Coronavirus: Sileri “Fine quarantena? Forse prima di inizio maggio”

Coronavirus: Sileri “Fine quarantena? Forse prima di inizio maggio”

Ma aumentano le trasgressioni alle misure di contenimento

Quando finirà la quarantena? È la domanda che si stanno ponendo tutti gli italiani e la risposta ad ora non c'è, anche se arrivano le prime ipotesi per le prossime settimane. Però sono aumentati i trasgressori nel weekend
Coronavirus: Sileri “Fine quarantena? Forse prima di inizio maggio”

I numeri degli ultimi giorni sul Coronavirus sono, finalmente, un po’ più confortanti, in particolare per una riduzione della pressione sugli ospedali. La domanda che si pongono tutti è legata alla fine della quarantena, cioè quando potremo finalmente tornare fuori di casa: “Tra qualche settimana forse sarà possibile cominciare ad uscire, con precauzioni, ovvero le mascherine – le parole di Pierpaolo Sileri, viceministro della Salute – forse prima dell’inizio di maggio”.

Sarà un lento ritorno alla normalità

Se i dati continueranno la discesa, dunque, sarà possibile ritornare a fare almeno alcune attività lavorative e non, seppur con protezione e circospezione, mentre sarà lunga la strada alla normalità, cioè a quella vissuta fino alla metà dello scorso mese di febbraio.

“Un progressivo ritorno alla normalità è auspicabile, ma è presto per dirlo – ha aggiunto il viceministro – e poi bisogna stare attenti agli eventuali focolai, perché il virus rimarrà nella nostra società e, fino a che è tra di noi, qualcuno potrà essere contagiato”.

Aumentate le sanzioni nel weekend

Purtroppo, però, il weekend ha visto aumentare le trasgressioni al divieto di uscire di casa, se non per motivi di prima necessità, salute o lavoro. Sono oltre 20mila le persone denunciate nel corso del weekend, di cui oltre 11.000 nella giornata di domenica, dopo i circa 9.500 di sabato.

Gli esercizi commerciali controllati, invece, sono stati 66.538: 115 titolari sono stati sanzionati, per 24 è stata decisa la chiusura dell’attività.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati