IED TRACY: un concept legato a uno studio sulle modalità di trasporto condiviso [FOTO]

Ideato dagli studenti del Master in Transportation Design

Un progetto di tesi che sperimenta un nuovo concetto di mobilità sostenibile

TRACY è il concept vehicle pensato dagli studenti del Master in Transportation Design dello IED Torino, definendo un mezzo che risponda alle più odierne necessità di trasporto condiviso, funzionale e sostenibile.

Le caratteristiche

Paola Zini, Direttore IED Torino, ha sottolineato la propensione a sperimentare e ricercare nuovi concetti validi per il trasporto di domani e questo prototipo “vuole tracciare una nuova direzione nello scenario della mobilità condivisa”, riprendendo quanto indicato nell’occasione. Assieme al mezzo è stata sviluppata anche un’applicazione mobile collegata, tramite cui interagire e programmarne l’impiego in base a necessità e interessi.
TRACY è un veicolo lungo 3.740 millimetri di cui 2.890 mm destinati al passo, largo 2.205 mm e alto 2.083 mm, come segnalato. Un mezzo dotato di un corpo vettura nel complesso compatto e trazione integrale animata da un doppio pacco batteria e propulsione full electric – low environmental impact che ha anche poco impatto a livello acustico, secondo le indicazioni. Si pongono in risalto una zona superiore ricercata e una inferiore più rocciosa con passaruota generosi, tramite cui è possibile adocchiare la parte sospensiva. Spiccano anche ampie superfici vetrate, che favoriscono la visibilità esterna.
Due roll-bar, davanti e dietro, si occupano di proteggere l’interno. L’impiego di materiali e colorazioni contrastanti, poi, vivacizzano anche l’aspetto visivo. I portapacchi esterni, tramite un sistema di ganci e corde, consentono di trasportare diversi tipi di bagagli a seconda delle necessità. L’accesso è asimmetrico: il lato sinistro è rivolto al driver, mentre quello destro è pensato per accogliere il resto degli occupanti.
Salendo a bordo, il layout è impostato su due aree funzionali. Una prima sempre studiata per l’autista, localizzato centralmente rispetto a quanto si nota solitamente. Quindi una seconda parte retrostante che accoglie ben 5 passeggeri, in configurazione lounge-couch, come segnalato. L’interno, come l’esterno, è connotato da colour and trim, notando palette ispirate a cornici cittadine o ad ambientazioni off-road anche estremi, considerando poi l’adozione di pigmenti naturali e fibre biodegradabili per i rivestimenti.

Il team di lavoro

Progettata dagli studenti del Master in Transportation Design IED Torino a.a. 2018/19, la vettura risulta realizzata da EDAG Italia. Un lavoro simbiotico tra ventuno studenti, divisi in cinque gruppi simulando competence centre, per forma a varie ipotesi in base al rispettivo campo d’azione. Sin dall’inizio i designer hanno sviluppato in parallelo una progettazione in 2D e 3D del veicolo, grazie all’ausilio della realtà virtuale, abbattendo i tempi per la risoluzioni di eventuali problematiche e finalizzando il concept.
In questo progetto siglato IED, considerando ancora quanto segnalato, si è partiti pensando al futuro del trasporto e all’idea di mobilità collettiva, dando forma a un veicolo elettrico, all-terrain, a sei posti che può essere impiegato sia a livello pubblico, sia nel privato, per un’utenza sempre più attenta alle tematiche della eco-sostenibilità. Una concept car che accomuna diversi ambiti, dalla micro mobilità a quella condivisa, ampliando la ricerca sul tema.

Foto: IED – Istituto Europeo di Design

Scopri le Offerte



    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati