Coronavirus: Italdesign chiude i propri stabilimenti italiani

Coronavirus: Italdesign chiude i propri stabilimenti italiani

Un dipendente è risultato positivo ai test sul virus

Italdesign ha deciso di chiudere i propri stabilimenti italiani, a partire da oggi, dopo che un suo dipendente è stato trovato positivo al test sul Coronavirus. "Stiamo lavorando con le autorità" ha scritto l'azienda in una nota
Coronavirus: Italdesign chiude i propri stabilimenti italiani

Un dipendente di Italdesign è risultato positivo al test sul Coronavirus e l’azienda del Gruppo Volkswagen ha immediatamente deciso di sospendere il lavoro in tutti i siti italiani, chiudendo gli stabilimenti a scopo precauzionale, compresa la sede principale a Moncalieri. “Stiamo monitorando attentamente la situazione – viene scritto in una nota – e siamo in contatto con le autorità”.

Il dipendente Italdesign positivo al Coronavirus

L’impiegato risultato positivo al Coronavirus lavora all’impianto produttivo di Nichelino, alle porte di Torino, ed è attualmente in isolamento nella sua abitazione, mentre la moglie sarebbe ricoverata all’ospedale Regina Margherita del capoluogo piemontese.

Secondo alcuni quotidiani, l’uomo sarebbe entrato in contatto con alcune persone nel lodigiano, uno dei principali focolai del virus in Italia. Da qui potrebbe aver contratto il Coronavirus.

La decisione di Italdesign sugli stabilimenti

L’azienda ha rilasciato una nota in cui spiega che sta “cercando di identificare tutte le persone che sono entrate in contatto con il collega negli scorsi giorni. La salute delle nostre persone e la protezione della popolazione sono la nostra principale priorità. Per questo stiamo monitorando attentamente la situazione e siamo in contatto con le autorità per gestire la situazione”.

Non è stata data una finestra temporale su quando riapriranno gli stabilimenti e, quindi, la produzione. Italdesign ha comunicato unicamente una chiusura “in via del tutto precauzionale, a partire da oggi”.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati