Nuova Volkswagen Golf GTI con spunti stilistici retrò [RENDERING]

Nuova Volkswagen Golf GTI con spunti stilistici retrò [RENDERING]

La sportiva tedesca richiama le sue origini

Un fantasioso rendering ritocca il design della nuova Volkswagen Golf GTI attraverso una serie di elementi, come fari anteriori, fanali e carrozzeria tre porte, derivanti dalla prima Golf GTI degli anni '70.
Nuova Volkswagen Golf GTI con spunti stilistici retrò [RENDERING]

Gli elementi stilistici vintage sulle auto moderne sono particolarmente apprezzati da tanti appassionati, tuttavia il loro dosaggio è sempre molto complicato per non compromette l’equilibrio estetico di una vettura.

Per tale motivo raramente le Case automobilistiche si avventurano in operazioni stilistiche di questo tipo che possono rappresentare un azzardo eccessivo.

Legame stilistico con la tradizione

Non mancano però i modelli di successo che nonostante il passare del tempo hanno mantenuto un legame strettissimo con il design delle origini, basti pensare a Fiat 500, Mercedes Classe G, Dodge Challenger e Porsche 911, vetture in grado di evolversi nel corso della loro lunghissima carriera senza mai abbondare il loro DNA stilistico.

Nuova Volkswagen Golf GTI che evoca le sue origini

Un esperimento stilistico di un’auto moderna con richiami al passato ce lo offre qui la nuova Volkswagen Golf GTI che, grazie al rendering realizzato dal designer Kolesa, è stata modificata nel design per accogliere alcuni spunti di design della prima Golf GTI, ottenendo un risultato complessivo controverso.

Frontale discutibile

Il “trapianto” di alcuni elementi della Volkswagen Golf GTI originale degli anni ’70 firmata Giorgetto Giugiaro sul modello di ultima generazione sembra non funzionare molto. Parliamo ad esempio del frontale con i quattro fari rotondi, componenti che facevano la loro figura sulla carrozzeria squadrata della prima Golf GTI, ma che sembrano poco adatti ad integrarsi con il design della sportiva tedesca di ottava generazione.

Posteriore equilibrato coi fanali più compatti

Diverso è invece il risultato che il mix stilistico propone sul posteriore che, grazie all’adozione dei fanali più piccoli della prima Golf GTI, appare più attraente e armonico in termini di proporzioni, con la striscia luminosa a LED che collega i gruppi ottici. Altra novità che ben si adatta alla Golf GTI 2020 è la carrozzeria a tre porte, cosa che però non vedremo mai dato che l’ottava generazione della best-seller di Wolfsburg viene proposta sono nelle versioni cinque porte e Variant.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati