Koenigsegg Ghost: l’hypercar disegnata dal capo design di TATA Motors [RENDERING]

Koenigsegg Ghost: l’hypercar disegnata dal capo design di TATA Motors [RENDERING]

Forme estreme per un veicolo da pista

Il capo del design di TATA Motors Riccardo Angelini ha partecipato al Koenigsegg Sketch Challenge presentando il rendering della 81° Ghost, così come ha chiamato la sua personale hypercar da sogno.
Koenigsegg Ghost: l’hypercar disegnata dal capo design di TATA Motors [RENDERING]

Koenigsegg Jesko e Regera sono le due hypercar che attualmente compongono la famiglia di modelli della Casa automobilistica svedese. Secondo quanto affermato dal fondatore dell’azienda scandinava Christian von Koenigsegg, è in fase di sviluppo una nuova supercar ibrida più accessibile ed economica.

Mentre la gamma del marchio svedese dovrebbe fermarsi qui, il designer Riccardo Angelini ha immaginato come potrebbe essere la prossima hypercar estrema di Koenigsegg.

Soprannominata 81° Ghost, la vettura è stata creata nell’ambito del Koenigsegg Sketch Challenge, un’iniziativa in corso lanciata dal nuovo capo del design del marchio svedese Sasha Selipanov che ha invitato i designer di tutto il mondo a creare la loro hypercar dei sogni.

L’hypercar disegnata da Riccardo Angelini

Angelini non è un semplice designer che passa il suo tempo a disegnare vetture da mostrare online, dato che parliamo del capo del design degli esterni di TATA Motors, che in qualche modo però ha trovato il tempo per partecipare al contest creando la 81° Ghost. L’hypercar venuta fuori in questo progetto rendering, che possiamo vedere nelle immagini pubblicate da Angelini sul suo profilo Instagram, prende in prestito alcuni spunti stilistici dai precedenti modelli Koenigsegg, ma per la maggior parte ha un design inedito.

Spunti dai modelli Koenigsegg ma design unico

Forse l’elemento di design Koenigsegg più evidente di questa hypercar è la forma della cabina dell’abitacolo costituita da un tetto a doppia bolla e dal parabrezza avvolgente. La parte anteriore presenta anche dei passaruota sporgenti e dei sottili fari a LED. Guardando la vettura di profilo è impossibile non notare gli enormi tunnel pensati per gestire il flusso dell’aria ed aumentare così il carico aerodinamico.

Il posteriore della Koenigsegg 81° Ghost è invece dominato da un grande alettone che funge anche da diffusore e integra i fanali a LED sui bordi. Impossibile per un’auto simile ottenere l’omologazione per circolare in strada, ma come hypercar ad uso esclusivo per la pista l’idea grafica di Angelini avrebbe le carte in regola per essere prodotta.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati