Coronavirus: Renault, supporto alla Protezione Civile nella Fase 2

Coronavirus: Renault, supporto alla Protezione Civile nella Fase 2

Prestito delle auto e beneficenza per l'emergenza sanitaria

Coronavirus: Renault, supporto alla Protezione Civile nella Fase 2

Renault continua il suo supporto per l’emergenza coronavirus. Dopo aver sostenuto la Croce Rossa durante il lockdown, la casa della Losanga ha messo a disposizione alcuni veicoli a favore della Protezione Civile della Regione Lazio per la cosiddetta Fase 2, quella della ‘ripartenza’ dell’Italia. E c’è anche una donazione con le rate finanziarie arrivate dai clienti della casa francese.

Le vetture Renault alla Protezione Civile

Entrando più nel dettaglio, a partire da questa settimana il Gruppo Renault Italia, ha messo a disposizione alcuni esemplari dei propri veicoli, al fine di agevolare i servizi di assistenza alla popolazione e le altre attività istituzionali degli operatori impegnati nel supporto alla cittadinanza nella Fase 2.

“In questa fase di ripartenza, siamo felici di portare avanti il nostro impegno in termini di solidarietà, che riteniamo essenziale come contributo concreto a tutti i soggetti impegnati nel far uscire l’Italia dalla crisi sanitaria – le parole di Francesco Fontana Giusti, direttore comunicazione ed immagine del Gruppo Renault Italia – tra cui la Protezione Civile, che ringraziamo vivamente per il prezioso sostegno quotidiano al fianco dei cittadini italiani”.

Un euro per la beneficenza

L’altra iniziativa, sempre a favore della Protezione Civile, è in ‘collaborazione’ con i propri clienti. Per favorire l’acquisto di nuove vetture, infatti, la casa francese consente di pagare solamente un euro la rata del piano finanziario, anziché quella prevista, per un massimo di sei rate.

L’euro, pagato simbolicamente dal cliente sulle rate oggetto di promozione, sarà devoluto alla Protezione Civile, come contributo di Renault, Dacia e RCI Banque S.A. a sostegno della battaglia contro l’epidemia.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati