Coronavirus, Milano: oltre mille agenti e droni per il fine settimana del 25 aprile

Coronavirus, Milano: oltre mille agenti e droni per il fine settimana del 25 aprile

La polizia di Milano si adopera per controllare strade e arterie principali

Coronavirus, Milano: oltre mille agenti e droni per il fine settimana del 25 aprile

Il occasione della festività del 25 aprile, 75esima ricorrenza della Liberazione, è stato organizzato un massivo intervento della Polizia Locale e delle forze dell’ordine per mantenere sotto controllo la città di Milano, scongiurando spostamenti non giustificati e gite fuori porta. Oltre 1.100 agenti con il supporto di droni e unità su due ruote pattuglieranno le strade e le arterie principali che, si presume, dovrebbero rimanere praticamente deserte data la chiusura di tutte le attività.

Non bisogna vanificare gli sforzi fatti fino ad oggi

Fino ad oggi sono stati effettuati oltre 22 mila controlli sui pubblici esercizi e sulle attività, con oltre 5.000 persone fermate per strada. Sono state sanzionate oltre 150 attività non regolari e più di 260 le persone multate per spostamenti non giustificati. I controlli nei parchi sono saliti ad oltre 1.100 e rimangono quasi 5.000 le verifiche effettuate sui soggetti positivi a cui è stata imposta la quarantena forzata presso il proprio domicilio. Ricordiamo che le misure fino ad ora messe in atto rimangono in vigore fino al 4 maggio, data dopo la quale si presume verrà introdotto un nuovo DPCM da parte del governo che andrà a chiarire come si gestiranno le normali attività lavorative (e non solo) in quella che viene definita “fase due“.

In questo weekend l’attenzione sarà massima, come in occasione di Pasqua – ha commentato la vicesindaco e assessore alla Sicurezza Anna ScavuzzoLa voglia di uscire e tornare alle nostre vite è tanta, ma bisogna resistere ancora e non vanificare tutti gli sforzi fatti fino ad oggi. Il DPCM è tutt’ora in vigore e non bisogna agire in modo illegale“.

Leggi altri articoli in Circolazione stradale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati