WP_Post Object ( [ID] => 686446 [post_author] => 70 [post_date] => 2020-02-04 10:49:07 [post_date_gmt] => 2020-02-04 09:49:07 [post_content] => La 12 Ore di Bathurst ha visto delle qualifiche molto movimentate, con tre incidenti molto spettacolari e, fortunatamente, senza particolari conseguenze per i piloti. Prima lo schianto multiplo tra Cameron McConville, Sam Shagin e Tyler Everingham, poi è andato a muro Marvin Kirchhofer ed, infine, è toccato a Dean Canto con un’uscita di strada superando le barriere di pneumatici.

L’incidente tra McConville e Shahin

Entrando nel dettaglio, il primo incidente è avvenuto con un contatto tra Cameron McConville e Sam Shahin, con il pilota della Lamborghini che ha toccato la Mercedes del rivale e l’ha mandato a muro. Sopraggiungeva Tyler Everingham e non ha potuto evitare Shahin, andando a sbattere contro le barriere. Tutti sono usciti senza grandi problemi dalle loro auto.

Lo schianto di Kirchhofer

Il secondo schianto ha visto protagonista Marvin Kirchhofer. Il pilota dell’Aston Martin Vantage ha perso il controllo della vettura, ha colpito il muretto e si è capottata. L’auto è andata in buona parte distrutta dallo schianto, ma il pilota è uscito dalla vettura con le proprie gambe.

Canto va oltre le barriere

Le qualifiche della 12 Ore di Bathurst hanno visto un terzo incidente, pochi minuti più tardi. Dean Canto è uscito di pista, a prima vista senza particolari problemi, ma ha scavalcato le barriere di pneumatici, impennandosi, con il pubblico a bordo pista che è scappato per evitare l’eventuale arrivo della Lamborghini Huracan. L’auto si è fermata subito oltre le barriere. [post_title] => 12 Ore di Bathurst: triplo incidente spettacolare nelle qualifiche [VIDEO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => 12-ore-bathurst-incidenti-qualifiche-video [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2020-02-04 10:49:31 [post_modified_gmt] => 2020-02-04 09:49:31 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=686446 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

12 Ore di Bathurst: triplo incidente spettacolare nelle qualifiche [VIDEO]

Nessuna particolare conseguenza per i piloti coinvolti

La 12 Ore di Bathurst è stata protagonista di una serie di spettacolari incidenti, nel corso delle qualifiche del sabato. Fortunatamente sono stati tutti senza gravi conseguenze per i piloti coinvolti negli schianti
12 Ore di Bathurst: triplo incidente spettacolare nelle qualifiche [VIDEO]

La 12 Ore di Bathurst ha visto delle qualifiche molto movimentate, con tre incidenti molto spettacolari e, fortunatamente, senza particolari conseguenze per i piloti. Prima lo schianto multiplo tra Cameron McConville, Sam Shagin e Tyler Everingham, poi è andato a muro Marvin Kirchhofer ed, infine, è toccato a Dean Canto con un’uscita di strada superando le barriere di pneumatici.

L’incidente tra McConville e Shahin

Entrando nel dettaglio, il primo incidente è avvenuto con un contatto tra Cameron McConville e Sam Shahin, con il pilota della Lamborghini che ha toccato la Mercedes del rivale e l’ha mandato a muro. Sopraggiungeva Tyler Everingham e non ha potuto evitare Shahin, andando a sbattere contro le barriere. Tutti sono usciti senza grandi problemi dalle loro auto.

Lo schianto di Kirchhofer

Il secondo schianto ha visto protagonista Marvin Kirchhofer. Il pilota dell’Aston Martin Vantage ha perso il controllo della vettura, ha colpito il muretto e si è capottata. L’auto è andata in buona parte distrutta dallo schianto, ma il pilota è uscito dalla vettura con le proprie gambe.

Canto va oltre le barriere

Le qualifiche della 12 Ore di Bathurst hanno visto un terzo incidente, pochi minuti più tardi. Dean Canto è uscito di pista, a prima vista senza particolari problemi, ma ha scavalcato le barriere di pneumatici, impennandosi, con il pubblico a bordo pista che è scappato per evitare l’eventuale arrivo della Lamborghini Huracan. L’auto si è fermata subito oltre le barriere.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati