Coronavirus: la Germania rischia 100 mila posti di lavoro per l’industria dell’auto

Coronavirus: la Germania rischia 100 mila posti di lavoro per l’industria dell’auto

Si rischia la sovrapproduzione se non riprenderà la domanda di veicoli

Coronavirus: la Germania rischia 100 mila posti di lavoro per l’industria dell’auto

Secondo quanto riporta Welt, oltre 100 mila dipendenti nel mondo dell’industria automobilistica in Germania potrebbero rischiare il posto di lavoro, sempre a causa delle chiusure imposte dall’emergenza Coronavirus. La Germania, primo paese europeo impegnato nella produzione dei veicoli, rischierebbe un impatto gravissimo da questa situazione. Il mondo dell’auto è infatti totalmente fermo da circa 10 giorni, con fabbriche chiuse e dipendenti a casa. La domanda presso la rete di vendita è ovviamente a zero così come lo sarà anche post crisi, dal momento che la situazione finanziaria del paese è stata messa in ginocchio. La ripresa sarà probabilmente lenta e si potrebbe verificare una sovrapproduzione per oltre 1,3 milioni di veicoli, come riferisce l’esperto del mercato automobilistico Ferdinand Dudenhöffer.

Bisogna stimolare l’acquisto di nuove auto


La produzione in Germania dovrebbe ridursi da 5,1 milioni (dato 2019) a circa 3,8 milioni per l’anno in corso, allora si potrebbe ristabilire l’equilibrio del mercato” continua. “Ci saranno però probabili ripercussioni gravi per tutti gli addetti ai lavori: degli oltre 830.000 dipendenti del mondo dell’auto in Germania, circa 100 mila potrebbero rischiare il loro posto di lavoro, si parla del 12%.

Dudenhöffer chiede al governo tedesco di fare di più per stimolare la domanda di auto nuove, in particolare di veicoli elettrici e ibridi. Allo stato attuale, il paese offre un bonus ambientale fino a € 6.000 per l’acquisto di veicoli green, ma potrebbero essere adottate anche altre misure. “Ad esempio, i produttori potrebbero offrire abbonamenti di utilizzo a basso costo, combinati con garanzie di ritorno in caso di disoccupazione”, ha dichiarato Dudenhöffer. “Solo misure coraggiose contrastano l’incertezza ad oggi presente tra gli acquirenti di auto. Bisogna infondere sicurezza nelle persone. Far capire loro che l’acquisto di un’auto nuova non è un salto nel vuoto, ma un investimento tutelato da parte di tutta l’industria dell’auto”, ha aggiunto l’analista.

 

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati