WP_Post Object ( [ID] => 682107 [post_author] => 84 [post_date] => 2020-01-07 12:21:50 [post_date_gmt] => 2020-01-07 11:21:50 [post_content] =>
Durante le vacanze natalizie ho avuto l'opportunità di provare la prima Jaguar elettrica di serie che, ovviamente, non poteva che essere un SUV. Il suo nome? Nuova Jaguar I-Pace EV400 AWD HSE 2020.

Estetica e design

Devo dirvelo, quando i parenti sono arrivati da me per il pranzo natalizio hanno passato un bel quarto d'ora abbondante solo ad ammirare l'estetica ricercata e originale della Jag elettrica. Gli occhi erano attratti soprattutto dalle forme sinuose della carrozzeria, con il tetto che scende verso il lunotto posteriore e si fonde in un piccolo alettone sagomato. La coda è, secondo me, troppo sgraziata rispetto al resto del corpo ma a molti zii e cugini è piaciuto il lato b, prominente e squadrato, con l'appendice aerodinamica che sovrasta il gruppo ottico. Siamo ormai abituati a vedere led e gruppi ottici sottili che tagliano la coda, mentre sulla nuova Jaguar I-Pace 2020 le luci sono abbastanza grandi e si lanciano verso il fianco. Quest'ultimo non presenta particolari nervature, se escludiamo la breve rientranza nella parte bassa delle portiere, ma è impreziosito dalle maniglie a scomparsa: queste si che hanno fatto trasalire la cognata, incredula, quando le ha viste fondersi nella carrozzeria...magia. E davanti? Originale anche il muso. Qui trova spazio il prominente faccione della I-Pace che mostra con fierezza i fari appuntiti, per un gruppo ottico incattivito, due feritoie all'estremità della calandra, un cofano con la presa d'aria e la grande griglia (finta, dietro non c'è mica il motore termico) che incastona il badge del Giaguaro.

Interni e abitacolo

Prima di passare a cose più importanti, soprattutto per chi vuole sapere come si guida il primo SUV elettrico di casa Jag-Land Rover, fermiamoci a parlare dell'abitacolo e degli interni. La prima volta che mi sono seduto a bordo un Wow!! mi è scappato dalla bocca, e badate bene, non capita spesso. Davanti a me ecco il quadro strumenti digitale e il volante, dalla presa cicciotta, con le razze caratterizzate dai comandi per gestire infotainment e la strumentazione di bordo. Tutto normale dite? Aspettate. Il Wow!! è arrivato quando ho visto il ponte-plancia sospeso sul vano porta oggetti che presenta, nella parte più in basso, i bottoni per alzare o abbassare l'assetto, quelli per scegliere tra la modalità Eco, Normal e Sport e gli immancabili D, N e R per gestire la trasmissione. Portando lo sguardo verso l'alto ci sono due eleganti manopole per gestire la temperatura e uno schermino (con una definizione più nitida di quella del mio televisore con ho in sala) esclusivamente adibito per controllare il condizionatore e, ancora più in su, ecco il display dell'infotainment che fa girare il sistema operativo del gruppo Jaguar-Land Rover, facile e intuitivo, con molteplici funzioni per tener sotto controllo la guida Eco, la ricarica delle batterie e pure qualche menu dal sapore più racing, come quello per tenere il tempo sul giro o per controllare le forze G. Facendo sedere la zia tracagnotta sul divano posteriore ho notato che lo spazio non manca con la possibilità di viaggiare comodi anche in tre. Infine il bagagliaio, ad azionamento elettronico, permette di stipare da un minimo di 656 litri a 1453 litri.

Motori, batterie e autonomia

La Jaguar I-Pace 2020 è elettrica, vien da sè che il motore termico non c'è e che la macchina sia mossa dall'energia elettrifica. Che concetto difficile eh. La Jag ha ben due propulsori posizionati ciascuno su entrambi gli assi e sviluppano ciascuno 200 CV, quanto erogano insieme non ve lo dico perché dopo l'elaborato concetto di prima penso ci possiate arrivarci anche da soli. Però vi do i dati: 4,8 secondi per bruciare lo 0-100 con una velocità massima di 200 km/h. I due motori elettrici prendono vita grazie all'energia che proviene dalle batterie agli ioni di litio (con un peso complessivo di 605 kg) montate sotto il pavimento dell’abitacolo che permettono di avere un'autonomia di 480 chilometri ma, all'atto pratico, una volta caricata al 100% la Jag, il computer di bordo mi ha segnalato un'autonomia di 400 chilometri.

Quanto tempo per la ricarica?

Quanto ci ho messo a caricarla? Con la presa di casa, quella normale, un'infinita di tempo: 37 ore. Con una presa 220 V da 7 kW ne servono 13 ore di ore mentre con una colonna di ricarica rapida da 100 kW, per avere la batteria carica per l'80% ci vogliono 40 minuti.

La prova su strada

La Jaguar I-Pace 2020 alla guida è divertentissima. Il telaio infonde sicurezza e il set up riesce a farvi superare le buche del manto stradale in souplesse come riesce a farvi danzare tra le curve con agilità e sicurezza. Merito delle sospensioni pneumatiche (1.620 euro di optional) che eliminano il rollio e il beccheggio. L'avantreno è preciso e vi comunica ogni spostamento della I-Pace 2020 collaborando insieme allo sterzo sincero e chiacchierone soprattutto alle alte velocità mentre lo stesso l'ho trovato troppo pesante alla andature più basse e, soprattutto, in manovra. E poi, che accellerazione ragazzi! Già utilizzando la modalità di guida Normal, ogni carezza al pedale del gas si tramuta in una spinta contro il sedile ma, quando attiveremo la modalità Sport, quella più ludica, ecco che la suddetta spinta si tramuterà in un vero e proprio calcione nella schiena che ci proietterà in avanti per lasciare il nostro vicino di Stop a chiedersi come mai vi trovate a metri di distanza mentre lui sta ancora inserendo la prima marcia. E' proprio attivando la modalità Sport che l'anima racing di Jaguar viene fuori anche in questo SUV compatto che si trasforma cosi da un pacioso ruote alte adatto a svicolare tra le via della città in una vera e propria sportiva, capace di affrontare con sicurezza e tanto divertimento i curvoni delle strade extraurbane più sgombre dal traffico. Un difetto? Il lunotto è troppo piccolo e dietro si vede proprio poco. In manovra meglio affidarsi alla retrocamera.

Prezzo e configuratore

Per portarsi a casa la Jaguar I-Pace EV400 AWD HSE 2020 dove mettere in conto una spesa di base di 82.460 euro, se invece volete l'auto allestita come la Jag in prova, con navigatore e retrocamera, le sospensioni pneumatiche e il tetto in cristallo o ancora i fari full led, i sedili in pelle e la radio digitale, il prezzo supera di slancio i 100.000 euro. Qui il configuratore.

[review pros="Cura per gli interni. Guida dinamica super divertente." cons="Ricarica lenta. Lunotto posteriore troppo piccolo"]

La pagella di Motorionline

[xrrgroup][xrr label="Motore:" rating="5/5" group="s1" ] [xrr label="Ripresa:" rating="5/5" group="s1"] [xrr label="Cambio:" rating="5/5" group="s1"] [xrr label="Frenata:" rating="4/5" group="s1"] [xrr label="Sterzo:" rating="4/5" group="s1"] [xrr label="Tenuta di Strada:" rating="5/5" group="s1" ] [xrr label="Comfort di bordo:" rating="5/5" group="s1" ] [xrr label="Posizione di guida:" rating="4/5" group="s1" ] [xrr label="Dotazione:" rating="3/5" group="s1" ] [xrr label="Qualità/Prezzo:" rating="4/5" group="s1" ] [xrr label="Design:" rating="3/5" group="s1" ] [xrr label="Consumi:" rating="4/5" group="s1" ] [/xrrgroup]
[post_title] => Jaguar I-Pace EV400 AWD HSE 2020: la PROVA SU STRADA del primo SUV elettrico del Giaguaro [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => jaguar-i-pace-ev400-hse-2020-prova-prezzo-dimensioni-autonomia [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2020-01-07 14:32:31 [post_modified_gmt] => 2020-01-07 13:32:31 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=682107 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Jaguar I-Pace EV400 AWD HSE 2020: la PROVA SU STRADA del primo SUV elettrico del Giaguaro

Jaguar I-Pace 2020: abbiamo provato il primo SUV elettrico del Giaguaro

Jaguar I-Pace 2020: abbiamo provato il primo SUV elettrico del Giaguaro. Tutte le ultime informazioni sulla autonomia, il consumo, la ricarica, le foto con pregi e difetti.

Durante le vacanze natalizie ho avuto l’opportunità di provare la prima Jaguar elettrica di serie che, ovviamente, non poteva che essere un SUV. Il suo nome? Nuova Jaguar I-Pace EV400 AWD HSE 2020.

Estetica e design

Devo dirvelo, quando i parenti sono arrivati da me per il pranzo natalizio hanno passato un bel quarto d’ora abbondante solo ad ammirare l’estetica ricercata e originale della Jag elettrica. Gli occhi erano attratti soprattutto dalle forme sinuose della carrozzeria, con il tetto che scende verso il lunotto posteriore e si fonde in un piccolo alettone sagomato. La coda è, secondo me, troppo sgraziata rispetto al resto del corpo ma a molti zii e cugini è piaciuto il lato b, prominente e squadrato, con l’appendice aerodinamica che sovrasta il gruppo ottico. Siamo ormai abituati a vedere led e gruppi ottici sottili che tagliano la coda, mentre sulla nuova Jaguar I-Pace 2020 le luci sono abbastanza grandi e si lanciano verso il fianco. Quest’ultimo non presenta particolari nervature, se escludiamo la breve rientranza nella parte bassa delle portiere, ma è impreziosito dalle maniglie a scomparsa: queste si che hanno fatto trasalire la cognata, incredula, quando le ha viste fondersi nella carrozzeriamagia. E davanti? Originale anche il muso. Qui trova spazio il prominente faccione della I-Pace che mostra con fierezza i fari appuntiti, per un gruppo ottico incattivito, due feritoie all’estremità della calandra, un cofano con la presa d’aria e la grande griglia (finta, dietro non c’è mica il motore termico) che incastona il badge del Giaguaro.

Interni e abitacolo

Prima di passare a cose più importanti, soprattutto per chi vuole sapere come si guida il primo SUV elettrico di casa Jag-Land Rover, fermiamoci a parlare dell’abitacolo e degli interni. La prima volta che mi sono seduto a bordo un Wow!! mi è scappato dalla bocca, e badate bene, non capita spesso. Davanti a me ecco il quadro strumenti digitale e il volante, dalla presa cicciotta, con le razze caratterizzate dai comandi per gestire infotainment e la strumentazione di bordo. Tutto normale dite? Aspettate. Il Wow!! è arrivato quando ho visto il ponte-plancia sospeso sul vano porta oggetti che presenta, nella parte più in basso, i bottoni per alzare o abbassare l’assetto, quelli per scegliere tra la modalità Eco, Normal e Sport e gli immancabili D, N e R per gestire la trasmissione. Portando lo sguardo verso l’alto ci sono due eleganti manopole per gestire la temperatura e uno schermino (con una definizione più nitida di quella del mio televisore con ho in sala) esclusivamente adibito per controllare il condizionatore e, ancora più in su, ecco il display dell’infotainment che fa girare il sistema operativo del gruppo Jaguar-Land Rover, facile e intuitivo, con molteplici funzioni per tener sotto controllo la guida Eco, la ricarica delle batterie e pure qualche menu dal sapore più racing, come quello per tenere il tempo sul giro o per controllare le forze G. Facendo sedere la zia tracagnotta sul divano posteriore ho notato che lo spazio non manca con la possibilità di viaggiare comodi anche in tre. Infine il bagagliaio, ad azionamento elettronico, permette di stipare da un minimo di 656 litri a 1453 litri.

Motori, batterie e autonomia

La Jaguar I-Pace 2020 è elettrica, vien da sè che il motore termico non c’è e che la macchina sia mossa dall’energia elettrifica. Che concetto difficile eh. La Jag ha ben due propulsori posizionati ciascuno su entrambi gli assi e sviluppano ciascuno 200 CV, quanto erogano insieme non ve lo dico perché dopo l’elaborato concetto di prima penso ci possiate arrivarci anche da soli. Però vi do i dati: 4,8 secondi per bruciare lo 0-100 con una velocità massima di 200 km/h. I due motori elettrici prendono vita grazie all’energia che proviene dalle batterie agli ioni di litio (con un peso complessivo di 605 kg) montate sotto il pavimento dell’abitacolo che permettono di avere un’autonomia di 480 chilometri ma, all’atto pratico, una volta caricata al 100% la Jag, il computer di bordo mi ha segnalato un’autonomia di 400 chilometri.

Quanto tempo per la ricarica?

Quanto ci ho messo a caricarla? Con la presa di casa, quella normale, un’infinita di tempo: 37 ore. Con una presa 220 V da 7 kW ne servono 13 ore di ore mentre con una colonna di ricarica rapida da 100 kW, per avere la batteria carica per l’80% ci vogliono 40 minuti.

La prova su strada

La Jaguar I-Pace 2020 alla guida è divertentissima. Il telaio infonde sicurezza e il set up riesce a farvi superare le buche del manto stradale in souplesse come riesce a farvi danzare tra le curve con agilità e sicurezza. Merito delle sospensioni pneumatiche (1.620 euro di optional) che eliminano il rollio e il beccheggio. L’avantreno è preciso e vi comunica ogni spostamento della I-Pace 2020 collaborando insieme allo sterzo sincero e chiacchierone soprattutto alle alte velocità mentre lo stesso l’ho trovato troppo pesante alla andature più basse e, soprattutto, in manovra. E poi, che accellerazione ragazzi! Già utilizzando la modalità di guida Normal, ogni carezza al pedale del gas si tramuta in una spinta contro il sedile ma, quando attiveremo la modalità Sport, quella più ludica, ecco che la suddetta spinta si tramuterà in un vero e proprio calcione nella schiena che ci proietterà in avanti per lasciare il nostro vicino di Stop a chiedersi come mai vi trovate a metri di distanza mentre lui sta ancora inserendo la prima marcia. E’ proprio attivando la modalità Sport che l’anima racing di Jaguar viene fuori anche in questo SUV compatto che si trasforma cosi da un pacioso ruote alte adatto a svicolare tra le via della città in una vera e propria sportiva, capace di affrontare con sicurezza e tanto divertimento i curvoni delle strade extraurbane più sgombre dal traffico. Un difetto? Il lunotto è troppo piccolo e dietro si vede proprio poco. In manovra meglio affidarsi alla retrocamera.

Prezzo e configuratore

Per portarsi a casa la Jaguar I-Pace EV400 AWD HSE 2020 dove mettere in conto una spesa di base di 82.460 euro, se invece volete l’auto allestita come la Jag in prova, con navigatore e retrocamera, le sospensioni pneumatiche e il tetto in cristallo o ancora i fari full led, i sedili in pelle e la radio digitale, il prezzo supera di slancio i 100.000 euro. Qui il configuratore.

Pro e Contro

Ci PiaceNon Ci Piace
Cura per gli interni. Guida dinamica super divertente.Ricarica lenta. Lunotto posteriore troppo piccolo

La pagella di Motorionline

Motore:★★★★★ 
Ripresa:★★★★★ 
Cambio:★★★★★ 
Frenata:★★★★☆ 
Sterzo:★★★★☆ 
Tenuta di Strada:★★★★★ 
Comfort di bordo:★★★★★ 
Posizione di guida:★★★★☆ 
Dotazione:★★★☆☆ 
Qualità/Prezzo:★★★★☆ 
Design:★★★☆☆ 
Consumi:★★★★☆ 

Jaguar I-Pace EV400 AWD HSE 2020: la PROVA SU STRADA del primo SUV elettrico del Giaguaro
5 (100%) 1 vote
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati