Bugatti: svelate tre concept segrete, mai entrate in produzione

Bugatti: svelate tre concept segrete, mai entrate in produzione

La Atlantic, Veyron Barchetta e Rembrandt W16 Coupé

Tre concept Bugatti mai presentate ed ora mostrate per la prima volta: la storia e le caratteristiche della Atlantic, Veyron Barchetta e Rembrandt W16 Coupé. Tre modelli del marchio di lusso rimasti sempre nel 'cassetto'
Bugatti: svelate tre concept segrete, mai entrate in produzione

Non tutte le idee vengono poi messe in pratica o, comunque, diffuse. Vale anche per le case automobilistiche e, in questo caso, specificatamente di Bugatti. Sono venute alla luce, infatti, tre concept car del marchio transalpino ‘segrete’ mai mostrate sinora e, ovviamente, mai entrate in produzione. La Bugatti Atlantic, Bugatti Veyron Barchetta e la Bugatti Rembrandt.

Tre progetti abbandonati, per vari motivi, e quindi mai diventati modelli ufficiali. “Questa è solo una storia di concept car che non ha mai visto la luce del giorno – le parole di un dirigente della casa francese a Carscoops – e dimostra che i piani per una seconda linea di modelli sono sempre esistiti a Bugatti (oltre EB112 e Galibier) e non solo negli anni ’20 e ’30”.

Le caratteristiche della Bugatti Atlantic

La più vicina all’entrata in produzione o, comunque, ad essere svelata è stata sicuramente la Bugatti Atlantic. Un progetto su cui la casa ha lavorato per 18 mesi, che doveva venir portato a Pebble Beach 2015, ma abbandonato a seguito dello scandalo Dieselgate.

Si tratta di una versione moderna della Bugatti Type 57 Atlantic del 1936, con parte della tecnologia della Porsche Taycan ed un motore V8 accoppiato ad un’unità elettrica. Doveva venir prodotta sia in versione coupé che roadster.

Le altre due concept ‘segrete’ Bugatti

Più lontana nel tempo, del 2008, la Bugatti Veyron Barchetta, nata sulla base della Veyron Grand Sport Vitesse, ma con una carrozzeria completamente nuova e un parabrezza avvolgente simile a quello di una Speedster. Furono i vertici dell’azienda a rinunciare, poco convinti del possibile successo.

Torniamo al 2015, invece, per la Bugatti Rembrandt W16 Coupé, il cui nome è ripreso dal fratello minore di Ettore Bugatti. Prende in prestito un po’ di stile dalla Veyron Barchetta, come i fari, mentre sono alcuni elementi saranno poi ripresi della Bugatti La Voiture Noire, in particolare i fanali posteriori a LED.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Fabio

    20 Febbraio 2020 at 12:59

    Ma per fortuna, sono una peggio dell’altra.

Articoli correlati