Opel Agila: la piccola monovolume del fulmine compie 20 anni

Opel Agila: la piccola monovolume del fulmine compie 20 anni

Fu prodotta fino al 2014, per poi fare spazio alla Karl

L'Opel Agila fu la prima piccola monovolume in arrivo in Europa. Oggi compie vent'anni, dopo essere entrata in produzione nel 2000 con due generazioni fino al 2014. Ebbe successo soprattutto tra le donne
Opel Agila: la piccola monovolume del fulmine compie 20 anni

L’Opel Agila compie 20 anni. La monovolume del fulmine aveva fatto la sua prima apparizione al Salone di Ginevra 2000 ed era la versione di serie della Concept A, mostrata sempre all’evento elvetico un anno prima. Si trattava di una monovolume di piccole dimensioni, un segmento per la prima volta in arrivo in Europa, con un mix tra maneggevolezza ed abitabilità interna.

Le origini dell’Opel Agila

Questo modello nasceva da un’analisi di mercato secondo cui, alla fine degli anni Novanta, la terza generazione dell’Opel Corsa si stava staccando dal segmento delle vetture piccole, creando così un vuoto nella gamma del fulmine. Per questo venne deciso di produrre l’Agila.

Ebbe un nel successo, soprattutto tra il pubblico femminile, grazie alla linea e ad una capacità del bagagliaio di 700 litri. Era disponibile con due motori a 4 valvole per cilindro, un 3 cilindri di 1.000 cc e un 4 cilindri di 1.200 cc rispettivamente 58 e 75 CV, abbinati a un cambio a 5 marce e alla trazione anteriore. Nel 2003, arrivò anche un 1.300 turbodiesel common-rail da 75 CV.

La seconda generazione

Restò sul mercato per sette anni, poi nella seconda parte del 2007 arrivò la nuova generazione. Più lunga, larga e bassa, con un aspetto più aggressivo e linee meno tese, grazie ad un rinnovamento importante di frontale e coda.

La potenza dei due motori salì a 65 e 86 cavalli, così come il vano di carico arrivò fino a 1.050 litri, girando semplicemente la manopola che faceva ripiegare lo schienale dei sedili posteriori Fu prodotta fino al novembre 2014, poi al fu introdotta l’Opel Karl al suo posto.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati