Milano: bici e monopattini elettrici per ridurre il traffico nella metropoli

Milano: bici e monopattini elettrici per ridurre il traffico nella metropoli

Si prevedono oltre 8 mila nuove biciclette e circa 4 mila Segway

Milano: bici e monopattini elettrici per ridurre il traffico nella metropoli

Biciclette elettriche e monopattini, probabilmente anche in condivisione. Sembra essere questa la scelta “green” di Palazzo Marino per la Fase 2, riducendo lo spazio destinato alle auto in alcune delle arterie principali, per far posto a marciapiedi più grandi e piste ciclabili. Per la Fase 2 la micromobilità potrebbe diventare un fattore cruciale, riducendo così la probabilità di assembramento sui mezzi pubblici.

Si prende ispirazione dalle città del Nord Europa

Si parla di numeri davvero importanti: le bici in condivisione potrebbero passare dalle 8 mila attuali ad oltre 16 mila, superando quota 6 mila per i monopattini elettrici, contro i poco più di 2 mila attuali. Questi i numeri pronosticati per poter far fronte a mezzi di trasporto dalla capacità ridotta, date le norme di distanziamento imposte per contenere la diffusione del contagio da Coronavirus.

Il piano prenderà il nome di “Strade Aperte“, ricevendo la collaborazione dei principali gestori del bike sharing, migliorando il funzionamento dei bandi per poter raggiungere situazioni migliori per tutta la popolazione e con costi contenuti. “Il nostro obiettivo è quello di aumentare l’offerta di mobilità complementare e leggera per favorire il distanziamento, aumentare la sicurezza senza impattare in modo eccessivo sul traffico e sull’inquinamento. Ora dobbiamo solo aspettare le imprese che si presenteranno per integrare le flotte già presenti in città di biciclette e monopattini” dichiara Marco Granelli assessore alla Mobilità.

Attenzione anche per i monopattini

Sempre in accordo con le decisioni del Ministero dei Trasporti, i monopattini elettrici potranno circolare su tutte le strade dove è presente un limite massimo di velocità di 50 km/h e laddove è presente una pista ciclabile. La velocità massima per questi dispositivi è sempre impostata a 25 km/h mentre scende a 6 km/h quando si trovano a circolare in aree pedonali.

Leggi altri articoli in Circolazione stradale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati