DS 9 E-Tense 2020: tecnologia ibrida Plug-In per la nuova ammiraglia di DS [VIDEO]

Si chiama DS9 ed è l'ammiraglia del Brand DS lunga 4,93 metri che punta sul lusso e sui motori plug-in hybrid

Non c’è due senza tre

Più che l’erede spirituale della DS5 la nuova DS9 2020, terzo modello in gamma del Brand DS, vuole riportare una berlina nel listino DS in chiave ancora più premium rispetto al passato, puntando forte sui motori solo ibridi.  E’ stata presentata al Salone di Ginevra 2020, o a quello che ne è stato, data l’emergenza Coronavirus, per poi essere commercializzata prima in Cina (mercato di riferimento delle berline di lusso) e poi, entro metà anno, anche in Europa. Data però l’emergenza sanitaria, potrebbe slittare con i primi mesi dopo l’estate 2020.

Dimensioni da ammiraglia

Quindi non è una semplice berlina ma una vera e propria ammiraglia? Esattamente, la nuova DS9 sfoggia dimensioni presidenziali con una lunghezza di 4,93 metri e un passo di 2,9 metri (+19 cm di lunghezza e +11 cm di passo rispetto alla nuova Peugeot 508 con cui condivide il pianale) a favore di una ottima abitabilità interna e comfort per tutti gli occupanti. Il family feeling, ovvero la firma stilistica del Brand premium francese, lo ritroviamo al frontale con il tipico DS Wings che scolpisce la grande mascherina anteriore e con la firma luminosa a LED verticale. Novità per il cofano motore che viene diviso per la prima volta dalla finitura “Clous de Paris”, proposta per gli altri modelli DS solo per gli interni, chiara rievocazione della Citroen DS del 1955. La linea di cintura laterale è alta e raccorda perfettamente l’anteriore con il posteriore che strizza l’occhio ad una silhouette da coupé mancata con tetto basso e spiovente. Futuristiche le maniglie sottili a scomparsa che fuoriescono una volta che il conducente (con chiavi o app DS installata sul proprio smartphone) si avvicina alla propria automobile. Già viste, ma sempre scenografiche, le luci posteriori con effetto tridimensionale che vengono incorniciate da listelli cromati.

Interni, comfort fracese

La DS9 è stata progettata per coccolare i propri passeggeri come solo una ammiraglia è capace. Spazio quindi a finiture esclusive con badge DS, orologio B.R.M. analogico integrato nella plancia e rivestimenti in pelle Nappa e Alcantara a profusione. I sedili sono tutti regolabili elettricamente, ventilati o riscaldati, con funzione massaggiante e il comfort in abitacolo è garantito anche dal sistema DS Active Scan Suspension che regola l’assetto della DS9 in modo predittivo grazie ad una telecamera frontale che analizza l’asfalto davanti all’auto. Sono previsti più allestimenti e stili per gli interni che prendono il nome di Bastille, Rivoli, Perfomrance e Opera tutti all’insegna del lusso.

Motori plug-in hybrid

Per quanto riguarda le motorizzazioni della DS9 sono tutte di tipi ibrido plug-in con potenze da 225 a 360 CV. Al lancio la DS9 2020 sarà disponibile solo con il propulsore Puretech i abbinamento al motore elettrico per una potenza complessiva di 225 CV in abbinamento con il cambio automatico a 8 marce e trazione interiore. La DS9 avrà una autonomia di percorrenza da 40 a 50 km in modalità elettrica con una velocità massima di 135 km/h sfruttando le batterie da 11,9 kWh. Oltre a questa modalità ci sono le più tradizionali Hybrid e Sport che modificano, in modo attivo, le regolazioni di sterzo, sospensioni e acceleratore. La ricarica della batteria avviene tramite sistema di bordo da 7,4 kW e per un pieno di carica servono circa 90 minuti. Dopo la DS9 E-Tense da 225 CV arriverà una versione più potente da 250 CV (con maggiore autonomia) e successivamente la più prestazionale variante da 360 CV a trazione integrale. Non sono previsti motori a benzina o motori diesel di tipo tradizionale.

C’è anche il concept della DS9 Coupè

La nuovissima DS 9 ha ispirato anche i designer di X-Tomi che hanno immaginato la berlina francese anche in versione coupè a due porte. Questa porta in dote un design leggermente rivisto con portiere più grandi, un tetto più corto e finestrini laterali posteriori più piccoli. In questa nuova veste da Coupè, la DS9 potrà fare concorrenza ad altre coupé del segmento come BMW Serie 4 e Mercedes-Benz Classe C. E’ auspicabile che la DS9 coupè 2020 possa avere lo stesso motore della berlina, dunque sotto al cofano spazio al motore ibrido plug-in capace di produrre 225 CV o 250 CV con l’ausilio della trazione anteriore senza contare il propulsore da 360 CV con quattro ruote motrici.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati