Nuova Seat Leon, meccanica camaleontica: primo modello del brand con 5 tipologie di propulsione [FOTO e VIDEO]

Dalle due varianti elettrificate alla versione a metano

La nuova Seat Leon offre ampia possibilità di scelta in termini di motorizzazioni grazie a cinque diverse tecnologie di propulsione disponibili in gamma: benzina, diesel, mild-hybrid, ibrida plug-in e metano.

La nuova Seat Leon vanta un invidiabile primato: si tratta del primo modello del marchio spagnolo ad offrire cinque diverse tecnologie di propulsione, rispondendo così alle esigenza di ogni tipologia di guidatore. La gamma di motorizzazioni della nuova generazione della Leon include infatti varianti a benzina (TSI, diesel (TDI), mild-hybrid (eTSI), ibrido plug-in (eHybrid) e a metano (TGI).

Disponibili 11 varianti meccaniche

Complessivamente la nuova Seat Leon offre 11 diverse varianti meccaniche, con una potenza erogata che va dai 90 CV del 1.0 TSI ai 204 CV della variante ibrida plug-in. Dotata di Drive Profile (disponibile di serie nella versione FR), la Leon 2020 consente a chi è al volante di scegliere fra diverse modalità di guida pre-impostate (Eco, Normal, Comfort e Sport), oltre alla modalità Individual, che permette di adattare l’auto alle proprie esigenze, grazie al nuovo selettore DCC.

Propulsori TSI a benzina

I motori benzina disponibili per la nuova Seat Leon sono tutti a iniezione diretta con turbocompressore ed erogano da 90 a 190 CV. I due propulsori con potenza inferiore, di 90 e 110 CV, sono motori TSI tre cilindri da 1.0 litro che fanno il loro debutto assoluto sulla Leon. Il primo sviluppa 90 CV e 175 Nm di coppia, mentre il secondo eroga 110 CV e 200 Nm. Le due varianti 1.0 TSI, così come il 1.5 TSI da 130 CV, dichiarano un consumo medio tra 5,1 e 6,1 l/100 km con emissioni di CO2 tra 114 e 137 g/km. La gamma benzina prosegue con i propulsori 1.5 TSI da 130 e 150 CV, mentre al vertice dell’offerta c’è il motore 2.0 TSI da 190 CV, abbinato al cambio automatico DSG a doppia frizione.

Propulsori diesel TDI

Sono tre le motorizzazioni diesel offerte dalla nuova Seat Leon, tutte 2.0 TDI. Sia per la versione hatchback che per la Sportstourer, è disponibile il motore a gasolio da 115 CV, abbinato al cambio manuale, mentre la versione da 150 CV può optare anche per l’automatico DSG. Inoltre, sulla versione Sportstourer col 2.0 TDI 150 CV è disponibile anche la trazione integrale 4Drive. I consumi di carburante della versione 2.0 TDI 150 CV si attestano tra i 4,3 – 5,0 l/100 km (hatchback) e 4,5 – 5,1 l/100 km (Sportstourer) in ciclo WLTP, a fronte di emissioni di CO2 di 114-132 e 117-133 g/km, rispettivamente.

Due diverse opzioni ibride: mild-hybrid e ibrida plug-in

Sulla nuova Seat Leon debuttano per la prima volta due propulsori ibridi, un mild-hybrid (eTSI) e una versione ibrida plug-in (eHybrid). La Leon mild-hybrid monta il motore 1.5 eTSI da 150 CV con tecnologia ibrida leggera a 48 V, abbinato al cambio automatico DSG. Questa versione della vettura spagnola dichiara un consumo medio tra 5,6 e 6,4 l/100 km, con emissioni di CO2 tra i 127 e 144 g/km.

L’altra variante elettrificata della nuova Seat Leon è rappresentata dalla motorizzazione ibrida plug-in 1.4 eHybrid, versione più potente della gamma, che sarà disponibile nella seconda metà dell’anno. Tale motorizzazione mette insieme il benzina 1.4 TSI con un motore elettrico, un pacco batterie agli ioni di litio da 13 kWh e il cambio DSG a doppia frizione a 6 marce per un powertrain che sviluppa una potenza complessiva di 204 CV. La Leon eHybrid permette di guidare per circa 60 chilometri in modalità totalmente elettrica.

TGI a metano

A completare la gamma della nuova Seat Leon, sempre nella seconda metà dell’anno, arriverà il motore 1.5 TGI a metano, abbinabile sia al cambio manuale che DSG, che eroga una potenza di 130 CV. Questa versione della Leon integra tre serbatoi per il metano con un volume netto complessivo di 17,3 kg, garantendo alla vettura un’autonomia di 440 km senza necessità di fare rifornimento. Nel caso in cui l’autonomia a metano dovesse terminare, il motore passa automaticamente all’alimentazione a benzina per poter raggiungere la più vicina stazione di rifornimento a metano.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Auto

Seat Leon 2020: ora tua a 179 euro al mese

Seat Leon 2020: ecco le promozioni per privati e partita IVA
Nonostante il Coronavirus, Seat ha lanciato la nuova Leon che ora si presenta al pubblico con una gamma motori completamente