Maserati 250F: monoposto d’altri tempi in azione sulla pista [VIDEO]

Maserati 250F: monoposto d’altri tempi in azione sulla pista [VIDEO]

Protagonista in F1 dal 1954 al 1960

La Maserati 250F, storica monoposto di F1 di metà anni '50, rispolvera tutto il suo fascino con l'esibizione di un paio di esemplari sul tracciato del Nurburgring.
Maserati 250F: monoposto d’altri tempi in azione sulla pista [VIDEO]

La Maserati 250F, una delle monoposto di Formula 1 più popolari mai costruite, torna a farsi ammirare in azione tra i cordoli in un video che ci proiettano in un passato del motorsport ricco di fascino.

Subito vincente nel 1954 con Fangio alla guida

La Maserati 250F, che calcò la scena dei Grand Prix di Formula 1 tra il 1954 e il 1960, venne costruita secondo le omologazioni F1 dell’epoca, tra cui la presenza di un motore non sovralimentato con una cilindrata massima di 2.5 litri. La 250F del marchio del Tridente debuttò al Gran Premio d’Argentina del 1954 conquistando la vittoria con il leggendario Juan Manuel Fangio al volante.

Al volante con Stirling Moss e Alberto Ascari

Durante il suo primo anno di gara questa monoposto di Maserati venne guidata da diversi piloti di prima grandezza, come Stirling Moss e Alberto Ascari, solo per citarne alcuni. Fino al 1960 ne vennero costruite complessivamente 26 unità, ovviamente con diversi aggiornamenti ed evoluzioni con il passare degli anni, soprattutto fino al 1958 quando la 250F fu completamente surclassata dalle nuova monoposto di Formula 1 con motore posteriore.

Motore sei cilindri 2.5 da 240 CV

La Maserati 250F, protagonista nel filmato qui sopra con due esemplari, uno bianco e uno rosso, sul circuito del Nurburgring, a distanza di oltre mezzo secolo fa ancora sentire il potente rombo del motore sei cilindri da 2.5 litri in grado di sviluppare 240 CV che permettono alla storica monoposto del Tridente di raggiungere i 290 chilometri orari di velocità massima.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati