Mercedes-Benz Vision AVTR, il nuovo concept presentato al CES di Las Vegas [FOTO]

L'auto respira, è ad impatto zero e la batteria è totalmente riciclabile

La nuova Mercedes-Benz Vision AVTR sfoggia forme e caratteristiche quasi extraterrestri, infatti si ispira come filosofia costruttiva alla connessione uomo-macchina-natura del telefilm Avatar, infatti l'auto respira, percepisce i parametri vitali del guidatore e si fonde perfettamente con l'ambiente.

Mercedes-Benz e Daimler hanno appena presentato la nuova e futuristica Mercedes-Benz Vision AVTR, il rivoluzionario concept protagonista dell’apnea iniziato CES di Las Vegas, recentemente creata in partnership con i produttori del film Avatar. La vettura è stata creata come esercizi di stile, per stimolare l’immaginazione e provare ad immaginare cosa ci aspetterà in futuro. Il veicolo presta molta attenzione alla connessione uomo-macchina-natura, in modo molto simile alla simbiosi tra il popolo Na’Vi e Pandora, nel film in questione.

Un’auto sostenibile, che respira e ricavata da materiale riciclato

Basta dare una veloce occhiata alla Vision AVTR per capire che si tratta di qualcosa di totalmente nuovo, un design e delle forme davvero rivoluzionarie, che riportano con l’immaginazione quasi ad un mondo alieno. Non è presente alcun tipo di comando della vettura, che sarà totalmente autonoma, mentre il guidatore potrà posizionare la mano su una consolle centrale, che rileverà tutti i dati biometrici della persona. Il resto dell’abitacolo appare poi molto sinuoso ed elaborato, con forme tondeggianti che sembrano avvolgere i quattro occupanti.

Tutta la vettura è stata realizzata con materiali riciclati e sostenibili, come la pelle Dynamic vegana con cui sono realizzate le quattro sedute, così come il resto dell’abitacolo, prodotto da felpe, bottiglie e vecchi tessuti rielaborati assieme. Il pavimento dell’interno è realizzato con un segno decorativo per interni, chiamato Karuun, ricavato dal rattan, una sorta di legno proveniente da piante rampicanti che abbondano in Indonesia. Molto singolare la parte posteriore della vettura dove, al posto del lunotto, troviamo una paratia ricoperta con 33 lembi, come delle feritoie, che si muovono in contemporanea al respiro del guidatore, così da simulare una vettura “vivente”. Questi flap servono ovviamente anche per migliorare l’aerodinamica della vettura.

L’attenzione all’ambiente è manifestata anche dal gruppo propulsivo, ovviamente elettrico, con una batteria da 110 kWh e un pacco batterie ricreato senza materiali tossici o metalli pericolosi per l’ambiente, un materiale organico derivato dalla grafite, per questo motivo la batteria è riciclabile al 100%. L’autonomia sarebbe attestata sui 700 km, con quattro motori, uno per ogni asse a basso impatto energetico, capaci di produrre una potenza complessiva di 470 CV.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati

    Auto

    Mercedes GLB 200d 2020 | Com’è & Come Va

    Nuova Mercedes GLB 2020: caratteristiche e prova su strada completa nel Com'è e Come Va
    Nuova Mercedes GLB: il nuovo SUV della Stella si posiziona tra la più piccola GLA e la più “importante” GLC