Alfa Romeo e Fiat anni ’90 nuove recuperate. Spicca l’Alfa 33 Sportwagon

Il sogno di ogni appassionato: ritrovare auto abbandonate nuove ancora da immatricolare. Il lotto Made in Italy in Argentina

La notizia che arriva dall’Argentina rispecchia il sogno di ogni appassionato e ricercatore di auto. Non vi parlo di una “nobile” Lamborghini Miura trovata in un fienile ma di auto italiane anni ‘90 ancora da immatricolare trovate in una ex concessionaria di Buenos Aires.

Anni ‘90 km 0

L’azienda era chiusa da diversi anni ma al suo interno nascondeva un lotto colmo di auto italiane praticamente in stock. Auto di 30 anni fa a km 0 o con al massimo una manciata di chilometri per qualche test drive cliente come se il tempo si fosse fermato negli anni ‘90.

I modelli

Sotto dita e dita di polvere in locali abbandonati possiamo vedere alcune Fiat Uno, Fiat Tipo, Fiat Tempra e Fiat Duna. Tra tutti i modelli spicca una rara Alfa Romeo 33 Sportwagon e un veicolo commerciale Fiat Ducato ma anche qualche auto non italiana come la bellissima Peugeot 405. Tutti i modelli non sono stati mai immatricolati e sono privi di targa.

I fortunati Kaskote Calcos

Chi ha rilevato la ex concessionaria o non è un appassionato di auto o non aveva tempo per il recupero e restauro di tutti questi modelli. Così ha coinvolto la ditta Kaskote Calcos che ha ritirato tutto il lotto scoprendone i segreti. Tutte le auto avevano percorso zero o pochissimi chilometri e dopo un lavaggio e detailing accurato sono tornate come se fossero appena uscite dalla fabbrica. Non sono stati rilasciati ancora i prezzi di vendita ma possiamo starne certi: fra non molto arriveranno sul mercato delle auto nuove anni ‘90 e gli appassionati di youngtimer dovrebbero tenere d’occhio il profilo di Instagram @kaskotecalcos.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati