WP_Post Object ( [ID] => 682457 [post_author] => 40 [post_date] => 2020-01-07 18:39:45 [post_date_gmt] => 2020-01-07 17:39:45 [post_content] => Due modem LTE integrati e un nuovo sistema infotainment Pivi Pro siglato Jaguar Land Rover sono le soluzioni accennate, parlando dell'innovativa connettività dual eSIM associata a Land Rover Defender e mostrata in occasione del CES 2020 a Las Vegas.

Informazioni

Il sistema di intrattenimento Pivi Pro e il Vehicle Domain Controller presentano due piattaforme automotive Qualcomm® Snapdragon 820Am ad elevate prestazioni, con integrati modem Snapdragon® X12 LTE, come segnalato. La citata piattaforma Snapdragon 820Am consente un nuovo livello prestazionale in ambito tecnologico, considerando una tecnologia che sostiene le più moderne soluzioni di comunicazione, interazione e intrattenimento. Come indicato, due modem X12 LTE si occupano di una connettività parallela downlink e uplink ad ampia larghezza di banda “su network multipli, con una connessione ultraveloce e bassa latenza”, oltre a disporre di un sistema integrato di navigazione satellitare (GNSS) e di navigazione stimata automotive. Tra gli altri aspetti posti in evidenza, la nuova Defender e il primo esemplare Land Rover che presenta un "domain controller", rafforzando la presenza di dispositivi di assistenza alla guida (ADAS) e altri sistemi, impostato su QNX Hypervisor. Vari sistemi su un minor numero di ECU, tracciando una direzione "per l'architettura di prossima generazione dei veicoli Land Rover", come indicato. Il sistema operativo BlackBerry QNX propone a chi utilizza i dispositivi di infotainment Pivi Pro un'esperienza similare a quella di quelli mobili su display Interattivi TFT. Il sistema QNX risulta "certificato al più alto livello dell'ISO 26262 – l'ASIL-D", in questo caso il QNX Hypervisor "assicura che i sistemi operativi (OS) che comandano i dispositivi critici in termini di sicurezza (ad esempio i controlli della scocca) siano isolati dai sistemi non critici per la sicurezza (ad esempio l'infotainment)", riprendendo ancora le indicazioni. Così come Jaguar Land Rover impiega la più recente piattaforma di servizi cloud-based della CloudCar. Tramite la scansione via smartphone dei codici QR del Pivi Pro a schermo, gli account di diversi servizi di streaming musicale risultano automaticamente riconosciuti e sommati al cloud. Supportati anche altri servizi e funzioni, agendo semplicemente tramite il touchscreen di bordo. Quindi parlando di visione della guida autonoma e connessa, Defender presenta già diversi sistemi incentrati sulla sicurezza e pensati con Bosch. Una partnership decennale, affinando la stessa esperienza di bordo. Assieme a varie soluzioni ADAS, Bosch ha collaborato nella realizzazione del 3D Surround Camera System di Land Rover, che amplia la visuale attorno al veicolo attraverso quattro videocamere grandangolo HD, "connesso tramite un backbone video da 3 Gbit/s e fuso con 14 sensori di ultrasuoni" come evidenziato.

La presenza a Las Vegas

Il sistema Pivi Pro è mostrato in occasione del Consumer Electronics Show (CES) di Las Vegas, con protagoniste anche le nuove Land Rover Defender 110 e 90 negli stand Qualcomm (LVCC, North Hall, 5606) e BlackBerry (LVCC, North Hall 7515), riprendendo sempre quanto segnalato. L'esemplare di Defender 110 è ordinabile a cifre che partono da 57.400 euro. Tornando sul sistema Pivi Pro, beneficia della tecnologia Software-Over-The-Air (SOTA) del nuovo veicolo sviluppato dal brand britannico. Attraverso modem ed eSIM specifiche "gli aggiornamenti SOTA possono lavorare in background, senza interferire con la connessione quotidiana, servita dall'altro modem e dall'eSIM nel modulo di infotainment", si sottolinea nell'occasione. Proprio tale soluzione con connessione always-on rappresenta "il cuore dell’abitacolo interno della Defender e controlla tutti gli aspetti del veicolo tramite il touchscreen da 10" ad alta risoluzione", utilizzando componentistica di ultima generazione. Al dispositivo possono essere connessi contemporaneamente via Bluetooth due dispositivi portatili, facendo sì che guidatore e passeggero impieghino nello stesso momento le loro funzioni "senza dover scambiare le connessioni". L'alimentazione avviene tramite batteria, inoltre la connettività LTE del sistema infotainment Jaguar Land Rover, come indicato, permette il roaming sui network in aree diverse, mitigando le interruzioni di comunicazione in base alla copertura dell'area attraversata e dei vari provider Tra gli altri aspetti anche maggiori capacità SOTA su Defender. A Francoforte il brand aveva segnalato che sarebbero stati 14 i moduli elettronici capaci di ricevere gli aggiornamenti SOTA, invece per i primi veicoli in produzione se ne segnalano già 16 ed entro la fine del 2021 gli esperti prospettano la scomparsa di aggiornamenti presso la Concessionaria, proprio in base a un incremento di moduli tendente oltre i 45, riportando ancora le indicazioni. Foto e immagini: Land Rover [post_title] => Land Rover Defender: introdotta una connettività dual eSIM al CES 2020 [FOTO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => land-rover-defender-informazioni-dual-esim-tecnologia-ces-2020 [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2020-01-07 18:39:45 [post_modified_gmt] => 2020-01-07 17:39:45 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=682457 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Land Rover Defender: introdotta una connettività dual eSIM al CES 2020 [FOTO]

Il primo esemplare con due modem LTE

Presentata, in occasione dell'appuntamento di Las Vegas, la connettività dual eSIM legata alla nuova Land Rover Defender

Due modem LTE integrati e un nuovo sistema infotainment Pivi Pro siglato Jaguar Land Rover sono le soluzioni accennate, parlando dell’innovativa connettività dual eSIM associata a Land Rover Defender e mostrata in occasione del CES 2020 a Las Vegas.

Informazioni

Il sistema di intrattenimento Pivi Pro e il Vehicle Domain Controller presentano due piattaforme automotive Qualcomm® Snapdragon 820Am ad elevate prestazioni, con integrati modem Snapdragon® X12 LTE, come segnalato. La citata piattaforma Snapdragon 820Am consente un nuovo livello prestazionale in ambito tecnologico, considerando una tecnologia che sostiene le più moderne soluzioni di comunicazione, interazione e intrattenimento. Come indicato, due modem X12 LTE si occupano di una connettività parallela downlink e uplink ad ampia larghezza di banda “su network multipli, con una connessione ultraveloce e bassa latenza”, oltre a disporre di un sistema integrato di navigazione satellitare (GNSS) e di navigazione stimata automotive.
Tra gli altri aspetti posti in evidenza, la nuova Defender e il primo esemplare Land Rover che presenta un “domain controller”, rafforzando la presenza di dispositivi di assistenza alla guida (ADAS) e altri sistemi, impostato su QNX Hypervisor. Vari sistemi su un minor numero di ECU, tracciando una direzione “per l’architettura di prossima generazione dei veicoli Land Rover”, come indicato.
Il sistema operativo BlackBerry QNX propone a chi utilizza i dispositivi di infotainment Pivi Pro un’esperienza similare a quella di quelli mobili su display Interattivi TFT.
Il sistema QNX risulta “certificato al più alto livello dell’ISO 26262 – l’ASIL-D”, in questo caso il QNX Hypervisor “assicura che i sistemi operativi (OS) che comandano i dispositivi critici in termini di sicurezza (ad esempio i controlli della scocca) siano isolati dai sistemi non critici per la sicurezza (ad esempio l’infotainment)”, riprendendo ancora le indicazioni. Così come Jaguar Land Rover impiega la più recente piattaforma di servizi cloud-based della CloudCar. Tramite la scansione via smartphone dei codici QR del Pivi Pro a schermo, gli account di diversi servizi di streaming musicale risultano automaticamente riconosciuti e sommati al cloud. Supportati anche altri servizi e funzioni, agendo semplicemente tramite il touchscreen di bordo. Quindi parlando di visione della guida autonoma e connessa, Defender presenta già diversi sistemi incentrati sulla sicurezza e pensati con Bosch. Una partnership decennale, affinando la stessa esperienza di bordo. Assieme a varie soluzioni ADAS, Bosch ha collaborato nella realizzazione del 3D Surround Camera System di Land Rover, che amplia la visuale attorno al veicolo attraverso quattro videocamere grandangolo HD, “connesso tramite un backbone video da 3 Gbit/s e fuso con 14 sensori di ultrasuoni” come evidenziato.

La presenza a Las Vegas

Il sistema Pivi Pro è mostrato in occasione del Consumer Electronics Show (CES) di Las Vegas, con protagoniste anche le nuove Land Rover Defender 110 e 90 negli stand Qualcomm (LVCC, North Hall, 5606) e BlackBerry (LVCC, North Hall 7515), riprendendo sempre quanto segnalato. L’esemplare di Defender 110 è ordinabile a cifre che partono da 57.400 euro.
Tornando sul sistema Pivi Pro, beneficia della tecnologia Software-Over-The-Air (SOTA) del nuovo veicolo sviluppato dal brand britannico. Attraverso modem ed eSIM specifiche “gli aggiornamenti SOTA possono lavorare in background, senza interferire con la connessione quotidiana, servita dall’altro modem e dall’eSIM nel modulo di infotainment”, si sottolinea nell’occasione. Proprio tale soluzione con connessione always-on rappresenta “il cuore dell’abitacolo interno della Defender e controlla tutti gli aspetti del veicolo tramite il touchscreen da 10″ ad alta risoluzione”, utilizzando componentistica di ultima generazione. Al dispositivo possono essere connessi contemporaneamente via Bluetooth due dispositivi portatili, facendo sì che guidatore e passeggero impieghino nello stesso momento le loro funzioni “senza dover scambiare le connessioni”.
L’alimentazione avviene tramite batteria, inoltre la connettività LTE del sistema infotainment Jaguar Land Rover, come indicato, permette il roaming sui network in aree diverse, mitigando le interruzioni di comunicazione in base alla copertura dell’area attraversata e dei vari provider
Tra gli altri aspetti anche maggiori capacità SOTA su Defender. A Francoforte il brand aveva segnalato che sarebbero stati 14 i moduli elettronici capaci di ricevere gli aggiornamenti SOTA, invece per i primi veicoli in produzione se ne segnalano già 16 ed entro la fine del 2021 gli esperti prospettano la scomparsa di aggiornamenti presso la Concessionaria, proprio in base a un incremento di moduli tendente oltre i 45, riportando ancora le indicazioni.

Foto e immagini: Land Rover

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati