della Volkswagen Golf 8. Esteticamente non ci sono state rivoluzioni, mantenendo uno stretto legame con le ultime generazioni di questo modello, ma un rinnovamento di alcuni elementi, come una nuova griglia frontale ed i gruppi ottici. A questo proposito, le luci a LED trovano posto sui proiettori di luce anabbagliante, luce abbagliante, luce di posizione, luce di marcia diurna e fanali posteriori.

Per il resto, non ci sono grandi novità, così come non sono cambiate le dimensioni: come la settima generazione misura 4.284 mm in lunghezza, 1.789 mm in larghezza e 1.456 mm in altezza, con il passo pari a 2.636 mm. Migliorata invece l’aerodinamica, grazie al nuovo frontale, con il Cx ridotto a 0,275, per dare un maggiore piacere di guida.

Volkswagen Golf 8: la rivoluzione nell’abitacolo

La vera rivoluzione è all’interno dell’abitacolo. Il nuovo ‘Innovision Cockpit’ porta la strumentazione completamente digitale, con display da 10,25 pollici, con una riduzione dei tasti fisici sostituiti da superfici sensibili al tatto e, dunque, più piacevoli. La consolle centrale è più ordinata, con una nuova tastiera digitale sul lato sinistro del quadro strumenti, per gestire con maggiore comodità le funzioni relative alle luci ed al riscaldamento di parabrezza e lunotto.

Il sistema di infotainment del modello da noi provato prevede anch’esso un display da 10,25 pollici (quello di serie è 8”25), in questa occasione touchscreen, da cui possono essere gestite tutte le funzioni di navigazione, audio e climatizzazione, comprese le informazioni sulla vettura. Avendo avuto la vettura per poco tempo non abbiamo potuto fare una verifica completa, ma la prima impressione è stata di un sistema intuitivo e piuttosto facile da utilizzare.

La connettività è un elemento fondamentale sulle vetture di questo periodo ed anche la nuova Golf è ovviamente adeguata ai tempi: con App-Connect e l’integrazione di Alexa. Tramite il famoso assistente vocale, è possibile chiedere la riproduzione di brani musicali, informazioni (come notizie o meteo) e la possibilità di gestire i dispositivi Smart Home compatibili.

Come va la nuova Volkswagen Golf

Abbiamo effettuato la prova della Volkswagen Golf 8 sulla motorizzazione 1.5 diesel da 150 cavalli e con 360 Nm di coppia massima, cioè il più potente propulsore a gasolio della best seller del marchio tedesco. Equipaggiato con il nuovo sistema twin dosing, cioè una doppia adozione di AdBlue, per abbattere le emissioni di NOx ed i consumi. Ne parleremo più tardi, per ora raccontiamo di un motore con la giusta brillantezza in avvio e con un’ottima progressione. Il cambio DSG a 7 rapporti a cui è accoppiato è buono, ma potrebbe essere più reattivo e può essere gestito anche manualmente, tramite i paddle al volante.

Lo sterzo della vettura di Wolfsburg è molto preciso, anche negli angoli più piccoli, permettendo così di pennellare le curve e di affrontare con grande agilità i tornanti affrontati nelle strade portoghesi nei dintorni di Oporto. Regalando un gran piacere di guida. La frenata è piuttosto ‘muscolare’, ma non brusca, mentre si fanno sentire alcuni fruscii aerodinamici, soprattutto quando si aumenta l’andatura, così come il terreno sconnesso e le buche sono assorbite in maniera non sempre dolce. Nel complesso, la Golf 8 ha un’anima piuttosto sportiva nelle sue sensazioni, anche se non viene abbandonato il comfort.

Non abbiamo avuto l’occasione di poter utilizzare il Travel Assist, non avendo affrontato dell’autostrada ma, secondo quanto annunciato dalla casa tedesca, questo sistema permette di viaggiare in autostrada fino a 210 chilometri orari, senza che il guidatore debba intervenire attivamente su sterzo, acceleratore e freno. Un passo verso la guida autonoma (livello 2), anche se permane l’obbligo di tenere la mani sul volante, altrimenti viene emesso l’avviso.

Abbiamo avuto l’occasione di dare una velocissima occhiata anche ad una delle novità nei motori della Volkswagen Golf 8, cioè il mild hybrid 1.5 benzina da 150 cavalli (eTSI), con la tecnologia a 48 V e la batteria agli ioni di litio. Abbiamo percorso un brevissimo tratto al volante, meno di una decina di chilometri, di questo modello, giusto per rendersi conto di uno sprint superiore in partenza, dato dalla spinta del motore elettrico, rispetto alla versione diesel.

Volkswagen Golf 8: consumi e prezzi

Diamo anche un veloce sguardo ai consumi: nel nostro percorso di 69 km, con una velocità media di 41 km/h, il computer di bordo ci ha segnalato un consumo medio pari a 6,8 i/100 km. Per chiudere, la Volkswagen Golf 8 arriverà nelle concessionarie italiane a partire dal prossimo mese di marzo, anche se sono già aperti gli ordini. Il listino prezzi parte 25.750 euro per la versione d’ingresso (1.0 TSI 110 CV), mentre la 2.0 TDI da 150 CV che abbiamo guidato parte da 33.900 euro. Ma ci sono promozioni e finanziamenti per il mercato italiano.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati