Crollo soffitto galleria sulla A26: aperta inchiesta, Spea sospende gli ispettori che avevano effettuato i recenti controlli

Crollo soffitto galleria sulla A26: aperta inchiesta, Spea sospende gli ispettori che avevano effettuato i recenti controlli

La procura indaga per disastro colposo

La procura di Genova ha aperto l'inchiesta, contro ignoti, per disastro colposo. Spea ha sospesi i due ispettori che avevano effettuato i recenti controlli assicurando sull'assenza di rischi e criticità della galleria Bertè.
Crollo soffitto galleria sulla A26: aperta inchiesta, Spea sospende gli ispettori che avevano effettuato i recenti controlli

Su quanto accaduto qualche giorno nella galleria Bertè dell’autostrada A26, dove è crollata una porzione del soffitto finendo al centro della carreggiata e sfiorando i veicoli in transito, la procura di Genova ha aperto un fascicolo, contro ignoti, per disastro colposo. Il materiale che si è staccato dalla volta della galleria verrà sottoposto al vaglio dei tecnici nominati dalla procura.

Sospesi i due ispettori che avevano assicurato l’assenza di criticità

Nel frattempo Spea ha sospeso i due ispettori che nel corso del 2019 hanno effettuato i controlli senza segnalare nulla e assicurando che non vi era nessun rischio su quel tunnel. Come spiegato infatti da Autostrade per l’Italia, la galleria Bertè della A26 aveva recentemente superato positivamente e senza criticità le verifiche condotte dalla Spea.

Il ministro ad Autostrade: “Velocizzare i controlli”

Sulla base di quanto successo, il ministro dei Trasporti De Micheli ha avanzato la richiesta ad Autostrade di ridurre da tre a due mesi i tempi di verifica di tutte le autostrade e le gallerie gestite dal concessionario, e al contempo di incrementare il numero di squadre e di personale impegnato, in modo da poter rendere più rapidi i tempi di una prima tornata di sopralluoghi e controlli.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. gca

    2 Gennaio 2020 at 14:50

    Italiani, fatte schiffo ! Meglio in Romania !

Articoli correlati