Ferrari, consegne in crescita del 4,9% nel primo trimestre 2020

Ferrari, consegne in crescita del 4,9% nel primo trimestre 2020

Ricavi in linea, in attesa degli effetti del Covid-19 sui conti

Ferrari, consegne in crescita del 4,9% nel primo trimestre 2020

Ferrari ha comunicato i risultati economici e finanziari del primo trimestre 2020, periodo nel quale le vendite, con 2.738 veicoli consegnati, hanno fatto registrare un incremento del 4,9% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Ricavi netti in linea col 2019

Si mantengono pressoché in linea con l’anno precedente i ricavi netti, pari a 932 milioni di euro, questo nonostante il calo dei ricavi generati dalla Formula 1 e altri ricavi. In attesa che gli effetti del coronavirus si facciano evidenti sui risultati secondo trimestre dell’anno, la Casa di Maranello ha rivisto i target con ricavi tra 3,4 e 3,6 miliardi.

Consegne: modelli V8 +5,7%, V12 +2,4%

Le consegne del periodo gennaio-marzo 2020 sono state trainate dal +5,7% delle vendite dei modelli V8, mentre i modelli V12 sono cresciuti del 2,4%. Volumi cresciuti nonostante le consegne siano state sospese prima del previsto a causa della pandemia da Covid-19. All’uscita di scena di 488 GTB e 488 Spider hanno ben sopperito 488 Pista, 488 Pista Spider e F8 Tributo. I modelli Ferrari Monza SP1 e SP2 hanno rispettato i risultati di vendita attesi. Per quanto riguarda le aree geografiche, le regione Emea ha fatto segnare un +25,4%, aumento del 23,2% nel resto dell’Apac e del 4,2% nelle Americhe.

Stime 2020 riviste al ribasso

Alla luce “degli attuali vincoli e incertezze” del mercato Ferrari ha rivisto i target del 2020, ritoccandoli al ribasso. Così la stima dei ricavi netti, precedentemente superiore ai 4,1 miliardi, è ora fra 3,4 e 3,6 miliardi. Ridotte anche le previsioni relative ad ebitda adjusted pari 1,05-1,20 miliardi (era 1,38-1,43 miliardi), ebit adjusted 0,6-0,8 miliardi (da 0,95-1 miliardi), utile diluito adjusted per azione 2,4-3,1 per azione (da 3,90-3,95 per azione), free cash flow industriale 0,1-0,2 miliardi (da maggiore o uguale a 0,4 miliardi).

La revisione delle stime, spiega il Cavallino, “riflette le previsioni dell’impatto della pandemia da Covid-19, che influenzerà principalmente i risultati del secondo trimestre, causando una forte riduzione dei ricavi e dei proventi della Formula 1, delle attività legate al marchio e dalle vendite di motori a Maserati”.

Utile netto di 166 milioni: -8%

Il primo trimestre 2020 di Ferrari si è chiuso con un utile netto di 166 milioni di euro, in flessione dell’8% rispetto ai prime tre mesi di un anno fa. L’ebitda adjusted è di 317 milioni, con un in incremento dell’1,9% e un margine del 34%. In calo rispetto al primo trimestre 2019, per effetto dei maggiori ammortamenti, è invece l’ebit adjusted.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati