Coda in A4, scattano i controlli della Polizia Stradale

Coda in A4, scattano i controlli della Polizia Stradale

Questo pomeriggio si è verificata una lunga coda tra le Province di Monza Brianza e Bergamo. Interviene la Polizia Stradale

Coda in A4, scattano i controlli della Polizia Stradale

Oggi sull’autostrada A4, all’altezza di Agrate Brianza, si sono verificate delle lunghe code. È stato necessario l’intervento della Polizia Stradale per accertamenti legati al contenimento dell’epidemia Coronavirus.

I controlli in autostrada

Lungo l’arteria autostradale A4, in direzione Bergamo, si è formata una lunga coda, tanto da rendere necessario un controllo a tappeto anti Covid-19 da parte della Polizia Stradale. Il traffico è stato deviato verso l’area di servizio di Cavenago e Cambiago dove tutti gli automobilisti sono stati soggetti ad un serrato controllo dove è stato necessario esibire il modulo di autocertificazione valido a giustificare che il proprio spostamento in auto fosse regolare. Nella coda sono stati “imbottigliati” numerosi camion, che per il trasporto merci sono esenti da controllo, in direzione Venezia.

Disagi e traffico

La situazione sulla A4 Agrate Cavenago si è aggravata ed è in continuo aumento di traffico. Di fatto è in atto un vero e proprio maxi-posto di blocco in autostrada confermato sia da Autostrade per l’Italia sia dalla Polizia Stradale di Milano. Una situazione analoga si era già verificata martedì quando molti automobilisti si erano messi in viaggio da Milano in direzione Bologna. Si ricorda a tutti di rispettare l’ultimo Decreto Legge che porta a pesanti sanzioni, fino a 3.000 euro di multa, denuncia penale e reclusione fino a 5 anni, se si risulta essere positivi al Covid-19 e si lascia volontariamente la quarantena.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati