BMW: il capo design afferma che non si abbandonerà il doppio rene

BMW: il capo design afferma che non si abbandonerà il doppio rene

"E' un tratto di storia che non può assolutamente andar perso"

BMW: il capo design afferma che non si abbandonerà il doppio rene

Secondo quanto affermato capo design di BMW, Domagoj Dukec, il doppio rene rimarrà sempre e comunque il simbolo identificativo delle BMW del futuro che condivideranno senza compromessi il vero DNA delle vetture dell’elica, a partite proprio da alcuni stilemi stilistici che le hanno sempre contraddistinte.

BMW, la storia del doppio rene continuerà

Parlando con una grossa testata inglese, Domagoj Dukec ha affermato che l’emblema frontale delle BMW sarà presente anche sulle vetture del futuro, presumibilmente elettriche, nonostante queste non abbiano una vera necessità di aerazione del vano motore. Il doppio rene è quindi molto più di un dettaglio stilistico, di un particolare ma una vera e propria firma della storia del brand che si ripresenta e si ripresenterà anche nelle auto che verranno “è come raccogliere un’eredità e portarla avanti, dando valore tutto ciò che è stato fatto e proiettarlo verso il futuro, per non dimenticare la storia di un marchio così importante come BMW“.

Se torniamo indietro nel tempo, il doppio rene ha proposto un nuovo stile alle griglie di aerazione delle auto. Basta pensare alle vecchie Rolls-Royce, avevano si una griglia imponente, ma aveva la semplice forma del radiatore posto dietro ad essa. Noi, fin dalle origini, abbiamo pensare a dare un senso estetico ad un tratto estremamente funzionale. Si risucchiava ugualmente aria, ma con stile

Lo stile unico sarà comunque presente sia sulla divisione M che sulla nuova divisione i dei veicoli elettrici. Tuttavia BMW non intende procede con 3 unità divise ma 3 diversi modi di intendere l’auto, da quello convenzionale e tradizionale, a quello estremamente sportivo a quello totalmente green e ad impatto zero.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati