Maserati Levante Trofeo 2020: il possente V8 nella PROVA SU STRADA

Maserati Levante Trofeo 2020: il possente V8 nella PROVA SU STRADA

Maserati Levante Trofeo 2020: ecco come si comporta sulle strade di tutti i giorni

Maserati Levante Trofeo 2020: torniamo a provare il SUV più sportivo in gamma per il tridente analizzando come si comporta il suo motore V8, quali sono i consumi e come si comporta il set up sportivo nella nostra prova su strada. Ecco le foto
Maserati Levante Trofeo 2020: il possente V8 nella PROVA SU STRADA

Ho avuto modo di provare in anteprima la Maserati Levante Trofeo e ora ho avuto l’opportunità di ri-testare il primo SUV della casa modenese in una prova su strada più lunga, restando in compagnia dello Sport Utility Vehicle del Tridente per più tempo, analizzando cosi al meglio i suoi consumi, come si comporta il suo possente motore V8 e godere del suo corposo sound.

Estetica e design

L’aspetto della Maserati Levante Trofeo mixa eleganza e sportività con una predilizione per l’aspetto più pepato visto che la Levante Trofeo è la versione più racing addicted di gamma del Tridente. La carrozzeria è filante ma all’anteriore trova spazio uno splitter in fibra di carbonio, ampie bocche d’aerazione con trama a nido d’ape e la griglia del radiatore con il logo del Tridente. Guardandola dritta negli occhi si notano i fari a LED adattivi con tecnologia Matrix e poco più sopra il cofano muscoloso con le doppie striature e le prese dell’aria per raffreddare le teste dei cilindri. Il fianco è più scevro di velleità estetica ma mostra fiero le mostrine laterali in fibra di carbonio e qualche bombatura per rendere il corpo vettura più muscoloso. Il quadro si conclude con la coda e comprende i fari Full LED, uno spoiler con la terza luce di stop e quattro terminali di scarico.

Interni e abitacolo

L’abitacolo della Maserati Levante Trofeo mixa elementi molto eleganti e una qualità costruttiva invidiabile. Gli interni sono composti da materiali nobili come la pelle e impreziositi da cuciture a vista e dal logo “Trofeo” ricamato sui poggiatesta. Come deve avere una sportiva di razza, ci sono anche tanti dettagli in fibra di carbonio e un quadro strumenti con la grafica racing. Completa le dotazioni di bordo l’impianto audio Premium Surround Sound di Bowers & Wilkins da 1.280 watt con 17 altoparlanti.

Il motore

Sotto al cofano trova posto il V8 Twin Turbo di 3,8 litri accompagnato dalla trazione integrale intelligente Q4. La potenza? 580 CV a 6.250 giri/min e una coppia massima di 730 Nm che schiaccia il guidatore al sedile a partire dai 2000 e che continua fino a 5000 giri/min. Con tutta questa potenza l’accelerazione passa da 0 a 100 km/h in soli 4,1 secondi e si riesce a raggiungere una velocità massima di 300 km/h. La trasmissione è automatica ZF a 8 rapporti ma se si vuole avere maggior controllo si possono sempre utilizzare le palette al volante, precise in ogni situazioni con una cambiata fulminea.

Prova su strada

Se già la Maserati Levante GTS permette di soddisfare ogni prurito ludico, la Trofeo risulta esagerata. Il suo campo da giochi preferito è la pista piuttosto che la strada vista la sua perfetta distribuzione 50:50 dei pesi e il baricentro basso per sentire i movimenti della vettura. Il suo ardore è troppo per un SUV che notoriamente cerca di concedere, prevalentemente, più comfort che piacevolezza di guida. L’assetto generale è rigido anche se si può passare agevolmente sulle imperfezioni del manto stradale grazie all’ottimo set up delle sospensioni, a quadrilatero con doppio braccio oscillante all’anteriore e multilink, a cinque bracci, al posteriore.

Controllo di trazione

Ad aumentare la stabilità generale ci pensa il nuovo sistema di controllo integrato IVC. L’IVC è una nuova funzione di controllo del veicolo che integra nel software dell’Electronic Stability Program (ESP) un efficace sistema di controllo che prevede le condizioni di guida e adegua preventivamente l’impianto frenante e il motore. Il sistema assicura un miglior bilanciamento della vettura e una miglior trazione in condizioni dinamiche estreme e utilizza il torque vectoring intelligente per ottimizzare in modo naturale la dinamica laterale, anche quando l’ESP è disattivato. Nonostante questo, il rollio si sente e non capita di rado di sentire il sottosterzo se si esagera.

Modalità di guida

Se si porta la Maserati Levante Trofeo in pista (beati voi se potete farlo) è meglio preferire la modalità di guida Corsa (che si aggiunge alle modalità Normal, I.C.E., Sport e Off Road) che permette di avere la funzionalità Launch Control, migliora la risposta del motore, rende più fluida e pronta la trasmissione con cambiate più rapide, abbassa tutto l’assetto e migliora la trazione integrale intelligente Q4. In strada ho optato per la modalità I.C.E che non è, come si potrebbe erroneamente pensare, un set up studiato per il ghiaccio ma bensì per “ghiacciare” gli ardori della Levante Trofeo, limitare cosi l’esuberanza del focoso motore e del suo sound per viaggiare in tranquillità sulle strade di tutti i giorni, anche limitando i consumi.

I consumi

A questo proposito, in circa 400 chilometri percorsi in compagna della Maserati Levante Trofeo 2020 il computer di bordo mi ha segnalato un consumo medio di 15-17 litri ogni 100 chilometri.

Il prezzo

Per portarsi a casa la Maserati Levante Trofeo il vostro assegno dovrà riportare la cifra di partenza di 160.000 euroQui, il configuratore.

La pagella di Motorionline

Motore:★★★★★ 
Ripresa:★★★★★ 
Cambio:★★★★★ 
Frenata:★★★★☆ 
Sterzo:★★★★☆ 
Tenuta di Strada:★★★★☆ 
Comfort di bordo:★★★☆☆ 
Posizione di guida:★★★★★ 
Dotazione:★★★★★ 
Qualità/Prezzo:★★★☆☆ 
Design:★★★★★ 
Consumi:★★★★☆ 

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati