Carburanti: persi oltre il 90% dei ricavi, impianti a rischio fallimento

Carburanti: persi oltre il 90% dei ricavi, impianti a rischio fallimento

"Non credo riusciremo a garantire il servizio ancora per molto"

Il lockdown anti Coronavirus sta mandando in crisi anche la categoria dei benzinai, visto il ridottissimo utilizzo di carburante: stimata una perdita di 1,95 miliardi di litri di carburante nell'ultimo mese
Carburanti: persi oltre il 90% dei ricavi, impianti a rischio fallimento

Le misure restrittive per contenere il Coronavirus hanno costretto le auto e moto della maggior parte degli italiani a restare parcheggiate in box o in strada. Questo ha portato ad un crollo del consumo di carburante a livello nazionale, le perdite stimate per il mese di marzo sono del 90% e c’è l’allarme da parte dell’associazione nazionale: “Migliaia di impianti sono a rischio fallimento”.

Gli impianti di carburante ed il lockdown

In Italia sono attivi circa 21.500 punti vendita carburanti, di cui circa l’80% circa ancora regolarmente in funzione: le scorte sono minime ed alcuni gestori le esauriscono, dovendo così restare chiusi in attesa della nuova fornitura. Le perdite sono di 1,95 miliardi di litri di carburante dalla seconda settimana di marzo fino al 6 aprile.

La perdita in termini di fatturato complessivo ammonta a 2,9 miliardi di euro, mentre quelle di reddito lordo per i gestori sono stimabili in circa 60 milioni di euro, ricavando mediamente meno di 300 euro di ricavo lordo mensile per punto vendita.

L’allarme lanciato da Faib

Dopo aver minacciato una chiusura generale a fine marzo, poi rientrata, la Faib Confesercenti lancia un nuovo allarme: “Siamo allo stremo. alcuni costi fissi di gestione, utenze e servizi ed il costo sostenuto per il personale rappresentano un peso economico insopportabile per le gestioni”.

Poi prosegue: “Oggi i nostri impianti hanno un ricavo lordo che potremmo stimare in poco più di 10 euro al giorno derivante dai carburanti. In queste condizioni, senza interventi del Governo e l’accesso a tutte le possibili forme di difesa del reddito, fiscali e non, sostegni economici concreti, non credo che riusciremo a continuare a garantire il servizio pubblico ancora per molto”.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati