WP_Post Object ( [ID] => 680518 [post_author] => 70 [post_date] => 2020-01-29 10:36:25 [post_date_gmt] => 2020-01-29 09:36:25 [post_content] => La nuova Mazda2 è arrivata sul mercato italiano con il restyling, in cui sono stati effettuati alcuni aggiornamenti estetici, ma soprattutto sono state introdotte le nuove motorizzazioni, con il sistema mild-hybrid. Si tratta di un ‘aiuto’ al motore termico (esclusivamente benzina) per ridurre i consumi ed aumentare l’efficienza, così ci fanno sapere dalla casa giapponese. Sarà davvero così? Abbiamo avuto l’occasione di provare in anteprima questo rinnovato modello sulle strade di Atene, per circa un centinaio di chilometri, per avere un primo assaggio delle novità e delle sensazioni di guida sulla versione 2020. Una vettura in arrivo nelle nostre concessionarie e con un listino prezzi a partire da 17.800 euro. Con uno sconto per chi la acquisterà entro il 31 gennaio.

Le caratteristiche della Mazda2 2020

Diamo prima uno sguardo alle novità sulla Mazda2 2020 dal punto di vista estetico. La vettura, proposta con un baricentro più basso, presenta una nuova griglia anteriore a nido d’ape, un nuovo disegno per i paraurti anteriore e posteriori, così come i proiettori a LED sono di serie su tutte le versioni. Dunque, non si tratta di una rivoluzione, ma di alcuni aggiornamenti per accentuare il family feeling del marchio nipponico, già visto sulla Mazda3 e sulla CX-30. Qualche novità anche all’interno dell’abitacolo, dove i tecnici hanno voluto dare una sensazione di un livello più elevato, con tessuti più raffinati, capaci di creare un gioco di luci ed ombre. Inoltre, i sedili sono stati resi più confortevoli, grazie ad una nuova conformazione e struttura, con l’obiettivo di tenere una posizione più naturale e diminuire la stanchezza al volante, anche in caso si debbano effettuare dei viaggi più lunghi. Effettivamente, si percepiscono questi aggiornamenti, con materiali morbidi al tatto ed una buona qualità generale. L’introduzione di Apple CarPlay e Android Auto, integrati nel sistema di infotainment Mazda Connect, renderà felici molti automobilisti, che potranno così replicare il proprio smartphone sullo schermo centrale a grafica TFT a colori da 7 pollici. L’abitacolo propone nuove tonalità di colori, disponibili a seconda dell’allestimento (Evolve, Exceed o Exclusive) prescelto. Parlando di spazio, è adeguato anche per le gambe dei passeggeri posteriori, anche se chi è più alto potrebbe non essere particolarmente comodo, mentre i 250 litri di capienza del bagagliaio non sono così elevati, però bisogna considerare che stiamo parlando di una vettura di segmento B.

Come va la Mazda2 2020

Ora mettiamoci al volante della nuova Mazda2, nella versione da noi provata con motore 1.5 SkyActiv-G da 90 cavalli ed, appunto, il sistema Mazda M Hybrid, con un condensatore da 0,012 kWh e 22,5 V per dare un supporto al propulsore termico nelle fasi più dispendiose di utilizzo di energia e carburante. La piccola giapponese è omologata come veicolo ibrido e, dunque, può ottenere gli incentivi previsti e circolare in alcune ZTL o in caso di blocchi del traffico. L’utilitaria propone un buono spunto in un contesto cittadino, quando c’è da superare un incrocio o una rotonda, tuttavia è un po’ meno brillante quando si affronta il percorso extraurbano e si utilizzano le marce più alte: in quinta ed in sesta, schiacciando sull’acceleratore, serve qualche secondo prima di prendere il giusto brio. Resta il fatto che non ci troviamo al volante di una sportiva, quindi ciò potrebbe non disturbare più di tanto un cliente medio di questo modello, considerando un generale ottimo comfort di guida. Il cambio (ora a sei rapporti) si conferma, infatti, puntuale nelle cambiate, così come lo sterzo è preciso e della giusta sensibilità, mentre una delle note meno positive della versione precedente erano i fruscii a velocità più elevate. I tecnici hanno lavorato sull’insonorizzazione (si parla di una riduzione del 35% del rumore) ed effettivamente il risultato si sente: l’abitacolo è ora molto più silenzioso e permette di parlare o ascoltare la radio senza alcuna difficoltà. Le sospensioni sono state anch’esse migliorate, permettendo di assorbire dossi o disconnessioni della strada, così come non mancano i sistemi di assistenza alla guida, grazie ai quali è possibile aumentare la sicurezza ed il comfort: dal sistema di mantenimento della corsia, alla frenata assistita con il rilevamento dei pedoni anche di notte, arrivando al monitor a 360°, con quattro telecamere, potendo osservare cosa avviene dietro ed attorno alla vettura.

Consumi e prezzi della nuova Mazda2

Diamo uno sguardo ai consumi, un tema importante e su cui Mazda ha puntato molto, con l’introduzione dell’ibrido: il nostro percorso è stato principalmente extraurbano, sulla strada costiera nei dintorni di Atene, ed il computer di bordo ha rilevato un consumo medio di 5,8 l/100 km, ad una velocità media di 40 km/h. Aspettiamo la conferma in una prova più lunga e su un percorso più misto, però ricordiamo che, nel nostro long test drive della versione 2019, avevamo rilevato 6,8 l/100 km. Dunque, se confermato, è un effettivo miglioramento. Chiudiamo con i prezzi: il listino partirà dai 17.800 euro previsti per la versione Evolve sia con motore da 75 CV sia da 90 CV, fino ad arrivare ai 22.550 euro della versione Esclusive da 90 CV. Non ci sono diesel e non viene proposto il cambio automatico sul mercato italiano (“Ha avuto una quota di vendita solo del 4% nella versione precedente” ci spiegano da Mazda). L’offerta di lancio Hybrid Celebration, entro il 31 gennaio, garantirà un vantaggio di 2.300 euro. [post_title] => Mazda2 2020: la PROVA SU STRADA della rinnovata giapponese [VIDEO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => mazda-2-2020-ibrida-caratteristiche-motore-autonomia-uscita-prezzi-prova [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2020-01-30 13:19:37 [post_modified_gmt] => 2020-01-30 12:19:37 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=680518 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Mazda2 2020: la PROVA SU STRADA della rinnovata giapponese [VIDEO]

Le sensazioni di guida sulle strade nei dintorni di Atene

La Mazda2 è stata rinnovata dal punto di vista estetico e nelle motorizzazioni, con l'arrivo del MY 2020, in cui è stata introdotta soprattutto la tecnologia mild-hybrid. La prova su strada in anteprima, con le prime sensazioni di guida

La nuova Mazda2 è arrivata sul mercato italiano con il restyling, in cui sono stati effettuati alcuni aggiornamenti estetici, ma soprattutto sono state introdotte le nuove motorizzazioni, con il sistema mild-hybrid. Si tratta di un ‘aiuto’ al motore termico (esclusivamente benzina) per ridurre i consumi ed aumentare l’efficienza, così ci fanno sapere dalla casa giapponese. Sarà davvero così?

Abbiamo avuto l’occasione di provare in anteprima questo rinnovato modello sulle strade di Atene, per circa un centinaio di chilometri, per avere un primo assaggio delle novità e delle sensazioni di guida sulla versione 2020. Una vettura in arrivo nelle nostre concessionarie e con un listino prezzi a partire da 17.800 euro. Con uno sconto per chi la acquisterà entro il 31 gennaio.

Le caratteristiche della Mazda2 2020

Diamo prima uno sguardo alle novità sulla Mazda2 2020 dal punto di vista estetico. La vettura, proposta con un baricentro più basso, presenta una nuova griglia anteriore a nido d’ape, un nuovo disegno per i paraurti anteriore e posteriori, così come i proiettori a LED sono di serie su tutte le versioni. Dunque, non si tratta di una rivoluzione, ma di alcuni aggiornamenti per accentuare il family feeling del marchio nipponico, già visto sulla Mazda3 e sulla CX-30.

Qualche novità anche all’interno dell’abitacolo, dove i tecnici hanno voluto dare una sensazione di un livello più elevato, con tessuti più raffinati, capaci di creare un gioco di luci ed ombre. Inoltre, i sedili sono stati resi più confortevoli, grazie ad una nuova conformazione e struttura, con l’obiettivo di tenere una posizione più naturale e diminuire la stanchezza al volante, anche in caso si debbano effettuare dei viaggi più lunghi. Effettivamente, si percepiscono questi aggiornamenti, con materiali morbidi al tatto ed una buona qualità generale.

L’introduzione di Apple CarPlay e Android Auto, integrati nel sistema di infotainment Mazda Connect, renderà felici molti automobilisti, che potranno così replicare il proprio smartphone sullo schermo centrale a grafica TFT a colori da 7 pollici. L’abitacolo propone nuove tonalità di colori, disponibili a seconda dell’allestimento (Evolve, Exceed o Exclusive) prescelto. Parlando di spazio, è adeguato anche per le gambe dei passeggeri posteriori, anche se chi è più alto potrebbe non essere particolarmente comodo, mentre i 250 litri di capienza del bagagliaio non sono così elevati, però bisogna considerare che stiamo parlando di una vettura di segmento B.

Come va la Mazda2 2020

Ora mettiamoci al volante della nuova Mazda2, nella versione da noi provata con motore 1.5 SkyActiv-G da 90 cavalli ed, appunto, il sistema Mazda M Hybrid, con un condensatore da 0,012 kWh e 22,5 V per dare un supporto al propulsore termico nelle fasi più dispendiose di utilizzo di energia e carburante. La piccola giapponese è omologata come veicolo ibrido e, dunque, può ottenere gli incentivi previsti e circolare in alcune ZTL o in caso di blocchi del traffico.

L’utilitaria propone un buono spunto in un contesto cittadino, quando c’è da superare un incrocio o una rotonda, tuttavia è un po’ meno brillante quando si affronta il percorso extraurbano e si utilizzano le marce più alte: in quinta ed in sesta, schiacciando sull’acceleratore, serve qualche secondo prima di prendere il giusto brio. Resta il fatto che non ci troviamo al volante di una sportiva, quindi ciò potrebbe non disturbare più di tanto un cliente medio di questo modello, considerando un generale ottimo comfort di guida.

Il cambio (ora a sei rapporti) si conferma, infatti, puntuale nelle cambiate, così come lo sterzo è preciso e della giusta sensibilità, mentre una delle note meno positive della versione precedente erano i fruscii a velocità più elevate. I tecnici hanno lavorato sull’insonorizzazione (si parla di una riduzione del 35% del rumore) ed effettivamente il risultato si sente: l’abitacolo è ora molto più silenzioso e permette di parlare o ascoltare la radio senza alcuna difficoltà.

Le sospensioni sono state anch’esse migliorate, permettendo di assorbire dossi o disconnessioni della strada, così come non mancano i sistemi di assistenza alla guida, grazie ai quali è possibile aumentare la sicurezza ed il comfort: dal sistema di mantenimento della corsia, alla frenata assistita con il rilevamento dei pedoni anche di notte, arrivando al monitor a 360°, con quattro telecamere, potendo osservare cosa avviene dietro ed attorno alla vettura.

Consumi e prezzi della nuova Mazda2

Diamo uno sguardo ai consumi, un tema importante e su cui Mazda ha puntato molto, con l’introduzione dell’ibrido: il nostro percorso è stato principalmente extraurbano, sulla strada costiera nei dintorni di Atene, ed il computer di bordo ha rilevato un consumo medio di 5,8 l/100 km, ad una velocità media di 40 km/h. Aspettiamo la conferma in una prova più lunga e su un percorso più misto, però ricordiamo che, nel nostro long test drive della versione 2019, avevamo rilevato 6,8 l/100 km. Dunque, se confermato, è un effettivo miglioramento.

Chiudiamo con i prezzi: il listino partirà dai 17.800 euro previsti per la versione Evolve sia con motore da 75 CV sia da 90 CV, fino ad arrivare ai 22.550 euro della versione Esclusive da 90 CV. Non ci sono diesel e non viene proposto il cambio automatico sul mercato italiano (“Ha avuto una quota di vendita solo del 4% nella versione precedente” ci spiegano da Mazda). L’offerta di lancio Hybrid Celebration, entro il 31 gennaio, garantirà un vantaggio di 2.300 euro.

Mazda2 2020: la PROVA SU STRADA della rinnovata giapponese [VIDEO]
5 (100%) 2 votes
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati