Elon Musk: dopo “il panico da Coronavirus è stupido” scrive una mail ai dipendenti

Elon Musk: dopo “il panico da Coronavirus è stupido” scrive una mail ai dipendenti

Un altro scivolone per il CEO di Tesla che continua a minimizzare l'emergenza Coronavirus

Elon Musk: dopo “il panico da Coronavirus è stupido” scrive una mail ai dipendenti

L’eccentrico fondatore di Tesla, Elon Musk, rincara la dose dopo aver affermato qualche giorno fa che “ci sono più possibilità di morire in un incidente d’auto che di Coronavirus”.

Sopra le righe

La notizia fa scalpore nonostante il CEO dell’azienda regina del mercato delle auto elettriche ci abbia abituato da lungo tempo a dichiarazioni “sopra le righe” come quando ha twittato che il “panico da Coronavirus è stupido”. Nonostante il numero crescente di contagiati e, purtroppo, di vittime pare che la percezione di gravità della situazione sia ancora molto lontana dal pensiero di Elon Musk.

La mail ai dipendenti

Come se non bastasse il Los Angeles Times riporta una email scritta da Elon Musk ai suoi dipendenti che gira tutta attorno al concetto che “il panico farà più male del virus”. Così la fabbrica Tesla di Fremont rimane aperta perché considerata come un “business essenziele” nonostante l’emergenza sanitaria e il blocco delle autorità nella stessa zona.

Bastone e carota

Dopo le numerose critiche per le sue dichiarazioni, Elon Musk sembra aprire parzialmente ad una situazione di compromesso. Infatti il fondatore di Tesla non obbliga nessun dipendente a presentarsi in fabbrica e giustifica quelli che si sentono a disagio o non stanno bene di salute. Però ci tiene a sottolineare come nessun suo dipendente sia stato infettato da Coronavirus e come l’eccessiva risonanza mediatica possa distogliere risorse mediche a malati di altre patologie.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati