Porsche Charging Solutions: le vie della ricarica elettrica della Cavallina

Porsche Charging Solutions: le vie della ricarica elettrica della Cavallina

Dai concessionari Porsche fino ai punti di interesse partner

Porsche Charging Solutions: le vie della ricarica elettrica della Cavallina

Con l’avvento della nuova Porsche Taycan, la prima 100% elettrica della casa, anche la Cavallina di Zuffenhausen ha iniziato ad inaugurare importanti piani di investimento per ampliare l’infrastruttura dedicata alla ricarica non solo delle vetture completamente elettriche, ma anche quelle ibride (non dimentichiamo infatti che altri modelli come Cayenne e Panamera sono già disponibili in versione E-Hybrid). Sono numerose le soluzioni ideate dalla casa tedesca, sia presso i suoi concessionari che in altre zone d’interesse.

Dove si ricarica la Porsche in viaggio?

Prima di tutto il piano di investimenti di Porsche, ribattezzato “Charging Solutions”, ha portato alla nascita di numerose colonnine presso i concessionari del marchio sparsi per il mondo. La filiale italiana in particolare ha posizionato diversi punti da minimo 50 kW, ma è al top che dobbiamo fare attenzione. Presso la concessionaria di Milano Nord, infatti, è disponibile la prima colonnina in corrente continua da 350 kW, chiamata Turbo Charger. Un nome quanto mai aderente alla realtà, dato che secondo le schede tecniche ufficiali distribuite dalla casa con questa speciale colonnina una Porsche Taycan sarebbe in grado di accumulare ben 100 km di autonomia elettrica nello spazio di soli 5 minuti, grazie alla sua architettura a 800 Volt e con una potenza elettrica fino a 270 kWh.
Quando si è in viaggio, però, non si può contare solamente sui concessionari. Ecco allora che Porsche si è adoperata per fornire ai suoi clienti altre due soluzioni potenzialmente ad alta diffusione. Una si appoggia alla rete di ricarica Ionity, che entro la fine dell’anno dovrebbe contare 400 stazioni distribuite in tutta Europa. Con l’acquisto di una Taycan si avrà diritto alla ricarica ultra rapida di queste colonnine per tre anni a titolo gratuito. Infine abbiamo il programma Porsche Destination Charging, una soluzione già adottata anche da altri costruttori premium dell’ambiente elettrico e che con Porsche aumentano sempre di più. Presso un totale di 147 strutture d’interesse per i clienti, come ristoranti, alberghi, sport club e marine, saranno disponibili delle colonnine per la ricarica gratuita della propria Porsche. Il programma Porsche Destination Charging prevede un totale di 1.035 stazioni di ricarica sparsi nel continente ed entro la fine del 2020 dovrebbero essere installate anche altre 900 colonnine.

Come si ricarica la Porsche a casa propria?

Naturalmente un altro nodo molto importante della guida elettrica è la ricarica casalinga, che secondo i dati di Porsche comprende fino all’80% del totale delle ricariche effettuate in assoluto. Ecco allora che la casa tedesca ha stretto una partnership con Alpiq E-Mobility per l’installazione di sistemi di ricarica in collaborazione con AGN Energia. Grazie a questo accordo sarà possibile installare delle wall box calibrate appositamente per non avere alcun impatto sul sistema elettrico della casa, evitando eventuali blackout e aumenti di energia presso il proprio fornitore. Le Porsche elettrificate, invece, potranno ricaricarsi con un contatore dedicato da 11 kW, il tutto per una tariffa flat di 100 € al mese.

“Siamo coscienti che la ricarica sia un tema importante per chi acquista una vettura elettrica, soprattutto in Italia. Purtroppo il nostro Paese sconta un ritardo in termini di infrastrutture che impatta sicuramente sulle tempistiche di diffusione della mobilità elettrica su larga scala – ha dichiarato Pietro Innocenti, Amministratore Delegato di Porsche Italia – In Porsche Italia stiamo lavorando per ampliare ulteriormente le possibilità di ricarica per i nostri clienti e, più in generale, per promuovere la diffusione della mobilità elettrica sul nostro territorio valutando nuove soluzioni in grado di soddisfare l’esigenza primaria dei nostri clienti: quella di viaggiare e godersi l’emozione della guida delle nostre vetture in tranquillità e senza pensieri”.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati