WP_Post Object ( [ID] => 687846 [post_author] => 70 [post_date] => 2020-02-10 11:25:36 [post_date_gmt] => 2020-02-10 10:25:36 [post_content] => La Fiat Panda è da anni l’auto più venduta sul mercato italiano e quest’anno festeggia un importante anniversario, i suoi primi 40 anni. Presentata a marzo 1980 al Salone di Ginevra, questo modello ha subito avuto grande successo ed è riuscito a mantenere il rapporto qualità/prezzo preferito dagli italiani. Ora siamo nel 2020, la novità dell’anno è l’arrivo della versione ibrida.

La storia della Fiat Panda

Questo modello nacque dalla matita di Giorgetto Giugiaro, su richiesta di Carlo De Benedetti, allora alla guida di Fiat. Il progetto originale era denominato ‘Rustica’ e fu realizzato nell’estate 1976, per poi portarlo avanti negli anni successivi, nonostante l’addio di De Benedetti. Il nuovo amministratore delegato Nicola Tufarelli approvò il programma e si arrivò al modello di serie. Un design essenziale, con grandi scudi paraurti ed un’ampia superficie vetrata per garantire luminosità all’interno dell’abitacolo, dove si ritrovano materiali robusti e tutti completamente lavabili. Per quanto riguarda le motorizzazioni, al lancio, erano disponibili il due cilindri 652 cc da 30 CV (Panda 30) oppure il quattro cilindri 903 cc da 45 cavalli (Panda 45). La prima serie restò in produzione fino al 2003, quando arrivò la seconda generazione con linee meno squadrate e con volumi maggiori. Con questa versione, sono arrivate anche le versioni GPL e Natural Power a metano. Il modello attualmente in commercio, invece, è arrivato sul mercato nel 2012, con una produzione ritornata in Italia, presso lo stabilimento di Pomigliano d’Arco.

La Fiat Panda ibrida: la novità 2020

Come dicevamo, la novità per il 2020 è l’arrivo della versione ibrida della Fiat Panda. Già disponibile per l’acquisto, viene abbinato il nuovo motore da 1 litro a 3 cilindri della famiglia Firefly, che eroga 70 CV, ad un motore elettrico BSG (Belt integrated Starter Generator) da 12 volt ed una batteria al litio. Rispetto al propulsore 1.2 Fire da 69 CV, secondo quanto annunciato dal marchio del Gruppo FCA, la motorizzazione Mild Hybrid consente un abbattimento di consumi, e quindi di emissioni di CO2, in media del 20%. Qui la nostra prova in anteprima di questa nuova versione. [post_title] => Fiat Panda: i 40 anni di un’icona dell’auto italiana [VIDEO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => fiat-panda-40-anni-storia-caratteristiche [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2020-02-10 11:25:50 [post_modified_gmt] => 2020-02-10 10:25:50 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=687846 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Fiat Panda: i 40 anni di un’icona dell’auto italiana [VIDEO]

Fu lanciata per la prima volta al Salone di Ginevra 1980

La Fiat Panda compie quest'anno 40 anni. Presentata per la prima volta al Salone di Ginevra 1980, questo modello continua ad essere il più venduto da anni sul mercato italiano. Ora è arrivata anche la versione ibrida
Fiat Panda: i 40 anni di un’icona dell’auto italiana [VIDEO]

La Fiat Panda è da anni l’auto più venduta sul mercato italiano e quest’anno festeggia un importante anniversario, i suoi primi 40 anni. Presentata a marzo 1980 al Salone di Ginevra, questo modello ha subito avuto grande successo ed è riuscito a mantenere il rapporto qualità/prezzo preferito dagli italiani. Ora siamo nel 2020, la novità dell’anno è l’arrivo della versione ibrida.

La storia della Fiat Panda

Questo modello nacque dalla matita di Giorgetto Giugiaro, su richiesta di Carlo De Benedetti, allora alla guida di Fiat. Il progetto originale era denominato ‘Rustica’ e fu realizzato nell’estate 1976, per poi portarlo avanti negli anni successivi, nonostante l’addio di De Benedetti. Il nuovo amministratore delegato Nicola Tufarelli approvò il programma e si arrivò al modello di serie.

Un design essenziale, con grandi scudi paraurti ed un’ampia superficie vetrata per garantire luminosità all’interno dell’abitacolo, dove si ritrovano materiali robusti e tutti completamente lavabili. Per quanto riguarda le motorizzazioni, al lancio, erano disponibili il due cilindri 652 cc da 30 CV (Panda 30) oppure il quattro cilindri 903 cc da 45 cavalli (Panda 45).

La prima serie restò in produzione fino al 2003, quando arrivò la seconda generazione con linee meno squadrate e con volumi maggiori. Con questa versione, sono arrivate anche le versioni GPL e Natural Power a metano. Il modello attualmente in commercio, invece, è arrivato sul mercato nel 2012, con una produzione ritornata in Italia, presso lo stabilimento di Pomigliano d’Arco.

La Fiat Panda ibrida: la novità 2020

Come dicevamo, la novità per il 2020 è l’arrivo della versione ibrida della Fiat Panda. Già disponibile per l’acquisto, viene abbinato il nuovo motore da 1 litro a 3 cilindri della famiglia Firefly, che eroga 70 CV, ad un motore elettrico BSG (Belt integrated Starter Generator) da 12 volt ed una batteria al litio.

Rispetto al propulsore 1.2 Fire da 69 CV, secondo quanto annunciato dal marchio del Gruppo FCA, la motorizzazione Mild Hybrid consente un abbattimento di consumi, e quindi di emissioni di CO2, in media del 20%. Qui la nostra prova in anteprima di questa nuova versione.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati