Waze: una notifica all’apertura per invitare tutti a restare a casa

Waze: una notifica all’apertura per invitare tutti a restare a casa

L'app per la navigazione e l'emergenza Coronavirus

Waze farà apparire, all'apertura dell'applicazione, una notifica per invitare gli automobilisti a riflettere e a valutare in modo consapevole se mettersi in viaggio oppure no, viste le restrizioni previste dal Governo per il Coronavirus
Waze: una notifica all’apertura per invitare tutti a restare a casa

Il Coronavirus ci ha costretto a restare a casa ed a cambiare radicalmente le nostre vite, speriamo per il più breve tempo possibile. Le macchine restano parcheggiate in strada o nei box e non utilizziamo più le app per la mobilità, come Waze. Quest’ultima ha voluto supportare la situazione, attivando un messaggio pop up per invitare tutti gli automobilisti italiani a restare a casa.

La notifica di Waze per #iorestoacasa

A seguito dell’introduzione dell’ultimo decreto, con le nuove chiusure imposte dal Governo per fronteggiare l’emergenza sanitaria che sta colpendo l’Italia, Waze ha scelto di inviare una notifica che invita gli automobilisti a riflettere e a valutare in modo consapevole se mettersi in viaggio oppure no.

“Esci da casa solo se assolutamente necessari. Per gli spostamenti porta l’autocertificazione”, questo il messaggio che appare sull’applicazione quando si apre, con il simbolo del divieto.

Waze e l’emergenza Coronavirus

Dallo scorso 11 marzo tutti gli italiani sono confinati tra le proprie mura domestiche, ma l’emergenza era iniziata prima in alcune regioni e comuni, come quelli in Lombardia e Veneto.

Waze fa sapere che, già in quelle settimane, “la community italiana si è attivata volontariamente per aggiornare in tempo reale la mappa stradale relativa alle zone rosse in Lombardia e Veneto con lo scopo di fornire sia una panoramica della situazione della viabilità aggiornata per i cittadini in transito nelle aree limitrofe a quelle bloccate sia per evitare eventuali disagi per i mezzi autorizzati all’approvvigionamento quotidiano degli abitanti delle zone poste in isolamento”.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati