Toyota: continua il grande successo dell’ibrido, soprattutto in Europa

Toyota: continua il grande successo dell’ibrido, soprattutto in Europa

Oltre un quinto sono state destinate all'Europa

Toyota: continua il grande successo dell’ibrido, soprattutto in Europa

Toyota, fin dagli anni ’90 è diventata sinonimo di auto ibrida, con il lancio di questa tecnologia rivoluzionaria già nel lontano 1997, con la prima edizione della Prius, dotata di una silhouette che in Europa non è mai arrivata. Oggi, ad oltre vent’anni dalla sua presentazione, possiamo dirvi con fermezza che la casa giapponese ha superato le 15 milioni di unità di auto ibride vendute in tutto il mondo. Un successo davvero senza eguali.

Toyota e Prius, un legame indissolubile

Abbiamo conosciuto questa vettura e questa tecnologia solamente nel 2003, quando fu presentata la seconda serie che poteva già vantare due motori elettrici, una batteria dalle dimensioni generose e ottime percorrenze kioometriche, con un grand risparmio di carburante. Venne anche introdotto il cambio eCVT, un qualcosa di totalmente rivoluzionario sia per il mondo americano che europeo. Il resto poi è storia, con le varie generazioni di Prius che si sono susseguite.

Basti pensare che Toyota ormai totalizza con l’ibrido il 66% delle sue vendite complessive mondiali: 2 auto su 3 sono dotate di tecnologia Full-Hybrid o Plug-In Hybrid. Un risultato davvero inaspettato per la casa giapponese, anche derisa dall’intero mondo automotive quando si trovò a scommettere su questa tecnologia già verso la fine degli anni ’90. In Europa e più precisamente in Gran Bretagna, la Yaris è diventata la vettura Toyota più venduta in assoluto, superando anche le quote della Prius, in attesa di vedere le risposta del mercato all’introduzione della nuova Yaris, con un nuovo telaio e nuova tecnologia di bordo.

Secondo uno studio condotto dal centro di ricerca di Toyota, con i suoi 15 milioni di vetture ibride immatricolate nel mondo, la casa giapponese ha permesso di risparmiare oltre 120 milioni di tonnellate di emissioni in CO2 rispetto ad equivalenti vetture a benzina.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati