Maserati e l’arte di creare auto: la storica A6 1500 [VIDEO]

Maserati e l’arte di creare auto: la storica A6 1500 [VIDEO]

Primo episodio della serie “Made in Modena”

Una Gran Turismo che risale al 1947, protagonista nel primo capitolo di un interessante filone che ricorda noti esemplari del marchio
Maserati e l’arte di creare auto: la storica A6 1500 [VIDEO]

Un progetto definito nel dopoguerra, riconoscibile dal design, dall’energia e dalla sapienza costruttiva tipica del brand Maserati. Un breve racconto con protagonista la storica A6 1500 del 1947.

La vettura

Nel primo episodio di una serie di filmati proposti tramite i canali social da Maserati e dedicati ad alcune storiche vetture del Tridente, intitolata “Made in Modena”, si assaporano anche i tratti di un percorso carico di passione e tecnica. Adolfo Orsi Jr., nipote omonimo dello storico titolare di Maserati dal 1937 al 1968, narra alcuni aspetti di questa vettura. Un progetto industriale portato avanti nel dopoguerra, con la definizione di un prototipo introdotto in occasione del Salone di Ginevra del 1947.
Un’auto stradale, come ricordato nel filmato, in sostanza una spumeggiante Gran Turismo. Ma non sono mancati possessori che hanno impiegato la vettura anche in occasione di appuntamenti competitivi come la famosa “1000 Miglia”.
Entrando nel dettaglio, Matteo Panini, proprietario e curatore del Museo Panini, sottolinea la presenza già sui bozzetti di fanali a scomparsa, mettendo in evidenza anche soluzioni altrettanto interessanti e raffinate come ad esempio delle maniglie aerodinamiche, oppure un indicatore della benzina con segnale luminoso crescente. Un’attenzione nel dettaglio piuttosto elevata. Particolari rimarcati ancora da Adolfo Orsi Jr., come la definizione della pedaliera con il tipico marchio del Tridente. Un elevato concetto di stile siglato da Pininfarina, nome leggendario del design automobilistico italiano.
Infine a proposito del cuore propulsivo, l’esperto della storia del brand, Ermanno Cozza, ricorda inizialmente un solo carburatore, ma anche l’adozione di ben tre carburatori per chi allora cercava maggior spinta. Era un prodotto legato a una “ricerca”. La stessa arte firmata dai “sarti” della Maserati, riprendendo quanto detto da Cozza, sviluppando auto in base ai gusti della clientela.

Video: Maserati
Immagine di apertura ripresa dal filmato

Scopri le Offerte



    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati