RCA familiare: è disponibile anche per i neopatentati

RCA familiare: è disponibile anche per i neopatentati

Il chiarimento sul nuovo provvedimento

La RCA familiare consente a molte famiglie italiane un risparmio importante sull'assicurazione: ogni auto e moto all’interno dello stesso nucleo familiare verrà assicurata usufruendo della fascia più bassa. Anche per i neopatentati
RCA familiare: è disponibile anche per i neopatentati

La RCA familiare è entrata in vigore lo scorso 16 febbraio 2020. È il nuovo provvedimento previsto della nuova Legge di Bilancio, che porterà un po’ di risparmio nelle tasche degli italiani, grazie al quale la classe di merito dell’assicurazione diventa familiare. Ogni auto e moto all’interno dello stesso nucleo familiare verrà assicurata usufruendo della fascia più bassa dei proprietari dei veicoli tra i componenti della famiglia.

Come funziona la RCA familiare

Entrando un po’ più nel dettaglio, ogni mezzo posseduto in famiglia viene assicurato con la fascia più bassa disponibile, che sia un’auto o una moto. Questa nuova RCA è estesa anche ai rinnovi, ma la condizione necessaria è l’assenza di incidenti (con colpa, anche parziale) nei cinque anni precedenti.

Non sono compresi in questa nuova legge gli autocarri, visto che non viene utilizzata la formula assicurativa bonus/malus, così come non rientrano le auto aziendali (se intestate al datore di lavoro), così come le auto a noleggio. Ma, in quest’ultimo caso, la RCA è solitamente compresa nel canone.

La RCA familiare vale anche per i neopatentati

C’erano stati dei dubbi sull’estensione della RCA familiare per i neopatentati, visto che quest’ultimi non possono aver un attestato di rischio senza sinistri da cinque anni. Invece, il sottosegretario all’Economia Alessio Villarosa, innanzi alla Commissione Finanze della Camera, ha confermato che anche chi ha la patente da meno di cinque anni rientra in questo provvedimento, purché ovviamente non abbia avuto alcun incidente con colpa, anche parziale.

Quanto risparmieranno le famiglie?

Difficile fare una stima precisa del risparmio, ma secondo alcune simulazioni, le famiglie, soprattutto più numerose, possono arrivare a risparmiare fino a 1.000 euro all’anno sull’assicurazione.

Il provvedimento è stato fortemente voluto dal M5S ed il portavoce alla Camera Andrea Caso ha commentato così: “Avrà un notevole impatto sull’economia delle famiglie: stimiamo un risparmio fra il 30 e il 40% sulle polizze Rc auto. Si supera un antico problema tra territori”.

Leggi altri articoli in Assicurazioni

Lascia un commento

3 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Daniele

    7 Gennaio 2020 at 14:44

    Forse il mitico M5S non ha considerato che se tutti risparmieranno 30/40% sui premi assicurativi, mancherà il 30/40% al fabbisogno tecnico delle Compagnie, che siccome hanno necessità di equilibrio per poter pagare i sinistri (funzione sociale) dovranno ricorrere ad un rincaro generalizzato delle tariffe….Ma che importa, l’importante per questi politicanti è far vedere che hanno fatto cose (inutili) per prendere voti….

  2. Alessandro

    11 Febbraio 2020 at 15:53

    Ottimooo

  3. Enrico

    11 Febbraio 2020 at 20:41

    Scusate ma la legge Bersani, già prevede questo da anni ……..

Articoli correlati