Nuova Opel Corsa 1.2 130 CV: Com’è & Come Va

Nuova Opel Corsa GS Line, prova su strada e caratteristiche nel Com’è & Come Va

Nuova Opel Corsa 2020 è la protagonista oggi del nostro Com’è & Come va. Come sono gli interni? Com’è il design? Com’è il Motore? Come sono i consumi? Caratteristiche, prestazioni e prezzo della nuova cinque porte di Russelsheim.

La Nuova Opel Corsa arriva quindi alla sua stessa generazione, dopo la bellezza di XXX milioni di unità vendute nel mondo, che sigla definitivamente l’inserimento del brand tedesco nella gruppo PSA. Nuovo design, nuovo concetto di vettura grazie alla nuova piattaforma CMP multi energia del gruppo francese. Tanti gli innesti in termini tecnologici, per il comfort a bordo e per la connettività. Nonostante la condivisione di molte componenti con altre vetture del gruppo PSA, non viene meno il suo “essere Opel”, grazie ad un’impostazione complessiva votata al comfort e alla praticità, strizzando sempre però un’occhio al mondo dei giovani e alla sportività. Un’auto che diventa più matura la Nuova Opel Corsa, che cresce molto sotto tutti i punti di vista, e non solo nelle dimensioni.

Com’è fuori?

La nuova Opel Corsa sfoggia un design completamente rinnovato che sancisce una rottura netta col passato. Troviamo forme più taglienti e più carisma nelle linee, che le fanno fare probabilmente un bel balzo in avanti per ciò che riguarda la qualità percepita. Come detto crescono le dimensioni, arrivando ora a quota 4,06 m di lunghezza per 1,76 m di larghezza. Si abbassa leggermente, per dare un’idea più affusolata e dinamica. Frontale appuntito e vivace, grazie al cofano più lungo e la mascherina più sottile, verso la quale convergono i due nuovi gruppi ottici. Firma luminosa a Led che richiama la saetta di opel. C’è la possibilità di avere i fari LED, di serie su questo allestimento GS Line o Matrix Led, optional, che regalano un fascio luminoso decisamente più intenso, con gli abbaglianti automatici che si disattivano in prossimità delle vetture che sopraggiungono frontalmente. Lateralmente appare più tonica, con i cerchi in lega bicolore da 17” e con due bei tagli che percorrono la fiancata. Il terzo montante risale poi a boomerang verso il tetto che, nel nostro caso, sfoggia una tonalità a contrasto. Tutto nuovo anche il posteriore, con una maggiore impronta a terra e una sagoma più larga del modello precedente. I nuovi Fari Led presentano uno sviluppo orizzontale, richiamano un po’ quelli della Opel insigna. I due tagli posti alle estremità e il doppio scarico cromato le donano un’aria grintosa, che strizza l’occhio al mondo dei giovani. Complessivamente presenta delle belle proporzioni, più da segmento b e meno da citycar. Apprezziamo soprattutto il lunotto posteriore spiovente, dotato di spoiler sportivo per questo allestimento GS Line, quasi a volersi avvicinare al mondo delle coupè.

Com’è dentro?

Anche dentro, la Nuova Opel Corsa è poi tutta nuova, più tecnologica e al passo coi tempi. Basta un colpo d’occhio per capire che la plancia strizza l’occhio al mondo dei giovani, con colori vivaci e forme dinamiche, con il giusto compromesso tra minimalismo e funzionalità. Apprezziamo soprattuto la nuova posizione di guida, più inserita nell’abitacolo e spinta verso il basso, con maggiori regolazioni anche per il volante. L’allestimento GS Line che stiamo provando offre colorazioni più dinamiche e finiture migliori, con pelle morbida presente sul pannello portiera, sul volante e plastiche più nobili laddove arrivano le mani. Nelle zone più basse si trova qualche plastica più rigida, ma in linea con le competitor del segmento. Complessivamente un’impostazione razionale e pratica, senza però dimenticare che l’occhio, vuole sempre la sua parte. Di fronte a noi troviamo la strumentazione, analogica con un piccolo display da 5″ come nel nostro caso oppure digitale da oltre 10″, ma optional quest’ultima. Nuovo anche il sistema di infotainment, davvero ben integrato nella plancia, da 5, 7 o 10” che troneggia al centro, leggermente inclinato verso il guidatore, mentre sotto di esso troviamo i comandi fisici del clima, manuale nel nostro caso mentre automatico rimane optional. Tre le soluzioni previste, Radio touch da 5”, il Multimedia navi da 7 pollici come nel nostro caso o il multimedia navi pro da 10”, full screen ma optional. Parlando degli ultimi due, appaiono rapidi e veloci, ma già li consociamo essendo ereditati dal mondo PSA. Buona l’interazione con il veicolo. Il navigatore LIVE ci aggiorna sui prezzi della benzina e sulle condizioni del traffico, per permetterci di prendere la strada più breve per giungere a destinazione. Ovviamente presenti Apple CarPlay e Android Auto, oltre che lo streaming Bluetooth. Radio DAB o FM presente.

Com’è l’abitabilità?

 Lo spazio a bordo della nuova Opel Corsa è buono,  soprattutto davanti, con 2,54 metri di passo c’è più spazio per le gambe rispetto al passato e c’è una buona luminosità. Le portiere hanno un’ottimo angolo di apertura che ci agevola nel salire a bordo, anche per le persone più robuste. Nonostante la seduta ribassata non si ha l’impressione di essere, come dire, intrappolati. Dietro, a patto che non siate più alti di 1 metro e 85 riuscite a sedervi agevolmente. Comoda la poltrona, anche per il passeggero centrale. Discreto lo spazio per la testa anche se, con i vetri oscurati come nel nostro caso, c’è un po’ poca luminosità. Il bagagliaio si pone sopra alla media di gamma, con 309 litri di capacità, e fa anche meglio della cugina Peugeot 208 che si ferma a soli 270 litri circa. Lo scalino è pronunciato, ma come molte altre competitor del segmento. Abbattendo la seconda fila di sedili, secondo lo schema 60:40 la capacità sale poi fino a 1120 litri.

Aiuti alla guida

Il comparto ADAS della nuova Opel Corsa è completamente nuovo, anche perché la corsa precedente ne era sprovvista. Si arriverà a breve fino alla guida assistita di secondo livello, con Cruise control adattivo (disponibile solo per versioni con cambio automatico EAT8), mantenitore di corsia attivo, monitoraggio dell’angolo cieco, frenata di emergenza automatica e rilevatore della segnaletica stradale. Si aggiungono alla lista anche rilevatore della stanchezza del conducente e una serie di sensori di parcheggio con telecamera che ci aiutano molto nelle manovre cittadine, nonostante però rimangano optional su tutte le versioni con un pacchetto dedicato. Tra le altre soluzioni tecnologiche troviamo anche i fari IntelliLUX Led Matrix, optional su tutte le versioni ma in grado di adattare il fascio luminoso sulla base dei veicoli che ci precedono, oscurando le aree interessate da una vettura, per non abbagliare gli altri automobilisti. Grazie ai suoi 12 sensori, radar e telecamera, la nuova Opel Corsa dispone dell’assistente al parcheggio: basterò selezionare lo spazio di parcheggio disponibile e lo sterzo effettuerà le dovute correzione per inserire la vettura, mentre a noi spetterà solo il compito di dosare il gas con i pedali.

Quali sono gli allestimenti?

Sulla nuova Opel Corsa 2020 sono disponibili 3 diversi allestimenti. Si inizia con Edition, la base, che comunque appare accessoriata con lane keep assist, rilevatore stanchezza guidatore, Cruise control, display da 5 pollici con connessione bluetooth e porta USB. Si sale alla GS Line, da noi in prova, dove troviamo in più un’estetica più aggressiva, fari eco Led con abbaglianti automatici, terminali cromati  e infotainment con display da 7”, oltre ad un assetto che pare leggermente ipallagi rigido. Al vertice troviamo la Elegance, meglio rifinita e accessoriata, con bracciolo anteriore e luci ambientali led. Rimangono optional su tutte le versioni i sensori di parcheggio, la retrocamera, il clima automatico e il tetto panoramico.

Come va? Prova su strada e consumi

La nuova Opel Corsa ci mostra alla guida il più grande salto in avanti. La nuova piattaforma modulare CMP multienergia ereditata da PSA è davvero solida e leggera. Si risparmia infatti oltre 100 kg rispetto alla Opel Corsa di generazione precedente, con pari motorizzazione e allestimento, a beneficio dell’agilità e della manovrabilità. Lode particolare per lo sterzo, morbido e gestibile in fase di manovra così come più solido e diretto a velocità più sostenute. Questa leggerezza si sente tutta, e menomale. L’auto risponde bene, è reattiva e si inserisce bene in curva, con un avantreno veloce e preciso nell’impostare la traiettoria desiderata. Grande salto in avanti in termini di stabilità. L’auto infonde fiducia e risulta davvero piantata al suolo, molto più di quanto fatto dalle generazioni precedenti. Trattamento soft per le sospensioni, in stile PSA, che assorbono molto bene le asperità anche con questi cerchi da 17”. Trattamento soft che, però, non rende eccessivo il rollio, c’è sempre un buon equilibrio e il DNA Opel viene fuori con una vivace dinamicità su strada. Il comfort quindi è buono, così come l’insonorizzazione, nonostante penetri nell’abitacolo qualche rumore di troppo con le buche più profonde e a velocità sostenute. Il comparto motori è completamente nuovo, potendo scegliere tra benzina, diesel o, in futuro anche elettrico. E’ disponibile un solo propulsore diesel, l’ 1.5 da 102 CV. I benzina invece sono tutti 1.2 3 cilindri, da 75, o turbo da 100 o 130 CV. Noi stiamo provando quest’ultimo, il più vivace e prestazionale della gamma. Il nuovo PureTech 1.2 con 130 CV e 230 Nm di coppia, è unito ad una trasmissione automatica ad otto rapporti EAT8, nota all’ambiente PSA come suggerisce anche il comando in mezzo al tunnel. Con questo set-up sembra un’auto di categoria superiore. Rapida e reattiva con uno scatto sullo 0-100 km/h coperto in 8,7 secondi, fino ad una velocità massima di 208 km/h. La progressione è notevole, grazie anche alla sua leggerezza e al cambio, che però non ci ha convinto pienamente, soprattuto in fase di scalata dove ogni tanto appare incerto. Il buon vecchio manuale 6 penso che sarebbe comunque un’ottima scelta, facendo risparmiare peso a tutto vantaggio del portafoglio. I consumi si son dimostrati più che buoni, con percorrenze medie di circa 15/16 km al litro, ma siamo convinti che con un’unità manuale a 6 marce per la trasmissione, saremmo riusciti a raggiungere valori anche più alti. Considerando la sola città, i consumi scendono a circa 13/14 km al litro, mentre in autostrada ci si stabilizza sui 16 km al litro.

Quanto costa?

Il prezzo di accesso alla Nuova Opel Corsa è di 15.550 euro per la 1.2 75 CV e allestimento Edition, adatta anche ai neopatentati, mentre si sale di 600 euro per la versione Elegance. Per la GS Line, la più accessoriata e forse anche la più desiderata in Italia, si deve per forza accedere alla motorizzazione da almeno 100 CV, ad un prezzo di 18.151 euro. Per quanto riguarda la top di gamma da noi in prova, con il benzina da 130 CV e cambio automatico nell’allestimento GS Line parte da 20.750 euro. Rimangono poi fuori alcuni optional come i sensori di parcheggio e la retrocamera, o i nuovi e tecnologici fare IntelliLux Led Matrix. 

Pro e Contro

Ci PiaceNon Ci Piace
Il design più giovanile. L'1.2 turbo benzina è vivace e scattante. La tenuta di strada e la dinamica di guida.Il cambio automatico EAT8 ogni tanto è incerto in fase di scalata. Le sospensioni sostengono bene nella guida vivace, ma sul pavè o sulle sconnessione appaiono leggermente rumorose

Nuova Opel Corsa 1.2 130 CV Aut. GS Line: la Pagella di Motorionline

Motore:★★★★½ 
Ripresa:★★★★☆ 
Cambio:★★★☆☆ 
Frenata:★★★★☆ 
Sterzo:★★★☆☆ 
Tenuta di Strada:★★★★☆ 
Comfort:★★★½☆ 
Posizione di guida:★★★★½ 
Dotazione:★★★★☆ 
Qualità/Prezzo:★★★★½ 
Design:★★★★★ 
Consumi:★★★★☆ 

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati