Coronavirus, Fase 2: FCA è pronta a ripartire [VIDEO]

Coronavirus, Fase 2: FCA è pronta a ripartire [VIDEO]

Ripartire dal fattore umano, prima che dalle auto

Coronavirus, Fase 2: FCA è pronta a ripartire [VIDEO]

Il Coronavirus ha messo in ginocchio l’Italia e l’intero pianeta. Un periodo oscuro per la storia dell’umanità che ha visto molta gente soffrire, molte vittime e molte rinunce per oltre 7 miliardi di persone. Un periodo dal quale però bisogna sapersi rialzare, saper far tesoro degli errori e di ciò che non ha funzionato, degli errori dell’uomo e delle sue mancanze su tanti ambiti, ma bisogna ripartire, può forti di prima. FCA quindi, attraverso un video, ci mostra quella che è la sua politica e la sua missione. Valorizzare il fattore umano, soprattutto italiano e far ripartire il paese, più forti di prima.

Dal 4 luglio un nuovo inizio, per la Fase 2

Ne abbiamo sentite di tutti i colori. E’ ormai una settimana che si parla della fantomatica Fase 2, il nuovo inizio dell’Italia, la nuova ripartenza, soprattutto economica del paese. Un periodo di transizione in cui non sarà ancora permessa una libertà di spostamento totale ma attraverso il quale si manterrà monitorata la situazione per evitare spiacevoli seconde ondate del virus e poter tutelare la salute di tutti i cittadini. Sicurezza e tutela. Queste le due parole attorno al quale si svilupperà questa nuova fase.

FCA ha quindi voluto ricordarci quello che per lei è il fondamento della società e dell’economia. L’uomo. Attraverso un video decisamente toccante ha scelto di rendere omaggio a tutti coloro che hanno saputo aiutare il paese a rialzarsi: i medici, gli infermieri, le forze dell’ordine e tutti coloro che sono stati costretti a lavorare continuamente, nonostante la preoccupante situazione della pandemia. Un grazie alle persone che, come soldati, hanno stretto i denti e resistito, così come a tutte quelle vittime che, purtroppo, non ce l’hanno fatta.

Per tutte le informazioni relative alla Fase 2 vi segnaliamo il nostro articolo approfondito, nonché il documento necessario per la nuova autocertificazione (qui il file da scaricare).

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati