WP_Post Object ( [ID] => 686194 [post_author] => 80 [post_date] => 2020-02-01 12:17:41 [post_date_gmt] => 2020-02-01 11:17:41 [post_content] => Novità in arrivo per chi guida mezzi pesanti per il trasporto di cose o persone riguardo l'obbligo di possedere la CQC, cioè la Carta di Qualificazione del Conducente. Il Consiglio dei ministri del 23 gennaio 2020 ha infatti approvato il provvedimento di recepimento della Direttiva (UE) 2018/645 che modifica la direttiva europea 2003/59/CE. Questa modifica introduce l'obbligo a chiunque possiede una patente delle categorie C1, C, C1E, CE, D1, D, D1E, DE ad avere la CQC, indipendentemente dal lavoro svolto. Prima della modifica infatti l'obbligo era solo per i conducenti che effettuavano professionalmente trasporto di persone e di cose con le patenti sopra indicate. Erano quindi esclusi per esempio i meccanici dediti alle riparazioni dei mezzi pesanti, i venditori e gli autisti di veicoli utilizzati in servizio di emergenza o destinati a missioni di salvataggio. Anche per la guida di veicoli utilizzati per lezioni ai fini del conseguimento della patente di guida o dei certificati di abilitazione professionale valeva l'esonero. Un'altra categoria senza obbligo di CQC erano i conducenti di veicoli che trasportano materiale o attrezzature utilizzati dal conducente nell'esercizio della propria attività, a patto che la guida non sia l'attività principale. Erano quindi esonerate quelle figure che utilizzavano i veicoli pesanti in modo sporadico e non come primo impiego. Recependo invece la modifica della direttiva europea 2003/59/CE invece la CQC sarà obbligatoria per chiunque guiderà veicoli che necessitano delle patenti C, D ed E con le relative sotto categorie. la nuova direttiva approvata prevede anche che gli Stati membri si scambino reciprocamente le informazioni in materia di qualificazione dei conducenti creando una rete informatica dedicata per tenere sempre aggiornata la situazione delle CQC riportando i relativi corsi di aggiornamento effettuati dai conducenti. [post_title] => CQC: estensione dell'obbligo per tutti i conducenti di mezzi pesanti [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => cqc-estensione-dellobbligo-per-tutti-i-conducenti-di-mezzi-pesanti [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2020-02-01 12:19:40 [post_modified_gmt] => 2020-02-01 11:19:40 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=686194 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

CQC: estensione dell’obbligo per tutti i conducenti di mezzi pesanti

Cambiano le regole per l'obbligo della CQC

La Carta di Qualificazione del Conducente sarà obbligatoria per chiunque guidi veicoli che necessitano di patente C, D, E. Decade l'esonero per i conducenti che guidano i mezzi pesanti in modo sporadico
CQC: estensione dell’obbligo per tutti i conducenti di mezzi pesanti

Novità in arrivo per chi guida mezzi pesanti per il trasporto di cose o persone riguardo l’obbligo di possedere la CQC, cioè la Carta di Qualificazione del Conducente. Il Consiglio dei ministri del 23 gennaio 2020 ha infatti approvato il provvedimento di recepimento della Direttiva (UE) 2018/645 che modifica la direttiva europea 2003/59/CE. Questa modifica introduce l’obbligo a chiunque possiede una patente delle categorie C1, C, C1E, CE, D1, D, D1E, DE ad avere la CQC, indipendentemente dal lavoro svolto. Prima della modifica infatti l’obbligo era solo per i conducenti che effettuavano professionalmente trasporto di persone e di cose con le patenti sopra indicate. Erano quindi esclusi per esempio i meccanici dediti alle riparazioni dei mezzi pesanti, i venditori e gli autisti di veicoli utilizzati in servizio di emergenza o destinati a missioni di salvataggio. Anche per la guida di veicoli utilizzati per lezioni ai fini del conseguimento della patente di guida o dei certificati di abilitazione professionale valeva l’esonero. Un’altra categoria senza obbligo di CQC erano i conducenti di veicoli che trasportano materiale o attrezzature utilizzati dal conducente nell’esercizio della propria attività, a patto che la guida non sia l’attività principale. Erano quindi esonerate quelle figure che utilizzavano i veicoli pesanti in modo sporadico e non come primo impiego. Recependo invece la modifica della direttiva europea 2003/59/CE invece la CQC sarà obbligatoria per chiunque guiderà veicoli che necessitano delle patenti C, D ed E con le relative sotto categorie. la nuova direttiva approvata prevede anche che gli Stati membri si scambino reciprocamente le informazioni in materia di qualificazione dei conducenti creando una rete informatica dedicata per tenere sempre aggiornata la situazione delle CQC riportando i relativi corsi di aggiornamento effettuati dai conducenti.

CQC: estensione dell’obbligo per tutti i conducenti di mezzi pesanti
4 (80%) 1 vote
Leggi altri articoli in Veicoli commerciali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati