BMW, focus sulla tecnologia di bordo: il Gesture Control [VIDEO]

BMW, focus sulla tecnologia di bordo: il Gesture Control [VIDEO]

Così funziona il sistema di comandi gestuali

BMW spiega il funzionamento del Gesture Control, il sistema di comandi gestibili attraverso il movimento della mano, integrato all’assistente digitale dell’Elica.
BMW, focus sulla tecnologia di bordo: il Gesture Control [VIDEO]

BMW ha investito tanto nella digitalizzazione delle proprie vetture. Uno degli attuali migliori rappresentanti concreti di tale sforzo è il BMW Intelligent Personal Assistant, ovvero l’assistente vocale che si attiva pronunciando “Ciao BMW” e che è in grado di spiegare ogni funzione della vettura con supporti multimediali della guida di bordo digitale.

Il BMW Intelligent Personal Assistant, una volta chiamato in causa, spiega anche come funziona il comando gestuale. Introdotto per la prima volta nel 2015 con la Serie 7, il BMW Gesture Control consente il comando delle principali funzioni di bordo attraverso dei semplici gesti.

Gestire i comandi col gesto del dito o della mano

Oltre che attraverso l’iDrive Controller, la navigazione, il telefono, le funzioni d’intrattenimento e della vettura sono gestibili anche tramite gesti, comando vocale e display touchscreen centrale. In particolare il BMW Gesture Control permette di controllare alcune funzioni del sistema d’infotainment e del telefono. Bastano dei semplici movimenti della mano o del dito, rilevati da un sensore 3D posizionato nella zona della consolle centrale, per attivare diversi comandi: puntare l’indice verso lo schermo è sufficiente per accettare una chiamata telefonica, un movimento della mano verso destra la rifiuta. Gli stessi gesti consentono di accettare o rifiutare altre richieste da parte dell’autovettura.

Quando l’indice descrive un cerchio orario o antiorario, ciò permette di alzare o abbassare il volume dell’impianto audio. Pollice e medio uniti consentono di ruotare la vista attorno alla vettura nella visione a 360° oppure se il guidatore li sposta dalla carta di navigazione verso sé, la sezione cartografica viene ingrandita. Quando con l’indice e il medio viene fatto il simbolo della vittoria, è possibile configurare uno dei comandi a selezione libera. Negli ultimi sistemi anche il gesto di mano aperta che viene chiusa a pugno permette di richiamare una funzione a scelta, in questo modo i segni impostabili dal guidatore diventano due. Sempre nei sistemi di recente introduzione, il pollice verso destra consente di passare al prossimo brano della playlist, verso sinistra torna al brano precedente.

Personalità digitale made in BMW

Il BMW Intelligent Personal Assistant impara le routine e le abitudini del guidatore ed è successivamente in grado di applicarle nel contesto appropriato. Aiuta il conducente, apprende le sue preferenze e conosce le impostazioni preferite, ad esempio per il riscaldamento dei sedili o per i luoghi verso cui utilizzano frequentemente il sistema di navigazione (“Portami a casa”). Una caratteristica distintiva rispetto ad altri assistenti digitali è che i conducenti possono dargli un nome (ad esempio, “Ciao Charlie”) per dare ancora più individualità e personalità.

Il sistema conosce le funzioni del veicolo ed è in grado di gestirle come richiesto. Dire “Ciao BMW, ho freddo” spingerà il BMW Intelligent Personal Assistant a regolare di conseguenza la temperatura all’interno della vettura, è inoltre in grado fornire informazioni sullo stato corrente (“Il livello dell’olio è a posto?”) e aiutare a rispondere alle domande (“Quali messaggi di avviso ho?”). Conosce le impostazioni preferite del conducente e può persino attivare una combinazione di esse per migliorare il benessere. Ad esempio, “Ciao BMW, sono stanco” avvia un programma di vitalità che regola i colori dell’illuminazione, la musica e la temperatura, tra le altre cose, al fine di rendere il guidatore più vigile. BMW inoltre offre costanti aggiornamenti tecnici da remoto per il suo assistente digitale, rendendolo così in grado di apprendere sempre più preferenze e impostazioni preferite.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati