Nokian Tyres: alcune chiusure, ma garantita la continuità aziendale

Nokian Tyres: alcune chiusure, ma garantita la continuità aziendale

Temporanei licenziamenti, per un massimo di 90 giorni

Nokian Tyres ha fatto il punto della situazione sull'emergenza Coronavirus: chiusa la produzione in alcuni stabilimenti, accordo in Finlandia con i dipendenti e quarantena obbligatoria per chi viaggia aree con epidemia diffusa
Nokian Tyres: alcune chiusure, ma garantita la continuità aziendale

L’emergenza Coronavirus sta colpendo l’industria dell’auto, all’interno della quale ci sono anche le aziende di pneumatici. Nokian Tyres sta interrompendo la produzione nei suoi stabilimenti, per garantire la salute e la sicurezza dei propri dipendenti, ma non prevede, al momento, questa pandemia possa causare una carenza di materie prime, tale da mettere a rischio la produzione.

Le chiusure negli stabilimenti Nokian

Dallo scorso 27 marzo è stata chiusa la fabbrica di Dayton per almeno due settimane, così come lo stabilimento russo di Vsevolozhsk ha sospeso la produzione da lunedì scorso per almeno una settimana. Tuttavia, i magazzini locali continueranno a rifornire i clienti.

“In entrambe le fabbriche, abbiamo completato i preparativi necessari e siamo pronti a seguire le linee guida fornite dalle autorità locali – le parole di Esa Eronen, SVP di Nokian – L’azienda continuerà a prendere tutte le misure appropriate per contribuire a limitare la diffusione di COVID-19″.

In Spagna, invece, i lavori di costruzione del nuovo testing centre sono stati interrotti. Gli appaltatori riprenderanno a lavorare non appena sarà sicuro farlo, ma ciò comporterà qualche ritardo.

La situazione in Finlandia

Nokian ha concluso i negoziati di cooperazione con i dipendenti al lavoro in Finlandia, dove lo stabilimento resterà chiuso per due settimane dal 6 aprile, sia nella produzione di pneumatici per autovetture passeggeri sia quella di pneumatici per mezzi pesanti.

Tutti i 1.630 dipendenti in Finlandia saranno temporaneamente licenziati. La durata dei licenziamenti temporanei varia a seconda dell’incarico, fino a un massimo di 90 giorni a persona nel corso di quest’anno. In Vianor Oy, i tempi sono estesi fino al mese di febbraio 2021.

La quarantena obbligatoria

Inoltre, sono temporaneamente sospesi tutti i viaggi di lavoro ed è stato chiesto ai dipendenti di evitare le riunioni, con un passaggio al lavoro da remoto per tutti i ruoli per i quali è possibile effettuarlo.

L’azienda ha inoltre ha emesso regole di auto-quarantena per i dipendenti che viaggiano a livello internazionale in aree in cui l’epidemia è più diffusa. Tutti coloro che viaggiano per business o leisure, devono rimanere in quarantena per 14 giorni dopo il loro ritorno.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati