Sei auto classiche proiettate nell’era dell’elettrico [RENDERING]

Dalla Lamborghini Miura alla Aston Martin DB5

Mercedes-Benz 300 SL Gullwing, Bugatti Type 57 SC Atlantic, Jaguar E-Type, Aston Martin DB5, Lamborghini Miura P400 SV e Shelby Cobra sono le auto classiche che, attraverso dei rendering, sono state trasformate in moderne elettriche.

Cosa succede quanto si prova ad immaginare come potrebbero essere alcune icone classiche del mondo dell’auto se tornassero oggi per abbracciare l’alimentazione elettrica?

A questa domanda provano a rispondere una serie di rendering, sei per la precisione, pubblicati da WhoCanFixMyCar che ci propongono altrettante auto che hanno fatto la storia dell’automobilismo in versione moderna e con motorizzazione 100% elettrica.

Sei icone si trasformano

Ridisegnare sei auto classiche trasformandole in delle moderne vetture elettrificate dal sapore vintage è una delle operazioni più affascinanti, ovvero quello di mescolare gli stilemi e i principi di epoche tanto lontane tra loro. Qui di seguito possiamo vedere come questo lavoro di modernizzazione ed elettrificazione di vetture storiche abbia coinvolto i seguenti modelli: Mercedes-Benz 300 SL Gullwing, Bugatti Type 57 SC Atlantic, Jaguar E-Type, Aston Martin DB5, Lamborghini Miura P400 SV, Shelby Cobra.

Arricchite con elementi da moderne auto elettriche

Ognuna a modo suo queste sei vetture reinterpreta il design originale declinando alle necessità di una propulsione a zero emissioni. Così ad esempio la Mercedes-Benz 300 SL Gullwing aggiunge il grande logo della Stella illuminato sulla griglia, oltre a delle prese d’aria laterali aggiuntive con delle luminose alette blu, sottolineando ulteriormente la sua natura elettrica. Un evoluzione stilistica e funzionale che riguarda in particolare l’anteriore di tutte le altre cinque grandi classiche sottoposte a questo fantasioso esercizio stilistico.

Mercedes-Benz 300 SL Gullwing

Bugatti Type 57 SC Atlantic

Jaguar E-Type

Aston Martin DB5

Lamborghini Miura P400 SV

Shelby Cobra

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati