Coronavirus, FCA produrrà mascherine. Manley: “Riconvertiamo uno stabilimento”

Coronavirus, FCA produrrà mascherine. Manley: “Riconvertiamo uno stabilimento”

L'ad del gruppo: "Obiettivo è un milione di mascherine al mese"

Con una lettera inviata ai dipendenti, l'amministratore delegato di FCA Mike Manley annuncia che uno stabilimento del gruppo riconvertirà la produzione per fabbricare mascherine facciali da donare a soccorritori e operatori sanitari che stanno fronteggiando l'emergenza coronavirus.
Coronavirus, FCA produrrà mascherine. Manley: “Riconvertiamo uno stabilimento”

Fiat-Chrysler è pronta a riconvertire uno stabilimento del gruppo per produrre mascherine facciali, utili a contenere il contagio dell’epidemia da coronavirus.

Ad annunciarlo, attraverso una lettera ai dipendenti FCA resa nota da fonti sindacali, è l’amministratore delegato del gruppo italo-americano Mike Manley.

Manley: “Obiettivo è produrre più di un milione di mascherine al mese”

“L’obiettivo – spiega Manley – è di iniziare la produzione nelle prossime settimane e arrivare a produrre oltre un milione di mascherine al mese che saranno donate ai primi soccorritori e agli operatori sanitari”. Al momento FCA non ha ancora precisato quale sarà l’impianto produttivo del gruppo scelto per la riconversione.

Le iniziative FCA a contrasto della diffusione del Covid-19

Questa decisione si affianca ad ulteriori iniziative prese da FCA per dare il proprio contributo all’emergenza sanitaria che sta investendo l’Italia e tanti altri Paesi in Europa e nel resto del mondo. Dal supporto, insieme a Ferrari, alla produzione di ventilatori polmonari fino alla donazione di una flotta di veicoli e ambulanze alla Croce Rossa Italiana.

Manley: “Competenze FCA a disposizione della comunità”

L’ad di FCA scrive ai dipendenti: “Tanti di voi sapranno che in Italia i nostri team di engineering e del manufacturing insieme ai colleghi della Ferrari stanno collaborando con Siare Engineering, una delle poche aziende che producono respiratori, per aiutarli a raddoppiare la loro produttività. Poter reindirizzare le nostre risorse a sostegno di chi ne ha più bisogno mi rende orgoglioso di far parte di questa azienda”.

“Da quando vi ho scritto la scorsa settimana – prosegue Manley – abbiamo assistito a una rapida escalation dell’impatto del coronavirus sull’economia globale e sulle nostre vite. Benché la diminuzione dei nuovi casi in Cina sia motivo di ottimismo, per molti di noi si prospettano ancora tempi difficili. In questi tempi eccezionali stiamo valutando come poter sfruttare l’ingegno e le competenze di FCA per aiutare la comunità”.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati